Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.894
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il welfare
di Irene Maria Scalise
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 23 ottobre 2017

Luisana ama passare le giornate libere fuori dalla città. Aubrey ha un mutuo da pagare e Stefano vuole viaggiare. Cosa hanno in comune? Lavorano in Philip Morris Italia e possono scegliere i propri personalissimi benefit aziendali in un "catalogo dei desideri" realizzato dall'azienda per soddisfare le esigenze in base alle diverse per fascia d'età e ai differenti stili di vita. L'idea nasce da una consapevolezza zen : un ambiente lavorativo attento ai bisogni dei dipendenti, e a una vita professionale sostenibile, è la migliore garanzia per un'organizzazione motivata e più produttiva. In base ad un infallibile algoritmo, infatti, le politiche di Welfare e di Wellbeing aziendale aumentano il coinvolgimento e l'impegno. A spiegare come i benefit si possono trasformare in una sorta di "menù a la carte" è Paolo Le Pera, 45 anni, direttore Human Resources di Philip Morris Italia: «La strategia di Corporate Wellbeing di Philip Morris Italia è basata su tre pilastri – spiega Le Pera - il primo è il Welfare. Si tratta di iniziative a supporto della famiglia come una rete sociale di protezione, coperture assicurative e sostegno - in caso di malattie o invalidità - per le spese mediche». Poi c'è il Welness: «Tutte quelle iniziative che puntano a creare un'armonia tra vita lavorativa e il benessere fisico in ufficio». Il terzo pilastro, ancora poco diffuso, è quello dei Flexible Benefit, cioè quei beni e servizi che un datore di lavoro può distribuire assecondando i diversi stili di vita, le situazioni familiari, le diverse fasce d'età e gli interessi culturali: «Intervenendo sul fattore della contentezza si rende la vita lavorativa più armonica con ciò che scorre ogni giorno fuori dall'ufficio.
Il lavoro, insomma, deve introdursi nel percorso quotidiano in modo non traumatico». Come si traduce, nei fatti, questa sorta di armonia allargata? «La nostra normalità è inserire il tempo per la palestra all'interno della giornata lavorativa, oppure offrire la possibilità di lavorare in remoto. Abbiamo iniziato a disegnare il piano di Flexible Benefit nel 2012 e lo abbiamo introdotto dal 2015 – racconta Le Pera - con uno spirito molto "spinto" perché abbiamo trasformato tutti i benefit in punti che possono essere spesi all'interno di un portale. Un traguardo raggiunto anche grazie al supporto dei colleghi della rappresentanza sindacale». Nel portale dei desideri chiunque può adeguare i benefit a seconda che abbia una famiglia o sia single, che debba sostenere genitori anziani o figli piccoli, o che preferisca servizi per il tempo libero o sviluppo professionale. Per consentire ai colleghi di orientarsi al meglio l'azienda ha attivato un portale web che contiene tutte le opzioni. Il paniere è dunque ampio: «Ci sono viaggi, auto, supporto asilo, offerte di hotel. Tutto a seconda delle esigenze specifiche di una fase della vita sia professionale che personale». Attenzione però, il catalogo non è immutabile. Anzi: «Alcuni servizi sono inseriti o eliminati a seconda delle richieste dei dipendenti». I più richiesti? «Viaggi e corsi di lingua sono molto gettonati. La cosa importante è che la scelta sia ampia, un catalogo esiguo non avrebbe alcun senso». Il catalogo Philip Morris Italia è funzione delle esigenze di una popolazione che ha 39 anni di media. Precisa Le Pera: «Leggiamo nelle scelte individuali l'evoluzione delle priorità della vita; all'inizio contano di più i viaggi e il tempo libero, poi con la famiglia compaiono le spese per asilo e scuola e infine diventa importante l'aiuto ai genitori anziani». Ecco allora i racconti di chi li ha scelti. Luisana Perillo, 29 anni: «Ho voluto usare i miei punti flex nell'area relax, così grazie al mio lavoro riesco a regalarmi ciò che mi piace». Aubrey Adofo Asiedu ha la stessa età di Luisana, ma esigenze diverse: «Ho in progetto di comprare una casa e la mia azienda mi sta aiutando in questo. Ho scelto di destinare i miei punti Flex ad un Fondo di Previdenza, una grossa opportunità per il mio futuro, dato che l'ammontare dei punti è consistente e facilmente tracciabile. Questa opzione è più semplice rispetto ad altre perché non mi vincola nell'utilizzare voucher per altre attività». Ancora diversa è l'esperienza di Stefano Acciavatti, 34 anni: «Uso parte dei miei punti per comprare buoni per viaggiare. Tendenzialmenteper raggiungere la mia ragazza che vive all'estero». Tiene infine a precisare Le Pera: «Ci sono dei benefit basilari per tutti che sono intoccabili, mentre l'entità di quelli aggiuntivi varia anche in base al livello professionale».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Mifid II, le opportunità per il private banking
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
La correzione degli errori di bilancio
Consulenti e revisori insieme
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Perché i commercialisti non ci saranno più
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
Troppi lacci frenano il credito in Europa
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Bancarotta, estesa la non punibilità
Dopo 10 mesi di terremoto le banche di San Marino...
Piazza Affari, ecco i compensi dei manager
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
I giovani bocciano la formazione scolastica
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
«Non abbiate paura di sbagliare il coraggio premia gli...
La riforma congelata delle banche popolari. Amber attacca...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Crowdfunding per tutti i gusti, la nuova frontiera è l'equity
Pagamenti frazionati vietati se la fattura cumulativa...
Pagamento in contanti: quando si rischia
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)