Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Un sistema da capire e da gestire»
di Rossella Bocciarelli
Il Sole 24 Ore
Domenica 27 giugno 2004

«Oggi, ancor più di ieri, di fronte al testo approvato dai regolatori di Basilea, il compito che abbiamo di fronte è quello di comprendere e gestire, più che quello di accettare o respingere». Rainer Masera conosce bene i punti di forza e di debolezza dell'industria finanziaria italiana, avendoli seguiti nel corso del tempo da banchiere, da ministro e da banchiere centrale. In più, ha seguito passo passo la complessa "story" dell'accordo di Basilea 2 perché fa parte del comitato dell'Iif (International institute of finance), quello che discute con le autorità di Basilea problemi e priorità dell'industria finanziaria internazionale.
«L'assetto dell'accordo, ormai, è definito. Ci sarà un ritardo di un anno per l'applicazione dei modelli avanzati, ma la cornice è chiara e ora viene porata all'attenzione delle autorità politiche che dovranno integrarla con le nuove regole». Anche le finalità, dice Masera, sono chiare: favorire la stabilità degli intermediari e del sistema finanziario con metodi e strumenti coerenti con l'evoluzione del mercato. «Ora - spiega al Sole 24 Ore - si tratta di mettere a fuoco degli elementi importanti soprattutto nella definizione del quadro normativo, cioè della direttiva della Commissione europea che dovrà poi essere ratificata dall'Unione europea. La Commissione ha già indicato chiaramente le guidelines che intende seguire».
Insomma, si passa alla fase di integrazione e operatività del sistema; una fase che interessa da vicino le banche ma anche le imprese. «Le banche non potranno che riflettere i termini dell'accordo sui rapporti con le imprese e le imprese dovranno valutarne appieno le implicazioni, capirne i meccanismi in modo da poter essere un interlocutore forte delle aziende di credito». La strada, però, non è del tutto spianata dal punto di vista metodologico. «Le complicazioni nascono dal fatto che sono simultaneamente in corso i processi di definizione dei principi contabili internazionali, i principi Ias. Resta un punto cruciale ancora da definire, la questione dei principi 32 e 39, quelli che hanno per oggetto il trattamento contabile e l'informativa da fornire in bilancio in materia di strumenti finanziari (crediti, titoli, derivati) con l'indicazione degli obiettivi e delle strategie di gestione dei rischi, con la contabilizzazione delle coperture in derivati».
Per le banche i nuovi principi contabili hanno grosse implicazioni: si tratta cioè di ridefinire tutti i processi operativi e di controllo, le procedure informatiche, molte delle aree organizzative. Cosa c'entra tutto questo con il nuovo accordo sui requisiti patrimoniali? «C'entra, eccome. E' fondamentale che esista convergenza e coerenza fra i nuovi principi Ias e i principi di Basilea 2. Altrimenti si corre il rischio che le banche debbano tenere documenti separati ai fini contabili e ai fini di vigilanza. Se la valutazione contabile di questi elementi è diversa da quella che si deve fare per Basilea 2, stiamo introducendo delle distorsioni nel modo di informare la vigilanza, il managemente della banca, nello stesso modo di informare il mercato». Ne risulterebbe insomma diminuita la trasparenza complessiva.
«C'è quindi necessità di dare coerenza a tutta questa materia nell'ambito della nuova direttiva Ue. Se non lo si fa, la complessità di Basilea 2 correrebbe il rischio di essere un fattore distruttivo piuttosto che costruttivo». Quanto alle imprese, esse entrano in gioco nel caso della definizione dei rischi di credito. «I sistemi di credit rating servono alle banche per allocare il capitale e fare un prezzo. Se le aziende imparano ad utilizzare questi parametri per fare un'autodiagnosi, possono adeguarsi agli standard richiesti per minimizzare i propri costi e non essere penalizzate sotto il profilo della disponibilità del credito».
Sono dunque del tutto fugati i timori degli ultimi tre anni? «Chi ha lavorato dall'interno - osserva Masera - ha visto dei notevolissimi miglioramenti, dato che il modello inzialmente presentato era da respingere. Per quel che riguarda l'Italia, per esempio, è stato riconosciuto il sistema dei confidi: è un fatto essenziale per un'economia come quella italiana che è caratterizzata da una miriade di piccolissime imprese». Certo, ricorda, esistono ancora punti che meritano riflessione. Per esempio c'è un problema di prociclicità che continua a preoccupare, anche se in parte è stata modificata e insieme alle tecniche Var (value at risk) sono state accettate anche le tecniche stress testing. «Però - afferma - ritengo che sarebbe opportuno disporre di una simulaizone relativa degli effetti di prociclicità: si tratterebbe insomma di stimare la loss given default in una fase di recessione, per evitare che in un'eventuale fase recessiva le banche tendano a stringere troppo i cordoni del credito. Non dimentichiamo che se il modello Basilea 2 dovesse essere applicato (e per ora non lo sarà) a livello mondiale ci sono 50 trilioni di dollari di esposizioni globali».
Infine, secondo l'economista, c'è un altro punto rilevante: «Continuo a non comprendere perché a livello europeo alle banche che lo desiderano non si possa applicare il cosiddetto approccio supersemplificato che è racchiuso in sei pagine e che era stato concepito per paesi emergenti come l'India o la Cina. Sarebbe comuqnue un passa avanti rispetto all'accordo Basilea 1, che ormai ha fatto il suo tempo, e potrebbe essere un modo per favorire piccole imprese e piccole banche»

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Sedata la crisi d'impresa
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Cassa mutua per i professionisti
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Una società è responsabile?
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
ISA 2018, le modifiche
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)