Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.894
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
di Giuseppe Marzo (Professor of Business Economics at University of Ferrara, Partner at Edeos)
Dicembre 2017

Pubblicato sul sito www.linkedin.com in data 28 dicembre 2017.

* * *

Come usare al meglio lo Z-Score di Altman? Innanzitutto occorre monitorare l'andamento dello score nel corso del tempo. Inoltre è opportuno comprendere i limiti della sua efficacia e gli effetti che può generare sui comportamenti di analisti e imprese.
La procedura di allerta prevista dalla nuova riforma del diritto fallimentare ha stimolato varie riflessioni (anche su linkedin) in merito all'utilità dello Z-score di Altman come strumento utile a presagire le probabilità di fallimento di un'impresa.
Il modello di Altman è una funzione lineare di variabili che rappresentano alcuni indici di bilancio selezionati mediante l'analisi discriminante lineare multipla. Sostituendo il valore degli indici di un'impresa alle variabili della formula, si ottiene un punteggio (score) che, se inferiore ad una certa soglia, indica che un'impresa ha un'elevata probabilità di fallire. A partire dal 1968, anno in cui lo Z-Score fu proposto per la prima volta, se ne sono elaborate varie versioni, applicabili a specifiche tipologie di imprese. Questa presentata di seguito è la funzione elaborata nel 1993 per le imprese non-quotate:

Z' = 0.717 × Capitale Circolante Netto/Totale Attivo+0.847 × Utili non distribuiti/Totale Attivo +3.107 × EBIT/Totale Attivo +0.420 × Patrimonio Netto Contabile/Totale passività +0.998 × Ricavi/Totale Attivo

Con questo modello, score inferiori a 1,23 vengono associati a probabilità di fallimento, e score superiori a 2,90 vengono associati ad imprese sane. Per punteggi compresi tra le due soglie il modello non consente alcuna previsione. Si tratta di un modello che ha molti vantaggi: è facilmente applicabile; viene costantemente rivisto e rivalutato da ricercatori e istituti di analisi finanziarie; presenta un'efficienza previsionale notevole specie se comparata ai suoi costi applicativi.
La disponibilità di tutti questi vantaggi potrebbe però condurre a impiegare il modello trascurando alcuni aspetti che invece meritano attenzione. Questo post ne discute cinque con l'intento di migliorare l'impiego del modello.

1. Non arrivare troppo tardi
Sin dalla sua formulazione originaria, il modello ha una buona capacità previsionale entro un anno dal bilancio analizzato. In altre parole, il modello identifica la probabilità di fallire entro un anno dalla data del bilancio analizzato. Se pensiamo che il bilancio pubblico è disponibile, in molti casi ad aprile, e che anche la bozza di bilancio per uso interno non è sempre pronta in tempi brevi dalla chiusura dell'esercizio, ne deriva che l'informazione ottenuta dal modello lascia comunque poco spazio a manovre che non siano semplicemente di contingenza.

2. Usarlo in modo dinamico
Uno studio condotto da Altman e Hotchkiss (Altman, E.I. and Hotchkiss, E. (2006), Corporate Financial Distress & Bankruptcy, J. Wiley & Sons, Hoboken, New Jersey) associa i punteggi di una versione dello Z-Score ai giudizi di rating espressi da Standard and Poor's. Ciò significa che il risultato del modello non è più solo un responso in termini di probabilità di fallimento o continuità aziendale, ma anche una simulazione del giudizio di rating da associare ad un'impresa. Il che è utile poiché consente di trattare il tema della crisi non già come un evento, ma invece come il risultato di un percorso che può essere monitorato. Infatti, se si nota che il valore dello score peggiora nel corso del tempo, se ne può dedurre un aumento delle probabilità di fallimento, e quindi la necessità di porre maggior attenzione alla rischiosità dell'impresa. Ciò consente di alleviare la criticità evidenziata al punto precedente.

3. Non impiegarlo per dare un giudizio senza appello
Il modello, seppur statisticamente efficiente, non è infallibile. Si tratta si un modello statistico che "funziona in media". Esso può produrre risultati errati in una duplice direzione: il falso positivo, che etichetta come fallibile un'impresa invece sana; e il falso negativo, che invece identifica come sana un'impresa con elevata probabilità di fallimento. Esso va perciò usato come spunto per condurre un approfondimento delle condizioni di continuità dell'impresa, e non come un modo per emettere una sentenza definitiva sul suo stato di salute.

4. Attenzione alle profezie che si autoavverano
Legata alla riflessione di cui al punto precedente è questa: l'uso acritico del modello può generare il fenomeno delle "profezie che si autoavverano". Si pensi, ad esempio, al caso di un'impresa la cui richiesta di nuovi prestiti rifiutata dalle banche che, adottando il modello di Altman (o simili), hanno etichettato quell'impresa come probabilmente insolvente. L'assenza di tali nuove risorse potrebbe impedire all'impresa di onorare i debiti attuali ed eventualmente altri che nel frattempo sorgeranno, portando così l'impresa allo stato di insolvenza che i modelli impiegati dalle banche avevano predetto. Ma, e la domanda coglie il problema di fondo, quanto hanno contribuito alla crisi d'impresa quei modelli? Cosa sarebbe accaduto se i modelli in questione (sia pure per un errore di calcolo!) avessero predetto a vantaggio dell'impresa un futuro possibile e diverso dall'insolvenza? Probabilmente le banche avrebbero erogato i finanziamenti richiesti, l'impresa avrebbe assolto le sue obbligazioni e forse avrebbe potuto ripartire per percorsi di consolidamento e sviluppo. Attenzione perciò a pensare che i risultati del modello siano ineluttabili e capaci di predire con certezza il futuro.

5. Attenzione all'incentivo a barare
Se il modello diventa lo standard riconosciuto per la previsione della crisi, è possibile che si generino incentivi volti a gabbare il modello. Ad esempio alcune imprese, consapevoli che il loro stato di crisi potrà essere intercettato, potrebbero applicare politiche di bilancio orientate a manipolare gli indicatori del modello. O, addirittura, potrebbero generare comportamenti che modificano realmente gli indici ma peggiorando la situazione aziendale. Un esempio per chiarire. Uno degli indici su cui il modello si basa è il rapporto tra Capitale Circolante Netto e Totale Attività. Un'impresa potrebbe aumentare il valore di questo indice (e, a parità di tutto il resto, il suo Z-Score) combinando politiche di incremento dei crediti commerciali e del magazzino (per aumentare il numeratore) con politiche di cessione di beni aziendali (per ridurre il denominatore). In questo modo però al miglioramento dello score si potrebbe affiancare una situazione finanziaria peggiore, per i maggiori investimenti in circolante e la minor disponibilità di beni aziendali.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Amore e passione in ufficio per un lavoratore su due
Mifid II, le opportunità per il private banking
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Calcio europeo, alta finanza all'assalto per dividersi una...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Indice di allerta nelle crisi di impresa: esiste, funziona...
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Privacy, rischi da valutare subito
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
«Il direttore finanziario è cambiato ora deve fare i conti...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
«Tassare gli uomini di acciaio», Bill Gates fa discutere
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
I nuovi lavori? Un'occasione, a volte una necessità
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Quei manager rivoluzionari che però ignorano le regole...
Dai condoni dimenticati un tesoretto da 20 miliardi
Piccole imprese: come tirarsi fuori dai debiti con 6 consigli...
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Mifid II, mercati più trasparenti con la "governance" della...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)