Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Sorpresa, le banche italiane sono già avanti su Basilea 2
di Vittoria Puledda
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 14 aprile 2008

Sorpresa, le banche italiane non sono in ritardo rispetto ai parametri e ai dettami di Basilea 2. Non lo sono in assoluto e non lo sono, men che meno, rispetto ai loro concorrenti europei. «Il nostro paese non va assolutamente peggio dell'Europea e nemmeno del mondo spiega Marco Cecchi de' Rossi, amministratore delegato di Fitch Italia e dunque uno dei "protagonisti" di Basilea 2, uno dei tre istituti di valutazione del rischio (insieme a Moody's e da un paio di settimane a S&P) autorizzati da Bankitalia a dare i voti alle società le banche italiane non hanno subìto forti perdite e quindi non devono fare grandi aggiustamenti, ora».
Non solo, l'opinione diffusa (ma non unanime, su questo aspetto) è che gli istituti di credito della penisola siano relativamente ben attrezzati anche sotto il profilo gestionale, di organizzazione interna dei processi: il cosiddetto Pillar 2, quello che dovrebbe guardare agli aspetti di funzionamento interno, di valutazione del rischio, di misurazione dei margini di liquidità e di resistenza ad eventuali stress. Punti su cui i nuovi parametri di Basilea sono particolarmente di attualità, dopo i disastri provocati dalla crisi dei mutui subprime (e che secondo i pessimisti non hanno ancora finito di provocare danni).
Il nuovo set di regole, dopo anni di gestazione, sta ormai per entrare in vigore. E il cambiamento sarà a 360 gradi: le banche non dovranno più effettuare calcoli aritmetici tanti impieghi, tanto capitale accantonato, per fini prudenziali, al massimo ponderati per macro categorie di prenditori (Stato, titoli pubblici, aziende...) quanto piuttosto una valutazione, un giudizio sul grado di rischio delle singole attività, dagli impieghi ai titoli in portafoglio, alle partecipazioni, ai veicoli fuori bilancio. Insomma, cambia la filosofia: più un segmento viene considerato rischioso (con l'attribuzione di un rating, dato da un'agenzia qualificata e autorizzata alla bisogna, attraverso un metodo standardizzato, oppure attraverso procedure interne alle singole banche) e più assorbirà capitale. Il che porterà, aggiungono gli esperti, a ridefinire i criteri per detenere interi settori di attività: d'ora in poi si valuterà, infatti, se un tale strumento serve per partecipare alle aste della Bce, piuttosto che per altri impieghi, e si valuterà la convenienza o meno non solo alla luce del rendimento offerto ma del grado di capitale assorbito.
Per quanto riguarda i prestiti, finora in Italia solo Unicredit ha già ottenuto da Bankitalia il nulla osta ad attribuire il rating alle società attraverso procedure interne, ma anche per Intesa e Mps sono in corso di validazione le procedure interne da parte di Via Nazionale (che sta verificando in loco i meccanismi adottati) e altre ancora, tra le maggiori, chiederanno il bollino blu. Ma, specie nella prima fase, non ci sarà la corsa al "fai da te": più che altro, si farà pratica con il nuovo concetto di patrimonio di vigilanza, adottando i parametri per fini interni, per "misurare" il grado di rischio che si sta assumendo. E, anche sotto questo punto di vista, il sistema sembra stia reagendo bene: «In uno studio di due anni fa avevamo verificato che anche le banche di minori dimensioni si stavano già attrezzando conferma Gianfranco Torriero, direttore centrale dell'Abi sotto il profilo dell'applicazione a fini gestionali dei sistemi di valutazione interna della qualità del credito».
Ma se le banche italiane hanno tutto sommato pochi problemi specifici su Basilea 2 (sono ben capitalizzate, apparentemente poco esposte a Siv e dintorni, e infine hanno procedure organizzative ben avviate, sebbene sotto quest'ultimo profilo non ci sia proprio unanimità di pareri) diverso e ben più articolato è il giudizio sul nuovo set di prescrizioni. La prima accusa (che a più buona ragione viene attribuita anche ai nuovi criteri contabili e ai principi Ias) è di essere un insieme di norme con effetto prociclico, e con ciò di amplificare la congiuntura: quando infatti c'è più rischio, si è costretti ad avere più capitale prudenziale e per questa strada si può ottenere l'effetto boomerang di amplificare le difficoltà del mercato e di aumentare i pericoli di credit crunch.
«Un altro problema è la capacità delle agenzie di rating di prezzare correttamente il rischio» spiega l'economista Donato Masciandaro. Un fronte particolarmente caldo in questo momento: la crisi dei mutui subprime, infatti, ha fatto esplodere una volta di più le polemiche sulle capacità delle agenzie di rating di comunicare al mercato il reale andamento del rischio delle varie istituzioni finanziarie e dei diversi tipi di strumenti di investimento; di comunicarlo prima e non un momento dopo la dichiarazione di default, come invece è avvenuto anche durante questa crisi, che ha visto i rating adeguarsi solo subito dopo il manifestarsi dei problemi.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il monitoraggio parte dal bilancio e dalla tesoreria
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Il fallimento non c'è più le parole dell'economia cambiano...
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Quando serve la Scia?
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Indici della crisi derogabili con attestazione
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
«Per le imprese sane rischi limitati: le banche fanno la fila...
Azienda Italia, il vertice non cambia al timone meno...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)