Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Si deve subito far luce sulla solidità del bilancio
di Claudio Devecchi (Università Cattolica di Milano - Asam)
Il Sole 24 Ore
Lunedì 21 febbraio 2005

Le banche continuano ad allenarsi in vista di Basilea 2 con scadenza 2007, mentre le Pmi restano sedute. Purtroppo lo stallo che contraddistingue il comportamento degli imprenditori italiani sul tema non fa ben sperare per l'immediato futuro. Manca anche una forma mentis che aiuti a capire l'importanza e l'irreversibilità di questa novità e dei processi di cambiamento che comporta. Secondo le ricerche più recenti condotte dall'Asam, tra le cinque priorità (difesa delle quote di mercato, riduzione dei costi, razionalizzazione dei processi produttivi, ricerca di nuovi mercati e gestione della liquidità) che in questi mesi "occupano" il tavolo dell'imprenditore, non è presente Basilea 2.
Le banche stanno assumendo iniziative meritorie. L'ultima in ordine di tempo consiste nell'invitare le Pmi proprie clienti a gruppi di 15-20 in seminari mirati, dove si spiegano le caratteristiche di Basilea 2 e si discutono le modalità d'interazione tra banca e impresa. Ed emerge talvolta un'impreparazione diffusa da parte degli imprenditori.
Come ai tempi dell'Iva. Sembra di rivivere il periodo immediatamente precedente all'introduzione dell'Iva. Anche in quell'occasione la conoscenza della nuova materia era molto bassa, si era aspettato l'ultimo momento e l'inevitabile moratoria all'italiana per attrezzare i sistemi contabili aziendali, mentre i pivot della situazione erano i commercialisti: quelli più bravi seguirono fin dall'inizio la nascita della normativa, simulavano in studio cosa sarebbe accaduto e quali registrazioni contabili e di bilancio dovevano essere fatte. Questa volta non ci sarà lo Stato che paga la multa per aver introdotto con il solito ritardo una disposizione comunitaria, come accadde allora.
A un anno e mezzo dalla partenza di Basilea 2 siamo in ritardo o giochiamo troppo in difesa. A oggi la situazione è questa: le banche continuano a rispettare (anche se con fatica) il loro ruolino di marcia; le piccole società di consulenza nazionali hanno costruito dei programmi software per simulare il merito creditizio dell'impresa e il rating a esso collegato; le università hanno introdotto nei loro programmi sia la normativa che i tecnicismi di Basilea 2; le multinazionali della consulenza direzionale e manageriale stanno allestendo ciclopici programmi d'intervento nelle banche; i commercialisti stanno attrezzandosi per raccogliere e soddisfare la domanda di assistenza e consulenza che nascerà dai loro clienti a breve-medio termine. E le piccole e medie imprese?
I passi possibili. Un imprenditore si chiedeva qualche giorno fa: «Da dove partire per essere in linea con Basilea 2?». La prima cosa da fare è usare i "fondamentali": in altre parole, allestire elettronicamente un database con i bilanci riclassificati degli ultimi cinque anni per evidenziare la qualità e l'attendibilità del reddito d'esercizio. Successivamente, bisogna lavorare con programmi tipo Excel sulla costruzione di sistemi di indicatori che mettano in luce la redditività aziendale nelle sue varie componenti: la solidità e la resistenza patrimoniale dell'impresa, la liquidità e il suo grado di volatilità, il grado di sviluppo aziendale sia di tipo strutturale che operativo.
Già questo non sarebbe poco, soprattutto se lo si portasse in banca e lo si commentasse opportunamente con l'addetto al rischio che si occuperà di Basilea 2.
Poi sarebbe il caso di metter sotto la lente d'ingrandimento i concorrenti diretti e fare le stesse analisi sui loro bilanci (che sono pubblici). Dare un minimo di posizionamento competitivo di se stessi è cosa gradita al sistema bancario.
Infine, è necessario passare all'analisi "Swot" (minacce, opportunità di settore e di mercato; punti di forza e di debolezza interni all'impresa) e costruire un'anamnesi di almeno tre anni che inizi a porre in evidenza il livello di rischio del proprio business.
Il nodo del rischio. Qui entriamo in un ambito molto delicato e fondamentale per la banca, poco noto all'impresa. Basilea 2 stabilisce che il credito bancario dovrà essere parametrato al grado di possibile/probabile perdita del debitore: il calcolo e la valutazione del rischio ne rappresenta logicamente l'anticamera. Come si fa a valutare un elemento (il rischio) se non siamo in grado di misurarlo? E oggi pochissime Pmi sono in grado di misurarlo. Come si fa a gestire un elemento (il rischio) se non si è in grado di valutarlo? E oggi ancor meno Pmi sono in grado di fare una rigorosa valutazione del proprio rischio operativo. Incontri con la propria banca principale sono molto importanti su questo particolare tema.
E sono sufficienti queste tre aree per mettere al lavoro nei prossimi mesi il capo contabile, l'imprenditore, il responsabile amministrativo, il commercialista.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
AAA revisore cercasi. Inutilmente
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Sedata la crisi d'impresa
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Il professionista come coach rimotiva l'azienda in bilico
Assetti organizzativi da adeguare alle caratteristiche della...
Il fallimento non c'è più le parole dell'economia cambiano...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Quando serve la Scia?
Indici della crisi derogabili con attestazione
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Come creare start up innovative
Revisori srl imparziali anche se nominati
Se divento socio di una snc rispondo dei debiti anteriori?
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Revisori in rete con il progetto Sol
Una spinta a Pir e venture capital
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Amore e passione in ufficio per un lavoratore su due
Mifid II, le opportunità per il private banking
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
«Per le imprese sane rischi limitati: le banche fanno la fila...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
La valutazione civilistica delle commesse pluriennali
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)