Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.052
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Rischio bancarotta con il ricorso al credito dello stato
di Marcello Pollio
Italia Oggi
Venerdì 10 aprile 2020

Fare debiti garantiti dallo Stato richiede un'attenta valutazione per evitare la bancarotta preferenziale. In caso di successivo fallimento le imprese beneficiarie rischiano di ledere la par condicio creditorum e trovarsi automaticamente chiamate a rispondere del reato ex art. 216 legge fallimentare (l.f.), per avere acceso finanziamenti privilegiati che hanno come obiettivo l'utilità di soddisfare debiti correnti aventi normalmente natura chirografaria. I finanziamenti erogati dalle banche, infatti, godranno della automatica copertura della garanzia del Fondo di garanzia per le Pmi e in caso di inadempimento del debitore finanziato, la garanzia sarà escussa dall'istituto di credito, surrogando lo Stato nella posizione. La Corte di cassazione ha chiarito recentemente (sent. 2664 del 29 gennaio 2019) che nell'alveo del privilegio previsto dall'articolo 9, comma 5, dlgs. 123/98, per i finanziamenti di cui al medesimo articolo rientrano altresì tutti gli altri interventi di cui al precedente articolo 7, comma 1 e, dunque, anche le concessioni di garanzia. Il d.l. 23/2020 nulla dispone in merito alla natura della garanzia rilasciata, tuttavia, la lettura delle norme porta a ritenere l'applicabilità tout court delle ordinarie disposizioni poc'anzi richiamate, con estensione del privilegio dello Stato da collocarsi immediatamente dopo i dipendenti.

Nessuna esenzione penale nel decreto liquidità
Il dl 23/2020 appena pubblicato in G.U. (n. 94 del 8 marzo) ha introdotto varie misure a favore delle imprese per evitare la crisi (si veda Italia Oggi dell'8 marzo) e mantenere la continuità aziendale, tuttavia, nessuna disposizione ha derogato alla normativa penale fallimentare. La relazione di accompagnamento, per la verità, fa un breve accenno indicando che l'inibizione delle dichiarazioni di fallimento (sino al 30 giugno 2020) permettono di evitare l'automatica responsabilità degli imprenditori che non devono così ricorrere in proprio all'istituto fallimentare, con attenuazione delle relative responsabilità, ciononostante il limitato periodo di congelamento delle dichiarazioni di insolvenza risulta insufficiente e sicuramente più breve del tempo che occorrerà realmente alle imprese per godere del c.d. bazooka. Il decreto liquidità non prevede alcuna esenzione dai reati fallimentari che, come noto, si consumano quando l'impresa è in bonis, ma vengono puniti solo con la dichiarazione di fallimento o l'accesso al concordato preventivo da parte dell'impresa.
L'art. 216 l.f. stabilisce che è punito con la reclusione da tre a dieci anni, se è dichiarato fallito, l'imprenditore, che ha dissipato in tutto o in parte i suoi beni. La fattispecie rientra nel c.d. reato di bancarotta preferenziale, ovvero quel comportamento che scaturisce dal mancato rispetto della parità di trattamento dei creditori prevista dall'art. 2741 c.c. Il reato, per altro, è procedibile d'ufficio. Fortunatamente, sempre la suprema corte, (sent. 15 aprile 2019, n. 1635) ha stabilito che quando il pagamento di alcuni creditori è volto, in via esclusiva o prevalente, alla salvaguardia della attività sociale o imprenditoriale ed il risultato di evitare il fallimento può ritenersi più che ragionevolmente perseguibile, non può ritenersi sussistente il reato di bancarotta preferenziale. L'esenzione dalla responsabilità, tuttavia, non si verifica quando il soggetto agente è consapevole dell'irreversibilità del dissesto nonché della natura chirografaria dei crediti soddisfatti in violazione della par condicio creditorum.

La situazione di crisi da Coronavirus
Le aziende devono prestare attenzione. Moltissimi imprenditori che valuteranno con favore la propria posizione anche grazie alle norme introdotte dal d.l. 23/2020, che congelano gli effetti del Coronavirus e permettono ad esempio il mancato automatico scioglimento delle società e il rinvio delle perdite, porterà gli stessi a sperare che le nuove linee di credito siano la cura sufficiente per superare la crisi. La situazione potrebbe, invece, risultare dopo e in concreto assai differente, qualora l'impresa anziché guarire manifesti sintomi di aggravamento.
Diversa è la situazione di quelle imprese che sin d'ora si trovano di difficoltà e in base alle complesse previsioni del mercato, complicato dall'epidemia e dal lockdown, siano già nella possibilità di ponderare una non ripresa del proprio settore e business. Ricorrere a finanziamenti privilegiati per fare fronte a debiti chirografari determinerà un duplice rischio: da una parte la possibilità di aggravare il dissesto e commettere pagamenti preferenziali in violazione della par condicio creditorum, dall'altra creare condizioni che non permetteranno di attivare ed utilizzare strumenti di composizione della crisi quali il concordato preventivo o gli accordi di ristrutturazione dei debiti.
Ricorrere alla nuova finanza richiede un'attenta e preventiva valutazione delle condizioni di equilibrio e ritorno alla normalità dell'impresa, con effettiva capacità di rimborso dei debiti.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Aumenti di capitale a maggioranza semplice
Non è smart working ma "lavoro casalingo"
Revisione legale nelle nano imprese. Chiarita la...
Relazione unitaria dei sindaci-revisori con vista sugli effetti...
Il virus della crisi d'impresa
Fallimento e Crisi d'Impresa 2020
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Codice della crisi, i benefici superano i costi
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Quando l'evasione fiscale diventa reato
Start up a caccia di «angeli» capaci di innovare: la...
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Quando serve la Scia?
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Autovalutazione per il collegio sindacale
Srl, in ordine sparso sui collegi
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Amore e passione in ufficio per un lavoratore su due
Mifid II, le opportunità per il private banking
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)