Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Il trattato di "Basilea 2" e l'incognita delle Pmi
di Luca Pagni
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 5 aprile 2004

Per il sistema del credito è qualcosa di paragonabile al trattato di Maastricht per i conti pubblici dei 15 stati dell'Unione europea. In questo caso, a dare il nome alla convenzione che segnerà per lungo tempo i rapporti tra banche e imprese non è una cittadina olandese, ma una delle più caratteristiche tra le cittadine svizzere.
Stiamo parlando di Basilea 2, l'accordo internazionale che definisce i requisiti patrimoniali delle banche in base al rischio di credito. È uno di quei temi di cui, al momento, si occupano e si preoccupano soltanto gli addetti ai lavori. Ma che, a breve, è destinato a cambiare il modo di lavorare di milioni di persone. E che ha già sollevato polemiche a non finire da parte dei rappresentanti delle piccole e medie imprese che si sentano i più bistrattati dalla riforma che entrerà in vigore dal 2006.
Basilea 2 è lo sviluppo di quanto sancito da documento del 1988 conosciuto come "Accordo sul capitale" e che ha imposto agli istituti di credito di accantonare, in via prudenziale, l'8 per cento del capitale erogato. Una misura studiata allo scopo di garantire solidità al sistema che è la più importante delle decisioni assunte dal Comitato di Basilea. Si tratta di un'organizzazione internazionale che opera sotto il patrocinio della Banca per i Regolamenti Internazionali (Bank of International settlements, Bis) nata per promuovere la cooperazione fra le banche centrali e altre agenzie equivalenti allo scopo di ottenere la stabilità monetaria e finanziaria. Il Comitato è stato fondato nel 1974 dai governatori delle banche centrali dei dieci paesi più industrializzati.
Basilea 2 risale al gennaio 2001. Rispetto all'accordo del 1988 cosa cambia? Rimane come pilastro fondamentale l'accantonamento dell'8%, a cui si aggiunge una nuova metodologia per la valutazione dei rischi attraverso la metodologia del rating, ovvero un sistema di valutazione che coinvolge sia chi eroga il prestito, sia chi lo riceve. Da una parte le banche dovranno dimostrare di avere una valutazione corretta delle tre categorie di rischio (rischio di mercato, rischio di credito e rischio operativo) e una capacita organizzativa adeguata allo scopo. In base al livello del rischio dovranno accumulare quote di capitale in proporzione. Le imprese, dall'altra, dovranno sottoporsi a una valutazione per misurarne il coefficiente di rischiosità. Per ottenere un rating adeguato anche le società non quotate dovranno così presentare conti trasparenti e il più completi possibile.
E qui cominciano i problemi. A sollevare le maggiori perplessità è il sistema delle piccole e medie imprese: oltre a non essere abituati al confronto con la concessione di un rating potrebbe veder peggiorare le condizioni loro praticate con una minor capacità di indebitamento. È proprio questo l'ammonimento lanciato in un recente convegno dal presidente di Confagricoltura, Augusto Bocchino: «Basilea 2 può essere un'occasione importante, ma a patto che non implichi maggiori oneri creditizi per le imprese agricole e che non sia una sorta di paravento, come per qualcuno è stata l'introduzione dell'euro, per l'aumento dei prezzi di vendita». Ancora più decisa la richiesta arrivata dalla Confartigianato dell'Emilia Romagna, il cui presidente Giampaolo Paolazzi propone, una volta recepiti da governi e banche centrali gli accordi di Basilea 2, che sia prevista una "no rating area" per le piccole imprese: «L'Emilia, nonostante sia la regione al top della capacità di rimborso con solo lo 0,6% di sofferenze, ha visto calare dell'1,6% il livello del credito al settore».
Non la pensa così il sistema bancario. Allo stesso convegno di Confagricoltura è intervenuto il direttore centrale di Bankitalia, Giovanni Carosio, il quale ha rivelato che dall'accordo di Basilea deriverà un aumento dei crediti alle pmi per effetto della riduzione del capitale che dovranno dimostrare per accedere al credito: «Analisi preliminari ha sostenuto portano a prevedere una riduzione media del capitale regolamentare sui crediti alle pmi da circa 5% per le più piccole a circa 25% per le più grandi». br> Uno dei manager bancari tra i più influenti, il direttore generale della Popolare Vicenza, Divo Gronchi, con un passato a Mps, cerca di fugare i timori del settore: «Credo che le novità introdotte da Basilea 2 fossero divenute ormai necessarie. E non credo che siano penalizzanti per il sistema delle pmi. Le imprese devono prendere atto di un nuovo modo di porgersi e presentare i conti. Perché all'estero già lo fanno: sono abituati ad essere verificati dal sistema creditizio, mentre in Italia c'è una maggior riservatezza. Anche le banche devono saper sfruttare l'occasione per passare da un rapporto personalizzato con il cliente a un rapporto in cui si valutano parametri più oggettivi. Per concludere, non è che Basilea 2 comporti un nuovo modo di far credito o più rigoroso, ma soltanto più al passo con i tempi».
Mentre il dibattito entra nel vivo, le banche cominciano ad attrezzarsi. Ma saranno in grado di rispettare la scadenza del 2006? La risposta la possono dare società come Cad.it, quotata al Numtel, specializzata in software per l'intermediazione finanziaria. Elisabetta Serra della società guidata dall'ad Paolo Del Cortivo è la responsabile del settore analisti: «La banche si stanno organizzando anche se siamo soltanto a metà del processo di riorganizzazione richiesto da Basilea. Nel senso che ci sono state, fino ad ora, tante riunioni teoriche, ma la scelta del prodotto ancora non è avvenuta. Dovrà avvenire entro breve, perché Basilea 2 impone alle banche già con la fine di quest'anno di presentare dati storici compatibili con il nuovo sistema di valutazione del rischio».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Quando l'evasione fiscale diventa reato
Amministratore di società: cosa c'è da sapere?
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Aprire partita Iva, quali sono i costi?
Autovalutazione per il collegio sindacale
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Lo stage è sempre retribuito?
Come creare start up innovative
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Società in crisi, scissione e bad company
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
Categorie al fotofinish sul Gdpr
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Più tempo per la formazione
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)