Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Pronta la riforma di Basilea 2
di Alessandro Merli
Il Sole 24 Ore
Giovedì 17 dicembre 2009

Uscirà con probabilità oggi stesso la proposta di riforma delle regole sui requisiti di capitale delle banche, secondo fondi vicine al Comitato di Basilea, che riunisce le autorità di vigilanza di una trentina dei paesi più importanti. Una notizia diffusa ieri dal quotidiano giapponese Nikkei, secondo cui le banche avranno da 10 a 20 anni di tempo per mettere in atto le nuove regole, che sono più restrittive di quelle attuali, cosiddette di Basilea 2, ha spinto a forti rialzi i titoli bancari giapponesi ed europei, ma è stata ridimensionata da diverse fonti monetarie nel corso della giornata. La corsa dei titoli bancari ha contribuito a far salire le Borse europee ai massimi dell'ultimo mese.
Come già previsto dal G-20 e dal Financial Stability Board, le nuove regole, che hanno l'obiettivo di rafforzare il capitale delle banche dopo la crisi finanziaria degli ultimi due anni, saranno discusse e ne verrà valutato l'impatto nel corso del 2010, prima di arrivare a una versione definitiva. La loro applicazione è prevista a partire dal 2012. Diverse fonti vicine al Comitato di Basilea hanno ieri confermato al Sole 24 Ore che l'introduzione averrà, dal 2012, in modo graduale, come del resto previsto dal vertice del G-20 di Pittsburgh a settembre, secondo cui l'attuazione dovrà tener conto del miglioramento delle condizioni finanziarie e del consolidamento della ripresa. Le autorità sono conscie che in una fase di credito già scarso e in cui l'economia stenta a riprendersi, la richiesta alle banche di aumentare il capitale subito rischierebbe di bloccare la ripresa. Le stesse fonti smentiscono però che il documento contenga un riferimento a un periodo di 10 o 20 anni di transizione, che viene definito non realistico. La stessa Fsa giapponese, l'organo di vigilanza bancaria e di controllo dei mercati, ha negato che ci sia un'indicazione in questo senso. Fondi di Banca d'Italia hanno precisato che per il passaggio alle nuove norme verrà utilizzato il sistema del grandfathering, in base al quale le vecchie regole resteranno in vigore fino all'introduzione progressiva delle nuove.
Non è un caso, secondo analisti del settore bancario, che l'indiscrezione su un periodo di transizione molto lungo sia emersa in Giappone e che l'indice dei titoli bancari a Tokyio abbia risposto euforicamente, con un rialzo del 7%. Le banche giapponesi sono infatti fra le meno capitalizzate fra tutti i grandi istituti internazionali e sono quindi quelle chiamate nei prossimi anni allo sforzo maggiore per adempiere ai requisiti più stringenti. All'estremo opposto dello spettro sono le banche degli Stati Uniti, che godono di una capitalizzazione più che adeguata. L'implementazione dei requisiti patrimoniali delle banche è affidata alle autorità nazionali, ma, secondo fonti di mercato, è da escludere che anche in Giappone si possa arrivare a una transizione così lunga come quella ipotizzata. C'è peraltro un problema di coordinamento internazionale nel'applicazione delle nuove regole. La Gran Bretagna, per esempio, ha già iniziato a richiedere alle proprie banche un rafforzamento del capitale.
Le regole di Basilea 2, approvate nel 2004 dopo una discussione di quasi otto anni, hanno nmostrato numerose lacune durante la crisi: la valutazione del rischio affidata ai modelli interni delle banche o alle agenzie di rating si è rivelata inefficace, mentre, più in generale, è emerso che le banche non disponevano di capitale sufficiente per far fronte alle perdite che poi sono emerse e avevano fatto un uso eccessivo della leva finanziaria.
Il Comitato di Basilea ha raggiunto un accordo su una serie di proposte, che verranno incluse nel documento in corso di pubblicazione e che riguardano tra l'altro la definizione di capitale, il trattamento più restrittivo dell'attività di trading rispetto a quella bancaria tradizionale, l'introduzione di un leverage ratio e la riduzione della prociclicità di Basilea 2.

* * *

Domande e risposte

Cos'è Basilea 2? Basilea 2 è la disciplina che regolamenta i requisiti patrimoniali delle banche. A differenza di un'impresa commerciale o industriale, una banca deve correlare il proprio capitale all'entità dei rischi che assume (tra i quali, principalmente, quello di credito).
Come funzionano i rating? Il rating rappresenta un giudizio sintetico sulla qualità creditizia del cliente affidato o da affidare. Assegnare un rating a un'impresa significa attribuirle un determinato livello di rischio (classe di rating), cui è associata una certa probabilità di insolvenza. A tal fine è necessario sottoporre l'impresa a un processo di valutazione che analizzi tutti gli aspetti del rapporto commerciale mediante l'utilizzo di misurazioni statistiche attendibili e verificabili nel tempo.
Che cosa non ha funzionato di Basilea 2 durante la crisi? Il timore più diffuso è che l'introduzione di Basilea 2 abbia reso più difficoltoso e oneroso l'accesso al credito. Più in generale, si ritiene che il meccanismo di determinazione della dotazione patrimoniale delle banche possa avere un effetto negativo sull'andamento del ciclo economico (cosiddetto effetto di prociclicità) con il rischio di una calo significativo dell'offerta di credito.
Quali relazioni ci sono tra capitale ed erogazione dei crediti? La capacità di erogare credito di una banca dipende sia dall'entità del suo patrimonio, sia dalla rischiosità del portafoglio creditizio. Ne consegue che, a parità di dotazione patrimoniale, tanto meno è il patrimonio assorbito dal rischio di una singola operazione, tanto più credito è possibile erogare complessivamente.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Divieto di contanti e pagamenti elettronici: nuove regole
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Quando l'evasione fiscale diventa reato
Necessarie competenze a tutto campo per far fronte alle...
ReportCalcio 2019 della Figc
Quattro errori dei manager che fanno fallire le aziende
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Quando serve la Scia?
Una società è responsabile?
Autovalutazione per il collegio sindacale
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
ISA 2018, le modifiche
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Codice della crisi d'impresa: ok dall'esecutivo
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Valutazione dell'azienda in crisi con analisi preliminare
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
Privacy, rischi da valutare subito
Consulenti e revisori insieme
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Più tempo per la formazione
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
Troppi lacci frenano il credito in Europa
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)