Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.052
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Relazione unitaria dei sindaci-revisori con vista sugli effetti del COVID-19
di Raffaele Marcello e Ermando Bozza
Marzo 2020

Pubblicato sul sito www.eutekne.info in data 21 marzo 2020.

* * *

Sarà a breve disponibile sul sito del CNDCEC (www.commercialisti.it) il documento sulla relazione unitaria dei sindaci-revisori al bilancio 2019. Il documento focalizza l'attenzione sulle novità maggiormente significative che stanno caratterizzando le attività di vigilanza e revisione sul bilancio 2019, ossia le implicazioni derivanti dalla diffusione epidemiologica del COVID-19 e le peculiarità riguardanti le "nano-imprese".

Il documento, rispetto alle passate edizioni, contiene una sezione dedicata al caso di società che presentano dubbi significativi sulla continuità aziendale, con particolare riferimento agli scenari creatisi per effetto dell'emergenza pandemica da COVID-19, e una sezione dedicata alla revisione nelle nano imprese. Altro allegato, che potrebbe tornare utile nelle situazioni contingenti, è quello relativo alle procedure da seguire nel caso non fossero concessi ai sindaci-revisori i giorni di deposito per la propria relazione previsti dal comma 3 dell'art. 2429 c.c.

In tema di dubbi sulla continuità aziendale il documento sottolinea che i sindaci-revisori sul bilancio 2019 dovranno far riferimento, come in passato, ai principi di comportamento del collegio sindacale del CNDCEC vigenti e al principio ISA Italia 570 ritenendo non applicabili le norme del Codice della crisi relative agli indicatori ed indici di bilancio. È sotto gli occhi di tutti che le criticità legate alla diffusione del COVID-19 in molti settori di attività abbiano comportato effetti nel primo scorcio dell'esercizio 2020 e che allo stato non è dato sapere per quanto tempo perdureranno e in che misura.

Molto opportunamente il documento enfatizza il concetto, per così dire, di "unicità" dei dubbi in materia di continuità aziendale legati al COVID-19 che fa sì che le attività degli organi amministrativi, di controllo e dei revisori debbano essere improntate a canoni di estrema cautela e attenzione. Redigere piani previsionali in questa fase presenta margini di incertezza davvero singolari in quanto legati, oltre che ad un superamento della fase di contagio e al ripristino delle attività di mercato, anche alle misure di sostegno che lo Stato porrà concretamente in essere soprattutto nei riguardi di settori di attività che hanno dovuto forzosamente interrompere le proprie attività produttive.

Sicuramente attività doverosa è quella di fornire nella nota integrativa un'appropriata informativa quali-quantitativa al riguardo per mettere in grado gli stakeholder di valutare al meglio la situazione; meno semplice sarà la valutazione dei piani soprattutto se dovessero effettuarsi rigorose sensitivity analysis. Ciò che potrebbe spesso profilarsi è che i sindaci-revisori si troveranno di fronte a incertezze significative, relative agli eventi che l'emergenza pandemica sta generando, che potrebbero essere foriere di dubbi significativi sulla capacità della società sottoposta a revisione di mantenere la continuità aziendale.

Laddove il sindaco-revisore valuti appropriato l'utilizzo del principio della continuità e la società abbia dato adeguata informativa nella Nota integrativa, egli dovrà inserire nella propria relazione una dichiarazione specifica, così come richiesto dall'art. 14, comma 1, lett. f) del Dlgs 39/2010. Nell'allegato 3 del documento viene proposto un esempio di relazione a tal riguardo.

L'allegato 4 è dedicato ad un tema collegato funzionalmente a quello della continuità, ossia il maggior tempo richiesto dalle restrizioni imposte dai vari decreti sul coronavirus, non solo nell'iter di formazione ed approvazione del bilancio ma anche nello svolgimento delle attività di vigilanza e revisione. È di tutta evidenza che le restrizioni di accesso nelle sedi aziendali e lo "smart working" generino difficoltà non solo nell'elaborazione del bilancio ma anche nella capacità della società di fornire documentazione ed elaborazioni all'organo di controllo e al revisore.

Gli stessi sindaci-revisori, d'altronde, sono impossibilitati a recarsi presso gli uffici della società e, spesso, nei propri uffici. Potrebbero, quindi, verificarsi notevoli rallentamenti nelle attività di vigilanza e di revisione per ragioni oggettive indipendenti dalla volontà dei sindaci-revisori e conseguentemente, difficoltà nel garantire tempi e procedure idonei a rilasciare la relazione al bilancio 2019 in tempo utile per il deposito nei termini previsti dall'art. 2429 c.c.

Il documento del CNDCEC suggerisce ai sindaci-revisori di informare subito le società assoggettate a controllo su tali criticità invitandole a valutare la tempistica di approvazione del bilancio alla luce della situazione (anche tenendo conto del DL 17 marzo 2020 n. 18) e avvisandole di riservarsi la facoltà di valutarne l'impatto sui tempi di emissione della relazione unitaria, nonché sui suoi contenuti. In questi casi potrebbe rendersi necessario richiedere ai soci la rinuncia ai termini previsti dall'art. 2429, comma 3, c.c., per il deposito della relazione di revisione. Nel documento è riportato un esempio specifico di lettera di rinuncia ai termini.
Sul tema delle "nano-imprese" il documento rimarca come "l'attività di vigilanza e/o la revisione legale del bilancio per le società che si sono trovate a nominare per la prima volta l'organo di controllo o il revisore entro il termine del 16 dicembre 2019, a seguito dell'ampliamento dell'obbligo derivante dalla modifica dell'art. 2477 del c.c. avvenuto per mezzo dell'art. 379, comma 1 del DLgs. 12 gennaio 2019, n. 14 (Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza), deve necessariamente riguardare anche l'esercizio 2019, oltre agli esercizi 2020 e 2021" e fornisce indicazioni operative sul caso. Il CNDCEC, seppur indirettamente, sposa dunque la tesi della non revocabilità dei sindaci-revisori nominati entro il 16 dicembre 2019 e della necessaria emissione della relazione sul bilancio 2019 (contra Assonime con il caso n. 1/2020).

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche-imprese, come cambiare il rapporto con Pmi e...
Il capitale sociale resiste solo alle perdite del 2020?
Revisione legale nelle nano imprese. Chiarita la...
Adeguatezza degli assetti organizzativi fuori dal rinvio...
Responsabilità del revisore nel nuovo codice della crisi...
Responsabilità amministratori e riforma della crisi d'impresa
Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?
Il commercialista Arlecchino servitore di due padroni
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Procedure di allerta, sei mesi in più per le nano imprese
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Una società è responsabile?
Remote working: 4 aspetti positivi del lavorare da casa
Srl, in ordine sparso sui collegi
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza: i nuovi...
Come investire i risparmi senza rischi
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
Società in crisi, scissione e bad company
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
OIC 11 - Finalità e postulati del bilancio d'esercizio...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)