Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Regolamentiamo la finanza con i Cds»
di Paola Jadeluca
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 25 maggio 2009

«La prima cosa da fare è ripensare la regolamentazione degli operatori finanziari, in particolar modo dei grandi, istituendo delle regole del capitale minimo basato su meccanismi automatici di mercato e non sui parametri del credit rating che sono molto lenti nell'aggiustarsi e dare indicazioni». Luigi Zingales, docente di Finanza alla University, of Chicago tra i pochi italiani finiti nella classifica dei 100 economisti più influenti del mondo, non ha dubbi: «l'unico modo per regolare il sistema finanziario rimane il mercato», ribadisce.
Ma il mercato da solo?
«Non da solo, è utile che ci sia complemento da parte dell'autorità di regolamentazione, ma il rischio è che se non c'è uno strumento di mercato l'authority arrivi troppo tardi. Mi spiego: è troppo costoso per il regolatore intervenire e quindi si tende a posporre l'intervento, la cosiddetta regulatory forbearance. Vuol dire che il regolatore troppo spesso lascia correre. Allora è necessario avere un meccanismo di mercato che intervenga per tempo, in anticipo».
E quale sarebbe questo meccanismo?
«Insieme a Oliver Hart, mio collega di Harvard, abbiamo lanciato una proposta: adottiamo un nuovo sistema di capital requirement basato sul rischio degli intermediari, calcolato con credit default swap».
Ma come, proprio i Cds che sono accusati di essere la causa dello tsunami finanziario?
«I Cds sono armi, strumenti. Come tutte le armi possono essere usate in modo saggio o folle. Partiamo da alcuni principi. In un sistema di libero mercato l'amministrazione controllata mira a due scopi cruciali: sostituisce il management e cerca di risolvere i conflitti, offrendo all'azienda l'opportunità di ripianare i debiti, raccogliendo capitale nella prima fase. Ma questo penalizza gli azionisti e anche i manager. Ma nelle grandi istituzioni finanziarie, come Citigroup o Aig, la bancarotta è un'opzione pericolosa. Data la loro dimensione e la fitta rete di derivati e contratti finanziari che queste organizzazioni hanno, il loro fallimento diffonde incertezza in tutto il sistema finanziario, come abbiamo visto nel crac di Lehman. Ora, noi vogliamo un sistema che persegua lo stesso scopo del fallimento, ma allo stesso tempo garantisca che gli altri contratti finanziari siano validi».
E come?
«Partendo da una comune pratica di mercato, il margin account, l'acquisto di azioni pagando solo una piccola parte del prezzo e coprendo il resto con il prestito di un broker. Quando il prezzo dell'azione scende, il broker chiede all'investitore di aggiungere una garanzia: l'investitore ha due possibilità, o ristabilisce la solidità della sua posizione, oppure vende, liquida la sua posizione. Per analogia possiamo immaginare lo stesso meccanismo per le grandi organizzazioni finanziarie: devono avere abbastanza garanzie, azioni, da assicurare che la loro solvibilità può essere sempre garantita. Quando la fluttuazione nel valore degli asset sottostanti mette i creditori a rischio, ecco che i possessori di azioni vengono posti di fronte a un margin call, e si trovano di fronte a un bivio: o hanno la possibilità di immettere nuovo capitale, oppure perdono le loro azioni. In entrambi i casi i creditori sono protetti».
Ma la difficoltà è stata proprio questa, individuare per tempo le perdite nascoste.
«Infatti il nuovo sistema di capital requirement è regolato da un altro meccanismo, che consente di superare l'ostacolo posto dalla difficoltà di raccogliere tutti i creditori di una grande organizzazione finanziaria nonché di misurare l'esatto valore di molti asset, come i prestiti commerciali, le linee di credito. Serve dunque un meccanismo a cui lasciare la decisione di quando far scattare il margin call. E un meccanismo basato sul mercato: i Cds, appunto, che altro non sono che una assicurazione. Nel nostro meccanismo quando il prezzo dei Cds sale sopra un certo valore critico, il regolatore dovrà forzare l'organizzazione finanziaria a emettere azioni finché il prezzo dei Cds e il rischio di fallimento rientra. Se l'organizzazione non riesce in questa operazione, allora il regolatore prende il controllo dell'impresa. In pratica una forma più morbida di amministrazione controllata, ma senza far ricadere i costi sul sistema». In altro modo, è quello che hanno fatto in Svezia negli anni '90, salvando le banche senza costi per il contribuente. Ma senza salvare manager e azionisti.
«Questo si ottiene solo con un meccanismo chiaro di intervento. Una delle grosse falle del sistema di regolamentazione è stato il comportamento storico delle autorità monetaria, in particolare quella americana, che aveva generato la sensazione che in qualsiasi situazione l'autorità sarebbe intervenuta per salvare il settore finanziario, la cosiddetta 'Greenspan put'. In alcuni casi è stato corretto, l'immissione di liquidità dopo l'87, è stata poi usata in tutte le altre dopo la crisi messicana, asiatica e la bolla di Internet. Tutti interventi che hanno generato l'aspettativa di salvataggi sicuri, di fronte all'invocazione di catastrofi nazionali, spingendo i creditori a protetti dalla Greenspan put. Il governo interveniva sempre, salvava il sistema e salvava gli stessi operatori finanziari. Il rischio sistemico è stato creato principalmente da un regolatore troppo accondiscendente».
Il vostro sistema di capital requirement risolve anche i problemi del rating che, abbiamo visto, non sempre riflettono la realtà.
«Il problema fondamentale è che il rating è sottoposto alla pressione politica dei grossi operatori. Le società di rating sono riluttanti a emettere i downgrading, mentre la bellezza del mercato è che è difficile da influenzare perché c'è la concorrenza di tanti operatori. L'interesse generale è schiacciato tra la classe politica che vuole controllare la finanza, perché la finanza è potere, e i finanzieri che vogliono controllare la politica perché aumenta il loro potere di mercato. I comportamenti dei regolatori stessi sono stati soggetti alla pressione delle lobby d'affari. Invece i politici devono essere indipendenti».
Facile a dirsi. Mentre Obama ha affidato i suoi risparmi a un blid trust, da noi non è avvenuto.
«Il problema del conflitto di interessi è enorme, Obama è una persona intelligente ma si deve far consigliare da persone indipendenti. Geithner, il ministro del Tesoro, era stato nominato governatore della Fed di New York da un board che comprendeva a.d. di Lehman Brothers, JpMorgan. Al termine del mandato è probabile vada a lavorare per una delle banche di New York. Summers, consigliere economico di Obama, una delle persone più intelligenti che io conosca, lavorava negli hedge fund: anche senza volerlo è vicino ai loro interessi. Bisogna comunque sempre stare molto attenti».
Il governatore Mario Draghi nei giorni scorsi ha annunciato l'automatica applicazione della direttiva comunitaria che prevede l'innalzamento della soglia di partecipazione delle imprese nelle banche, dal 5 al 10%, oltre il quale serve l'autorizzazione. Questa commistione impresa-banca non ripropone conflitti di interessi?
«No, si tratta di una iniziativa intelligente, soprattutto in questo momento. Negli Usa, per esempio, uno dei blocchi alla ricapitalizzazione delle banche è dipeso dall'impossibilità dei private equity di entrare nell'azionariato delle banche se non con una regolamentazione molto pesante. Se vogliamo accelerare il processo di ricapitalizzazione dovremmo temporaneamente allentare queste regole. Viceversa, è molto pericoloso aumentare la partecipazione delle banche nelle imprese in questa fase, perché le imprese sono in grossa difficoltà e la banca tende a mettere più soldi nell'impresa, diventando più dipendente dalle sorti dell'impresa stessa. Non dimentichiamo che la crisi degli anni '30 in Italia è nata proprio dalla Banca commerciale e dal Credito italiano fortemente esposte nel settore dell'acciaio, che di fronte alla crisi mondiale aveva subito una forte frenata».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Sedata la crisi d'impresa
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Cassa mutua per i professionisti
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Una società è responsabile?
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
ISA 2018, le modifiche
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)