Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Rating positivo per un'industria su tre
di Roberta Paolini
Il Sole 24 Ore - Sud
Mercoledì 17 ottobre 2007

Lo spettro di Basilea 2 torna ad allungarsi sulle imprese nordestine. Sono oltre il 57% le aziende che dal 1° gennaio 2008 saranno a "rischio" (rating compreso tra BB e CCC) nelle tre regioni. A dirlo è l'analisi realizzata dall'Ufficio Studi di Capp&CaPP, sotto la direzione scientifica di Roberto Cappelletto, ordinario di finanza aziendale all'Università di Udine. In base alla proiezione dei bilanci 2006 analizzati dai ricercatori della società a Nord-Est è a rischio insolvenza un'impresa su 5. Mentre l'esercito delle virtuose riguarda oltre il 32% (rating compreso tra BBB e AAA). Tra i settori il migliore sul versate dell'affidabilità si conferma il manifatturiero, oltre il 33% del campione, seguito da commercio e servizi. Nel confronto con la penisola, infine, il dato triveneto risulta positivamente allineato, le aziende finanziariamente solide sono oltre il 27% contro il 26%, dato nazionale.
«Le banche italiane hanno procrastinato l'entrata di un anno l'entrata in vigore dell'accordo interbancario per una serie di ritardi accumulati nell'iter legislativo» afferma Cappelletto. Ma oggi con il differimento di un anno le cose non sono migliorate e molti istituti, soprattutto quelli che non hanno un'operatività internazionale, non adotteranno Basilea 2 almeno per il secondo pilastro, ovvero quello che impone alle banche di allocare più capitale proprio a copertura dei rischi assunti nell'erogazione del credito. La discrezionalità con cui verrà introdotta B2 produrrà una divaricazione, spiega Cappelletto: «La mia impressione è che Basilea 2 non solo selezionerà le aziende migliori, più meritevoli e per le quali finanziarsi costerà meno, ma realizzerà una distinzione anche tra gli istituti di credito». Come dire che gli istituti che sapranno fare una diagnosi corretta accurata dei propri clienti avranno portafoglio a basso rischio solvibilità. «Diversamente gli istituti di credito, e tra questi soprattutto le Bcc rischiano di assumere rischi "cattivi", ovvero tutte le aziende scartate dagli istituti più grandi perché ritenute sottopatrimonializzate».
E le banche cosa ne pensano? Per Intesa San Paolo è già partito da tempo il Progetto Basilea2 - spiega Davide Alfonsi, responsabile direzione risk management del Gruppo - «con l'obiettivo, nel corso del 2008, di presentare alla Banca d'Italia la domanda di ammissione ai metodi avanzati per i rischi creditizi relativi alle imprese con più di 2,5 milioni di fatturato. Stiamo inoltre creando le premesse per portare a regime anche gli affidamenti al settore retail pervenendo nel corso del 2008 ad un assetto pressoché completo di gestione dei rischi con metodi avanzati su tutto il Gruppo».
«L'ormai prossima applicazione delle regole di Basilea 2 è un'occasione per le imprese per ottimizzare la propria struttura patrimoniale e finanziaria - è il commento di Alberto Morini, responsabile della regione commerciale Triveneto Orientale di Unicredit Banca d'Impresa - anche perché dal rating assegnato dipenderà in buona parte il prezzo del credito».
Per Luca Modonesi, direttore generale di Efibanca, Gruppo Banco Popolare, «dal 2001, anno di prima emanazione dell'accordo sul capitale di Basilea 2 notevoli progressi sono stati fatti nel mondo bancario per uno strumento di erogazione del credito più consapevole, con conseguente opportunità di miglioramento della politica di pricing affidata ora a parametri oggettivi di valutazione e classificazione del merito creditizio anziché prevalentemente su logiche negoziali».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Lo stage è sempre retribuito?
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Come creare start up innovative
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Consulenti e revisori insieme
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Più tempo per la formazione
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)