Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.052
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Rischio insolvenze per 45 miliardi
di Luigi Chiarello
Italia Oggi
Martedì 28 aprile 2020

Il rischio di insolvenza per i prestiti privati e gli interventi a sostegno delle imprese, coperti da garanzie pubbliche attivate a seguito dei decreti legge «Cura Italia» (n. 18/2020) e «liquidità» (n. 23/2020), «potrebbe superare il 10%». E questo a causa del fatto che la platea dei potenziali beneficiari è stata ampliata, includendo sotto l'ombrello pubblico, anche «le imprese con prestiti deteriorati». Non solo: a pesare saranno pure «le più elevate percentuali di copertura del credito» e «l'assenza di previsioni che limitino l'utilizzo delle garanzie ai soli nuovi finanziamenti o al rinnovo di quelli in scadenza contrattuale». A tracciare il quadro della situazione, ieri in audizione presso le commissioni riunite finanze e attività produttive della Camera dei deputati, è stato Fabrizio Balassone, capo del servizio struttura economica della Banca d'Italia. Sempre via Nazionale ha stimato in 450 mld di euro l'ammontare complessivo di credito con garanzie pubbliche, che i due provvedimenti dovrebbero mettere in campo: «Circa 5 volte il valore di quelle in essere a fine 2019». E ha confermato: «Nei 5 mesi che intercorrono tra marzo e luglio le imprese potrebbero cumulare un fabbisogno aggiuntivo di fondi esterni dell'ordine di 50 mld».

La trappola del merito creditizio. La relazione BankItalia tocca un punto nodale, che spiega la reticenza di diverse banche a erogare credito sul territorio. «Per ridurre i tempi necessari per la concessione dei finanziamenti», chiosa il capo della struttura economica di via Nazionale, «sono state sospese le procedure di valutazione del merito di credito dei debitori da parte del MedioCredito Centrale, che gestisce il fondo di garanzia pmi, e non ne sono state previste per la maggior parte delle garanzie concesse da Sace». Quindi l'affondo: «Questa scelta appare giustificabile in via temporanea ed eccezionale per evitare ritardi operativi dovuti all'elevato numero di pratiche da esaminare», ma «incide negativamente sulla capacità di utilizzare le garanzie in modo efficiente: in alcuni casi il credito potrebbe affluire a imprese comunque destinate a non superare la crisi». In sostanza, il sistema bancario è preoccupato che le imprese non rientrino dalle esposizioni. E questa annotazione riguarda soprattutto i prestiti fino a 25 mila euro; Balassone lo paventa nero su bianco in una noticina a margine della sua relazione a Montecitorio, quando rileva che l'alto numero di istanze da lavorare senza procedure valutative riguarda «soprattutto i prestiti di piccolo importo garantiti al 100%. In questi casi», sottolinea, «il decreto prevede che gli intermediari possano concedere i finanziamenti senza attendere la risposta del Fondo centrale di garanzia, una volta verificati i requisiti formali richiesti per l'ammissione alla garanzia».

I conti pubblici. A fronte di tutto ciò, Balassone sottolinea che «la sospensione temporanea dei versamenti fiscali ha accresciuto significativamente la necessità per il Tesoro di ricorrere al mercato» in aprile e la stessa cosa accadrà «nel mese prossimo»; in particolare, «le valutazioni ufficiali indicano in circa 16 mld l'entità dei versamenti che sarebbero differiti al secondo semestre 2020». Quindi, rileva: «I conti pubblici relativi a quest'anno potrebbero risentire dell'eventuale illiquidità dei contribuenti al momento di compensare quanto non versato in precedenza». Infine, rivela: «Le sospensioni per aprile e maggio di versamenti Iva, ritenute Irpef e contributi sociali andranno recuperate entro l'anno, in un'unica soluzione entro il 30 giugno, oppure con un massimo di cinque rate mensili a decorrere da tale data».

Patrimoniale e prelievi sui conti. BankItalia non sembra favorevole a nessuna delle due soluzioni per sostenere la spesa causata dalla crisi da coronavirus. «C'è molto risparmio degli italiani sui conti correnti, ma questo è la base della liquidità delle banche che consente loro di effettuare interventi. Se lo togliamo riduciamo la capacità delle banche di intervenire», rimarca Balassone.

Finanziamenti diretti dallo stato. Per mettere al riparo gli istituti di credito, il capo economista di BankItalia rilancia: «Per privilegiare la rapidità di erogazione il governo dovrebbe valutare il trasferimento diretto di prestiti alle imprese, volti a coprire, in misura da definire, le perdite di fatturato e le spese operative; operazioni condotte da veicoli finanziari pubblici costituiti per facilitare la ristrutturazione dei debiti delle aziende; incentivi fiscali miranti ad agevolarne la ricapitalizzazione». Il tutto prevedendo «esplicitamente che la valutazione del merito di credito sia assolta con la sola verifica formale della sussistenza dei requisiti previsti dal decreto, ed eventualmente anche disapplicando temporaneamente le norme penali rilevanti».

Facilitare le erogazioni. Per evidenziare i danni da Covid e facilitare il credito via Nazionale suggerisce «l'utilizzo esteso dell'autocertificazione della perdita di fatturato subita», come per «il reddito di ultima istanza» (art. 44, dl 18/2020) e la sospensione di versamenti tributari e contributivi (art. 18, dl 23/2020)». «L'operazione», chiosa Balassone, «accompagnata da controlli ex post disincentiva comportamenti opportunistici».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche-imprese, come cambiare il rapporto con Pmi e...
Il capitale sociale resiste solo alle perdite del 2020?
Revisione legale nelle nano imprese. Chiarita la...
Adeguatezza degli assetti organizzativi fuori dal rinvio...
Responsabilità del revisore nel nuovo codice della crisi...
Responsabilità amministratori e riforma della crisi d'impresa
Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?
Il commercialista Arlecchino servitore di due padroni
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Procedure di allerta, sei mesi in più per le nano imprese
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Una società è responsabile?
Remote working: 4 aspetti positivi del lavorare da casa
Srl, in ordine sparso sui collegi
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza: i nuovi...
Come investire i risparmi senza rischi
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
Società in crisi, scissione e bad company
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
OIC 11 - Finalità e postulati del bilancio d'esercizio...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)