Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.894
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
di Adriano Bonafede
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 4 dicembre 2017

«Non c'è un problema di finanziamento per le imprese italiane, non per quelle sane, almeno. Del resto non è un male se in questi anni le banche, che hanno sofferto per la crisi finanziaria ed economica, hanno cominciato a distinguere di più fra le imprese che meritano il credito e quelle che invece non lo meritano». È diretto e senza mezzi termini Giovanni Tamburi, fondatore e presidente di Tip, la società quotata in Borsa che ha come mission quella di investire nelle migliori imprese italiane.
Lei è ottimista, dottor Tamburi.
«Perché non dovrei esserlo? Le imprese buone hanno vissuto la crisi soltanto per un anno e mezzo-due, fra il 2010 e il 2011. Poi si sono rimesse in carreggiata. L'onda lunga della crisi riguarda le società che non andavano bene».
Lei è anche darwiniano?
«Io direi soltanto che la selezione che c'è stata con la grande crisi è stata sana. Le aziende che hanno avuto il coraggio di investire e che sono state capaci di innovare, o avevano dei brand riconoscibili, si sono rialzate molto rapidamente. Quelle che invece sono rimaste indietro soffrono ancora, o hanno chiuso o sono state vendute. In quest'ultimo caso qualche famiglia imprenditoriale si è resa conto che era opportuno fare una svolta e finalmente parecchie hanno pensato o stanno pensando a modificare la struttura del proprio capitale».
A pesare c'è sempre l'eterna sottocapitalizzazione delle imprese italiane?
«Il problema di fondo è proprio questo. Si diceva degli imprenditori italiani che hanno "una casa ricca e un'impresa povera". L'Italia è indubbiamente il paese meno capitalizzato del mondo occidentale, con l'11 per cento dei mezzi propri sugli attivi di bilancio, secondo una ricerca internazionale di un paio di anni fa. Perché le banche, come oggi è evidentissimo, sono state troppo generose con molte imprese. Ma per fortuna la situazione si sta riequilibrando».
In che modo?
«Ha ripreso a funzionare il circuito virtuoso risparmio-mercati-imprese. L'Italia ha uno stock di risparmio enorme, fino a ieri eccessivamente investito in titoli di stato, obbligazioni e immobili. Tutte cose che ormai rendono tra lo zero e il pochissimo. La Borsa per contro va bene, anche perché di ottime imprese quotate ne abbiamo moltissime, il segmento Star è il best performer in Europa, l'Aim - dedicato alle Pmi - sta portando nuove società in Borsa e in questo modo la raccolta dei fondi, anche tramite i Pir, finanzia l'economia reale».
Quali sono stati i settori che sono andati meglio in questi anni?
«Più che sul settore io fisserei l'attenzione sugli investimenti in tecnologia. Le imprese che hanno puntato di più sulla tecnologia e sui nuovi prodotti e processi hanno avuto successo. Ma non parlo di un investimento una tantum: non bisogna mai fermarsi, avere il coraggio e la forza di continuare a crescere. Inoltre, sono andate bene quelle imprese – penso a Brembo, Interpump, Prysmian, Amplifon, per citarne alcune – che hanno avuto il coraggio di andare all'estero a fare shopping. Come vede, le società che hanno avuto successo sono soprattutto tecnologiche ed esportatrici».
E i brand del lusso?
«Anche queste società sono andate benissimo, anzi hanno avuto uno sprint inaspettato e fuori linea rispetto a quello che gli analisti si attendevano. La capacità di imporre la manifattura italiana nel mondo è stata davvero fantastica, con tassi di crescita elevatissimi. Prendiamo ad esempio Moncler o La Furla: ogni tre mesi i loro conti sorprendono il mercato. Anche in questo campo gli italiani dimostrano che in un mondo ipercompettivo continuano a vincere, perché sono bravi, in alcuni settori, i più bravi».
Quali sono invece i settori che hanno avuto maggiori problemi?
«Mi pare che nel settore dei grandi lavori e delle costruzioni sia emersa qualche difficoltà, laddove troppe famiglie imprenditoriali hanno le spalle troppo strette».
È soddisfatto di come va Tip, la sua azienda?
«I risultati sono sotto gli occhi di tutti e sono molto positivi: il total return, a partire dal 2012, è stato del 60 per cento medio all'anno. A fronte di questi fatti, moltissimi grandi investitori internazionali – dagli Usa al Giappone, al Sud America – entrano ed escono continuamente dall'azionariato. Ma la maggior parte resta. Alla nostra ultima assemblea l'elenco degli investitori internazionali occupava 5-6 pagine fitte».
Da più parti si segnala che l'economia potrebbe rallentare dopo il rally di questi anni. Lei che ne pensa?
«Sono i soliti gufi, quelli che da anni preconizzano guai, problemi, crolli. Io invece resto ottimista. All'orizzonte non vedo grosse nubi. I paesi emergenti continuano a crescere, l'Asia avanza a una tasso tra il 4 e il 7 per cento, gli Stati Uniti a un tasso del 2,5-3 per cento».
Ma non c'è il fatto che presto diminuiranno gli stimoli all'economia da parte delle banche centrali?
«Quest'onda lunga non si può né si vuole fermare. I governi e le banche centrali hanno di fatto steso in questi anni una grande rete di protezione, che nell'ignoranza generale si va allargando ed inspessendo ogni giorno. Ed in caso di scivolamento dell'economia in territorio negativo, sono certo che non esiterebbero a riaccendere gli stimoli monetari e fiscali».
E i tassi di interesse? Tutti sanno che stanno ricominciando a salire.
«È vero, ma per quei pochi che leggono bene le dichiarazioni di Draghi o della Yellen, è chiaro che li alzeranno nella misura minima necessaria per non spaventare nessuno, dicendo anche esplicitamente di essere pronti a congelarli o riabbassarli qualora fosse opportuno».
E l'Italia?
«L'economia del nostro paese va bene, le imprese tirano, l'export vola, il turismo aumenta e anche l'occupazione ha ripreso a crescere. Con gli ultimi due governi, che hanno fatto senz'altro cose positive, il quadro è nettamente migliorato. Certo, permane l'incertezza per le prossime elezioni. Comunque non diamo troppa importanza alla politica: in economia e nella finanza conta pochissimo, sempre meno».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Perché i commercialisti non ci saranno più
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la...
OK ai commercialisti specialisti
Commercialisti, la svolta
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Imprese, manca lo spirito di squadra e così l'open...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Franchising e nuovi negozi, il commercio tradizionale...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Fari puntati sulla responsabilità
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Pagamento in contanti: quando si rischia
È pignorabile una polizza?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)