Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.906
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi indipendenti
di Walter Galbiati
La Repubblica
Martedì 11 dicembre 2018

Non sono più gli anni in cui i consigli di amministrazione erano pieni di parenti e amici, perché sta pian piano maturando l'idea che nella sala dei bottoni delle aziende debbano sedersi le persone giuste. L'attenzione alla composizione del board è cresciuta e la tendenza è sicuramente positiva, ma nella fotografia delle prime 100 società per capitalizzazione quotate in Italia scattata da Spencer Stuart, leader internazionale nella ricerca di manager e consulenza in risorse umane, emerge ancora qualche ombra, soprattutto nel confronto internazionale.
«Ormai da alcuni anni sosteniamo che la sfida più importante per le aziende è la composizione del cda poiché questa ha effetto immediato sull'efficacia complessiva del sistema di governo dell'impresa», spiega Chiara Lupo, consulente Board Advisory practice Emea di Spencer Stuart. A spingere verso il cambiamento sono state le nuove normative introdotte in ambito bancario, che tuttavia hanno iniziato a diffondersi come "buone pratiche" da seguire anche negli altri settori.
«È diventato sempre più importante che i consiglieri siano preparati, abbiano competenze e strumenti, che possano dedicare tempo e contribuire attivamente, portando contenuti ed esperienze diverse», sostiene Lupo, spiegando come la diversità non sia solo di genere, ma legata anche alla varietà di esperienze, alla provenienza geografica, alla conoscenza di altri mercati e alla seniority anagrafica. Come negli anni sono cresciute le donne dovrebbero crescere anche gli altri fattori di diversità all'interno dei consigli: grazie alla legge 120 del 2011, le donne sono passate dal 5% delle cariche ricoperte nel 2010 al 32,3% del 2017, anche se solo il 9% di loro ha incarichi esecutivi e poche (38%) hanno un background manageriale, perché vantano soprattutto esperienza come professioniste o accademiche (44%).
I mal di pancia emersi dalla ricerca riguardano i consiglieri indipendenti, i troppi incarichi dei membri del board, la poca internazionalizzazione e l'età. In molti Paesi, la presenza degli indipendenti supera addirittura il 70%. L'Italia purtroppo si attesta al 50%, collocandosi tra le ultime posizioni al pari di Belgio e Spagna, anche se non arriva ai livelli della Russia dove in media solo 3,5 consiglieri su dieci sono indipendenti. Ben il 38% delle società analizzate non ha nemmeno un consigliere eletto dalle minoranze, contro il 46% dell'anno precedente. Per di più in Italia gli indipendenti percepiscono una retribuzione non adeguata al loro ruolo perché solo il 30% di loro, pur partecipando ad assemblee e riunioni, arriva a percepire oltre i 100mila euro. Altro male italiano è la cattiva abitudine dei consiglieri ad aver più incarichi, in media 3,2, con picchi dei presidenti che arrivano a 3,6 incarichi: moltissimi se si pensa che in Spagna non si va oltre 1,1 incarichi (1,3 in Francia, 2 in Svizzera, 2,1 negli Usa e 2,2 nel Regno Unito). Tra i membri dei consigli di amministrazione poi sono pochi gli stranieri. Se si escludono gli Usa (8,2%), da noi solo un consigliere su 10 (il 10,1%) non è italiano. Infine manca un limite di età alla nomina per le figure del presidente, dell'ad e dei consiglieri, anche se va detto che l'età media degli amministratori delegati (57 anni) è in media con gli altri Paesi.
Secondo il Board Index 2018 di Spencer Stuart per migliorare la governance andrebbero introdotti processi strutturati di scelta dei manager e dei consiglieri, come avviene quando è lo stesso cda uscente a dover indicare per statuto la lista dei nuovi consiglieri in assemblea. «Tale previsione statutaria rappresenta la nuova frontiera della governance in Italia mentre è una prassi consolidata a livello internazionale», sostiene Lupo. Servirebbe, però, introdurre, oltre al limite di età, ora a 75 anni, anche il limite al numero dei mandati, la peer review, ovvero la valutazione di come si è lavorato tra colleghi dello stesso consiglio, e il rinnovo parziale del cda, in modo che la sostituzione dei consiglieri non avvenga tutta in una volta sola, ma scaglionata nel tempo. Le scelte strutturate possono anche ridurre la conflittualità in assemblea con gli azionisti istituzionali, che partecipano sempre più e che - come avvenuto recentemente per Telecom Italia - utilizzano sempre più la corporate governance per raggiungere i propri obiettivi di rendimento. Fondamentale poi per garantire la continuità dell'impresa è il processo di successione, uno dei momenti cruciali per la vita di una azienda. Eppure ancora oggi più di una società su due non prepara l'avvicendamento al vertice, nonostante i benefici che ne derivino siano molti. «Un piano di successione ben strutturato – spiega Chiara Lupo - permette di valorizzare i manager che lavorano nelle aziende, dando loro la possibilità di essere considerati nelle cosiddette tavole di successione». Sebbene oltre il 70% delle società analizzate abbia un comitato nomine, solo la metà di loro ha come compito la predisposizione di un piano di successione e anche quando è predisposto sembra più un adempimento formale che effettivo.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
Consulenti e revisori insieme
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
Bancarotta fraudolenta distrattiva per il pagamento del...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la...
Commercialisti, la svolta
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
Ma il gig worker guadagna spiccioli
«Ridurre scadenze e adempimenti così si semplifica la...
7 cose da fare per rilanciare la tua carriera
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
Dai condoni dimenticati un tesoretto da 20 miliardi
Mettersi in proprio: idee e segreti. Lavoro autonomo o...
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Revisore d'obbligo per 175mila Srl
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Crowdfunding per tutti i gusti, la nuova frontiera è l'equity
Anche Unionfidi Piemonte in liquidazione, ecco perché...
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è...
Cet1 delle banche italiane: la classifica 2017
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2019  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)