Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Se i banchieri "sparano" su Basilea 3
di Stefano Micossi (Direttore Generale di Assonime)
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 10 ottobre 2011

Cresce l'opposizione delle banche alle nuove regole sul capitale di Basilea, comunemente denominate Basilea III. Qualche settimana fa, Jamie Dimon, amministratore delegato del gigante bancario JP Morgan Chase, si era scagliato contro le nuove regole, secondo lui strumento di discriminazione delle banche americane rispetto a quelle europee. Ma anche i capi delle grandi banche europee alzano i toni contro Basilea III, vista come insopportabilmente onerosa. Nell'opinione pubblica si diffonde l'impressione che gli sforzi per riformare le regole della finanza stiano fallendo, bloccate dalle potenti lobby bancarie e finanziarie. Vale la pena di fare un po' d'ordine negli argomenti e nei controargomenti per affrontare correttamente le decisioni di policy che incombono.
Anzitutto, in generale gli sforzi per chiudere i buchi regolamentari emersi nella crisi finanziaria del 2008 stanno procedendo di buon passo, da entrambi i lati dell'Atlantico, perlopiù in maniera concordante, la grande eccezione essendo però proprio le regole per le banche. Così, i nuovi regolatori per il controllo del rischio sistemico - il Fsoc americano e l'Esrb europeo - sono stati costituiti e stanno iniziando ad operare. In Europa hanno iniziato ad operare le nuove autorità di sorveglianza dei mercati (Eba, Esma e Eiopa), con nuovi poteri di applicazione delle regole comuni; in America si sono riorganizzati i poteri di vigilanza, rafforzando il ruolo della Federal Reserve, ed è stato costituito il nuovo Bureau per la protezione dei consumatori. Nuove regole sono state approvate o sono in corso di finalizzazione per i gestori di fondi equity e hedge; per il rafforzamento delle infrastrutture di mercato, tra l'altro con la creazione di piattaforme di clearing per il regolamento delle transazioni in derivati; per le agenzie di rating.
L'Europa appare in ritardo su un aspetto cruciale, che è quello della risoluzione delle crisi bancarie, dove ancora tardano proposte incisive; il Regno Unito, nel frattempo, è andato avanti da solo, con un sistema separato di risoluzione per le banche operanti sotto la sua giurisdizione. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito sono in corso di adozione anche regole che limitano l'operatività delle banche commerciali nel trading in conto proprio e nei derivati.
In questo quadro, il principale punto dolente sono appunto le regole di Basilea. Al riguardo, vale la pena anzitutto di segnalare due fatti. Il primo: come si può vedere nel grafico, la leva sul capitale è sistematicamente più elevata per le maggiori banche europee che per le banche americane; ciò resta vero anche dopo il considerevole rafforzamento del capitale avvenuto dai due lati dell'Atlantico.
Il secondo fatto: la media europea è abbassata dalle banche francesi, inglesi, tedesche e svizzere, mentre le banche italiane e spagnole sono piuttosto in linea con quelle americane. Ciò avviene perché, nonostante l'uniformità formale delle regole, alcune banche hanno rapporti sistematicamente più bassi tra le attività ponderate per il rischio - le sole che assorbono capitale - e l'attivo totale. Per intendersi: a fine 2010 questo rapporto era pari al 15 per cento per UBS, 18 per Deutsche Bank, 27 per Barclays e 30 per BnpParibas; ma saliva intorno al 50 per cento per Intesa San Paolo e Unicredit, come per Citigroup e JP Morgan; Bank of America era al 64 per cento. Il basso rapporto tra attività rischiose, gravate dagli obblighi di capitale, e attivo totale, implica valori più elevati della leva, il rapporto tra attivo totale e capitale: a quel tempo, ad esempio, esso era pari a 39 per Deutsche Bank, 32 per Ubs, 10 per Bank of America. Le due grandi banche italiane si collocavano intorno a 15. Un rapporto di leva pari a 40 implica che una perdita del 2,5 per cento sull'attivo può cancellare il capitale della banca. Qui viene in questione la fondamentale inaffidabilità delle regole di Basilea, vecchie e nuove: gli attivi rischiosi sono identificati dalle banche stesse con sofisticati modelli interni che né i regolatori, né il mercato capiscono. Dunque, non possono funzionare neanche i due pilastri addizionali del sistema di Basilea, quello della vigilanza e quello della disciplina di mercato, perché manca una metrica facilmente leggibile dei rischi. Insomma, le regole di Basilea non funzionano e non possono essere riparate, come ogni giorno diviene più evidente; e Dimon non ha tutti i torti quando dice che le regole creano un vantaggio per le (alcune?) banche europee.
Emerge anche la maggior fragilità del sistema bancario europeo, ora esposto al rischio di perdite ingenti sui debiti sovrani. Il Fondo monetario stima in 200 miliardi di euro il fabbisogno di capitale addizionale per mettere in sicurezza le banche europee; secondo JP Morgan ne basterebbero 150, pur sempre un'enormità. Si capisce perché le banche, in questa situazione difficile, fatichino a seguire le richieste dei regolatori con fondi privati. Di qui le proposte di riattivare i meccanismi di aiuto pubblico alle banche del 2008; è emersa anche l'idea di un fondo "Tarp" all'europea capace di rilevare gli attivi "tossici" dai bilanci delle banche, come gli Stati Uniti fecero nel 2008. Ma mentre la Germania si muove, la Francia esita, per il timore di perdere la Tripla A sui suoi debiti sovrani.
Siamo dunque a un passaggio difficile. L'origine del problema è la crisi di fiducia che ha investito la zona euro; l'incapacità di risolverla sposta il fronte del contagio sulle banche. Bisogna partire dall'origine e ristabilire la fiducia nei debiti sovrani, sennò anche le banche possono essere travolte. Le regole di Basilea c'entrano poco.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Fallimento e Crisi d'Impresa 2020
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Divieto di contanti e pagamenti elettronici: nuove regole
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
Procedure di allerta, sei mesi in più per le nano imprese
Sedata la crisi d'impresa
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Nelle imprese c'è posto per 193mila super-tecnici. Ma uno...
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
La correzione degli errori di bilancio
Privacy, rischi da valutare subito
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)