Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

C'è una sfida hi-tech per l'arrivo di Basilea 2
di Eugenio Occorsio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 13 marzo 2006

L'impegno tecnologico delle banche per adeguarsi alle direttive del cosiddetto "accordo Basilea 2" è quasi completato. All'AbiLab, il laboratorio messo su dall'Associazione bancaria in occasione dell'accordo stesso e delle questioni che apre soprattutto quanto a gestione del rischio, a cui aderiscono oggi 120 banche e 70 aziende di informatica, dividono la problematica in tre parti: 1) Rischio di credito. E' il rischio che corre una banca nel prestare soldi ad una società, e sarà interessato dalle previsioni dell'accordo perché molto più stringenti saranno i parametri con i quali calcolare appunto il rischio. 2) Rischio operativo. E' quello che si corre nella gestione del credito stesso una volta concesso, in quanto bisogna monitorare costantemente e puntualmente l'andamento dei pagamenti, degli interessi, degli imprevisti, delle eventuali frodi. 3) Rischio di mercato, connesso evidentemente con l'andamento dei cambi, dei corsi azionari, degli investimenti di qualsiasi genere che una banca effettua con fondi propri o dei clienti. Ognuno dei tre punti prevede cospicui impegni di adeguamento, dal software all'addestramento del personale specializzato, per poter cogliere le opportunità dell'informatica di rete nell'attenuazione di ogni singolo rischio, il tutto evidentemente per dare miglior fiducia ai clienti e agli azionisti delle banche.
Dal punto di vista tecnologico, mentre gli investimenti per i secondi due capitoli sono quasi completati, qualcosa da fare resta a carico del primo dei tre requisisti, probabilmente il più complesso da gestire perché attiene ai rapporti con una molteplicità di operatori economici. Basilea 2, com'è noto, è il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche. In base ad esso le banche dei paesi aderenti dovranno accantonare quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari rapporti di credito assunti. Maggior rischio significa maggiori accantonamenti, quindi per la banca maggiori costi. Le banche dovranno classificare i propri clienti in base alla loro rischiosità, attraverso procedure di rating sempre più sofisticate.
Il timore, sempre con riferimento al primo punto fra quelli citati, è che l'applicazione dell'accordo possa tradursi in minor credito alle imprese più rischiose e a tassi più elevati. Appare quindi evidente la necessità che le aziende, ed in particolare le piccole e medie imprese, pongano in essere tutte le politiche, gestionali e di bilancio, che riescano a rafforzarne la struttura e la propria immagine per affrontare serenamente l'esame dei rating bancari. E in effetti i timori sono abbastanza giustificati. Secondo quanto sostenuto da Paolo Biffis, professore ordinario di Economia degli intermediari finanziari presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, in un articolo per il sito degli economisti del sito lavoce.info, il Basilea 2 in Italia sarebbe applicato a oltre cinque milioni di imprese. Di queste 600.000 «hanno obblighi contabili in quanto costituite nella forma della società di capitali. Ciò significa che un buon 88% delle imprese può fornire ai propri finanziatori scarse informazioni economiche, finanziarie e patrimoniali». Nonostante questo dagli ultimi incontri internazionali sono scaturite buone notizie verso quella che Biffis definisce «la riconsiderazione degli elementi di attenuazione del rischio di credito» anche perché si è preso atto che le banche lavorando con molte piccole aziende vanno incontro anche a un enorme frazionamento del rischio.
Manca meno di un anno alla attuazione degli ultimi requisiti dell'accordo Basilea 2, ma i suoi effetti sul sistema banca-impresa sono già ampiamente cominciati: le banche, infatti - che devono dimostrare almeno tre anni di conformità operativa per poter mantenersi in linea con le varie fasi dell'accordo - fin dal 2003 considerano in vigore l'accordo. Entro il 2004 sono scattate le prime scadenze, e via via molto si è fatto nell'ultimo periodo per aggiornare le logiche di concessione dei credito, nuovi strumenti di valutazione del rischio sono stati predisposti, nuovo software e strumenti informatici sono stati avviati, e tutto questo con riferimento sia ai rapporti con le imprese che dal punto di vista del funzionamento interno delle banche stesse. Per esempio, si deve porre molta attenzione, e le banche lo stanno facendo, alla gestione dei database che siano in grado di monitorare l'andamento 'storico' dei prestiti a questo o quel cliente, il tutto per una valutazione sempre più completa appunto dei rischi di credito. Si devono considerare tutti i fattori del rapporto con quella specifica azienda-cliente, usando i più avanzati meccanismi informatici, il tutto per una gestione degli indicatori di rischio dinamica nel tempo, nel senso che l'affidabilità di un'impresa può evidentemente cambiare, anche molto repentinamente, nel bene o nel male. Così come, per quanto attiene ai rischi operativi, occorre creare tutta una serie di nuovi indicatori interni per valutare i sistemi, il personale, l'andamento della gestione degli immobili, le conseguenze di imprevisti naturali o provocati dagli uomini, insomma il cosiddetto 'rischio del servizio interno'.
I problemi che possono derivare per le piccole e medie imprese dall'introduzione del Basilea 2 sono evidenziati anche da una ricerca che l'Unioncamere ha condotto su un campione di 7.860 piccole e medie imprese italiane. La simulazione prevedeva l'esame dei bilanci del campione di riferimento con l'applicazione di alcuni indicatori di tipo economico-patrimoniale. Per la definizione del rating sono stati applicati i parametri e le metodologie utilizzate da Moody's per l'elaborazione dei giudizi. Il risultato è stato che il 65% delle imprese si colloca sulle 4 classi di rating critiche (BBB-, BB+, BB, BB-), il 17,5% ha rating più positivi come BBB e BBB+, meno dell'1% ricade nella classe A, mentre il 16% finisce in classi peggiori che vanno da B a CCC rischiando quindi di non essere presa in considerazione dal sistema bancario.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Responsabilità del revisore nel nuovo codice della crisi...
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Codice della crisi, i benefici superano i costi
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
Amministratori di società: la responsabilità diventa illimitata
Il professionista come coach rimotiva l'azienda in bilico
Assetti organizzativi da adeguare alle caratteristiche della...
Crisi d'impresa al primo test per sindaci e revisori
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Il fallimento non c'è più le parole dell'economia cambiano...
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fatture elettroniche: come si annullano?
Come provare un contratto verbale
Aprire partita Iva, quali sono i costi?
Autovalutazione per il collegio sindacale
Srl, in ordine sparso sui collegi
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Revisori srl imparziali anche se nominati
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Revisori in rete con il progetto Sol
Amore e passione in ufficio per un lavoratore su due
Calcio europeo, alta finanza all'assalto per dividersi una...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Indice di allerta nelle crisi di impresa: esiste, funziona...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La valutazione civilistica delle commesse pluriennali
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
Una società di capitali può essere nominata...
Categorie al fotofinish sul Gdpr
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)