Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.070
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Sedata la crisi d'impresa
di Marino Longoni
Italia Oggi Sette
Lunedì 7 ottobre 2019

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti tenta di stendere una rete di sicurezza contro i rischi della nuova legge fallimentare, in particolare contro le conseguenze della dichiarazione dello stato di crisi, che in molti casi sarà l'anticamera della liquidazione giudiziale. Ricordiamo che una delle peculiarità del nuovo codice della crisi d'impresa, in vigore dal 16 marzo, è la previsione di organismi di composizione della crisi (composti da tre soggetti, nominati da tribunale, camera di commercio e organizzazioni di categoria) che dovranno essere attivati in presenza di alcuni indicatori di crisi, al fine di tentare di portare l'azienda fuori dalle cattive acque, oppure alla liquidazione. In pratica un commissariamento light. Il rischio è che un numero enorme di aziende debba percorrere una strada che, nella maggior parte dei casi, sarebbe senza ritorno.
Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti è stato delegato dal legislatore a elaborare gli indici che fanno «ragionevolmente presumere la sussistenza dello stato di crisi». Proprio per evitare il rischio di una ecatombe di piccole e medie imprese il documento messo a punto dai commercialisti, che Italia Oggi Sette è in grado di anticipare (la bozza di documento è pubblicata sul sito), ha scelto una linea di estrema prudenza, preferendo «privilegiare modelli che minimizzassero il numero i falsi positivi, ammettendo quindi la possibilità di un maggior numero di falsi negativi». Ogni anno questi indicatori «dovrebbero interessare un numero di imprese compreso tra 2.400 e 5 mila, a seconda dell'andamento congiunturale». Un quantitativo piuttosto contenuto, definito partendo dal numero medio di imprese che, negli ultimi anni, è stato dichiarato in default, variabile da un minimo dell'1,9 a un massimo del 4% delle 127 mila imprese dotate di organo di controllo.
Ma vediamo come funzionano questi indicatori dello stato di crisi. Il punto di partenza è l'articolo 13 del codice della crisi d'impresa, che definisce un sistema gerarchico di indicatori al vertice del quale c'è la rilevazione di un patrimonio netto negativo. In presenza di questo evento, e in mancanza di una ricapitalizzazione, vi è la ragionevole presunzione dello stato di crisi. Quando il patrimonio non si è azzerato va verificato anche se l'indice Dscr (Debt service coverage ratio) è inferiore a uno: in pratica quando l'azienda non è in grado di produrre, nei successivi sei mesi, redditi sufficienti a coprire i debiti che presumibilmente si dovranno affrontare nello stesso periodo. Quando il Dscr non è disponibile o non è ritenuto sufficientemente affidabile, si adottano i cinque indici elaborati dal Cndcec, con soglie diverse a seconda dei settori di attività, che fanno riferimento alla sostenibilità degli oneri finanziari, all'adeguatezza patrimoniale, al ritorno liquido dell'attivo, alla liquidità e all'indebitamento previdenziale e tributario. La ragionevole presunzione dello stato di crisi richiede che tutte e cinque le soglie previste siano superate, mentre il superamento di una o più di esse sarà da interpretare come un indizio parziale ed eventuale dello stato di crisi.
Fin qui il ragionamento effettuato dai dottori commercialisti, che ricordano però che l'articolo 13, comma primo, del codice sulla crisi d'impresa definisce altri due indicatori dello stato di crisi e cioè i «ritardi nei pagamenti reiterati e significativi (retribuzioni scadute da oltre 60 giorni pari a più della metà dell'ammontare delle retribuzioni e debiti verso fornitori scaduti da tre mesi per un ammontare superiore a quello dei debiti non scaduti o azioni esecutive non episodiche da parte dei fornitori) e assenza delle prospettive di continuità per l'esercizio in corso per cause diverse da probabili insolvenze (es. insanabili dissidi all'interno della compagine azionaria, perdita improvvisa di clienti o fornitori fondamentali, azioni giudiziarie nei confronti dei vertici societari).
Il documento dei dottori commercialisti rileva quindi come debbano essere monitorati dall'organo amministrativo anche quegli eventi che, pur non essendo rilevabili dal sistema dei valori di bilancio, possono compromettere la continuità aziendale, come quelli elencati nel principio di revisione internazionale Isa Italia n. 570 (es. intenzione di liquidare l'azienda, perdita di mercati o clienti fondamentali, comparsa di concorrenti di grande successo, eventi catastrofici, ecc). Ma qui si entra in un ambito impossibile da definire a priori con strumenti economico-contabili.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quinto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
La crisi d'impresa è in stallo
Crisi d'impresa, furbetti sotto la lente delle procure
Pubblicati i 22 nuovi principi di revisione Isa Italia
Oltre la trasformazione: con il digitale il Chief financial...
Non è smart working ma "lavoro casalingo"
Relazione unitaria dei sindaci-revisori con vista sugli effetti...
Il posizionamento della Pmi nel post crisi Covid-19
Rischio bancarotta con il ricorso al credito dello stato
Codice della crisi d'impresa verso il rinvio
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
La fine di un mito: il lavoro sicuro in banca
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Crisi d'impresa al primo test per sindaci e revisori
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Crisi d'impresa, la riforma in 7 volumi
Indici della crisi derogabili con attestazione
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Amministratori delegati della srl con obbligo di informativa...
ISA 2018, le modifiche
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Revisori srl imparziali anche se nominati
Se divento socio di una snc rispondo dei debiti anteriori?
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Mifid II, le opportunità per il private banking
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)