Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
di Alessandro Germani
Quoditiano del Fisco - Il Sole 24 Ore
Mercoledì 20 novembre 2019

L'impresa che vuole affacciarsi al private equity o al private debt deve essere in grado di raggiungere risultati appetibili sia a livello economico che finanziario. E ciò tanto in chiave storica quanto prospettica.
È fondamentale innestare una cultura della performance aziendale e della verifica delle prestazioni attraverso un adeguato sistema di controllo di gestione. Soprattutto in quei settori caratterizzati da un'elevata competitività, ma più in generale se si vuole rispondere in maniera repentina alle sollecitazioni del mercato, è necessario aver innestato dei meccanismi che consentano di monitorare a livello mensile l'economicità della gestione e la situazione finanziaria.
Due sono gli indicatori da tenere particolarmente in considerazione: l'Ebitda (earnings before interest taxes depreciation and amortization); la Pfn (posizione finanziaria netta). Il primo è un indicatore reddituale come differenza fra i ricavi e i costi caratteristici tenendo fuori l'area finanziaria, le imposte, gli ammortamenti e le svalutazioni.
La seconda, invece, misura la differenza fra l'esposizione verso il sistema finanziario (banche in primis) e la cassa attiva. Alcune voci critiche sono rappresentate dall'eccessivo scaduto verso i fornitori e dal Tfr, la cui natura oscilla fra passività di funzionamento e di finanziamento.
In caso di intervento nel capitale dell'impresa il fondo di private equity guarderà agli indicatori aziendali in base ai suoi obiettivi. Quindi, dal lato dell'imprenditore che cede il controllo o una quota di minoranza contano un elevato Ebitda, che dipende dalla performance aziendale, un elevato multiplo, che dipende dalle caratteristiche del settore (il lusso può pagare di più di settori tradizionali) e dalla Pfn, perché se l'impresa lavora su basi attive allora cresce anche il suo equity value, in caso contrario lo stesso si riduce per via dei debiti finanziari.
Ma queste stesse leve sono d'interesse anche per il fondo. Perché dovendo questo massimizzare il rendimento dell'investimento (IRR-internal rate of return) guarderà al fatto di poter agire su tali leve nel quinquennio di sua permanenza per ottenere un cospicuo capital gain in uscita.
Differente è la visione del private debt, il cui unico interesse, simile alla banca, è quello di assicurarsi il pagamento degli interessi e il rimborso del capitale. Quindi lo stesso guarderà al business plan dell'impresa secondo una logica differente rispetto al private equity, non essendo interessato a fattori che incrementino l'equity value dell'impresa, ma piuttosto ad assicurarsi il rimborso dei capitali concessi in prestito.
Vi sono quindi alcuni indicatori di comune utilizzo per pesare la sostenibilità finanziaria del debito, peraltro spesso utilizzati anche come covenants. I più frequenti sono: il leverage ratio (debito/Ebitda) che misura quanti anni servirebbero all'impresa per rimborsare il debito dato il livello attuale di Ebitda; il gearing ratio (debito/patrimonio netto) che misura il livello di leva e quindi più è elevato e maggiore sarà il rischio connesso alla presenza del debito; il debt service cover ratio (cash flow/quota capitale + interessi) che misura il flusso di cassa disponibile per ripagare capitale e interessi; l'interest cover ratio (Ebitda/interessi passivi) che misura quante volte l'Ebitda copre il pagamento degli interessi. Indipendentemente dal finanziatore, vale sempre la regola che l'impresa dovrà avere i conti a posto.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Responsabilità amministratori e riforma della crisi d'impresa
Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Una bomba a orologeria contro gli amministratori
Indici allerta, doppio binario per il calcolo del Dscr
AAA revisore cercasi. Inutilmente
Sindaco o revisore unico, questo è il problema. Perché non...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Amministratori di società: la responsabilità diventa illimitata
Start up a caccia di «angeli» capaci di innovare: la...
Assetti organizzativi da adeguare alle caratteristiche della...
Necessarie competenze a tutto campo per far fronte alle...
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Srl, si può attendere fine anno per nominare sindaci e...
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Srl, in ordine sparso sui collegi
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Lo stage è sempre retribuito?
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Società quotate, i commercialisti spingono per...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Indice di allerta nelle crisi di impresa: esiste, funziona...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
La valutazione civilistica delle commesse pluriennali
Categorie al fotofinish sul Gdpr
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)