Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
a cura della Redazione del sito www.laleggepertutti.it
Maggio 2019

Pubblicato sul sito www.laleggepertutti.it in data 8 maggio 2019.

* * *

Immagina di ricevere, sul tuo conto corrente, un bonifico con una sostanziosa somma di denaro. Senonché, negli ultimi mesi, non hai pagato una fattura e il fornitore ha avviato, nei tuoi confronti, una causa per il recupero del credito. Per evitare che quest'ultimo attivi anche il pignoramento dei tuoi risparmi in banca, decidi di svuotare il conto corrente e di lasciarvi depositata solo una somma simbolica. Di tanto però viene a conoscenza il creditore. Temi così che possa rivalersi contro di te e, magari, chiedere la restituzione di quanto hai ricevuto col bonifico e subito prelevato con l'intento fraudolento. Il creditore può revocare il prelievo dal conto in banca?
Ecco alcuni chiarimenti che fanno al caso tuo e che ti serviranno anche a capire quando si rischia nel momento in cui si decide di svuotare il conto corrente per frodare i creditori.

Cos'è l'azione revocatoria?
Si chiama «azione revocatoria» ed è una causa che il creditore può intentare al debitore tutte le volte in cui questi, dopo aver contratto un debito (e quindi anche prima che smetta di pagare) cede uno o più beni ad altre persone per sottrarli al rischio di un eventuale pignoramento.
L'azione revocatoria va esercitata entro massimo cinque anni dall'atto di cessione, altrimenti è tardiva.

Quando si può esercitare l'azione revocatoria
Il creditore deve dimostrare che l'atto di cessione gli ha procurato un danno; il che vuol dire fornire la prova che, proprio a causa di tale atto, il patrimonio del debitore si è ridotto tanto da impedire il soddisfacimento del diritto di credito. Ad esempio, se una persona ha un debito di 200mila euro e vende l'unica casa del valore di 300mila euro, l'azione revocatoria può essere esperita. Invece, se è proprietario di un conto corrente con 200mila euro e/o altri immobili, la revocatoria non può trovare accoglimento.
È più facile revocare un atto di donazione che una vendita. Nel primo caso, infatti, non bisogna dimostrare null'altro che il predetto intento fraudolento del debitore, ossia l'insufficienza del suo patrimonio all'esito della cessione. Nel secondo caso, invece, al fine di tutelare anche la buona fede di chi acquista da una persona indebitata, è necessaria provare che l'acquirente fosse già a conoscenza della morosità del venditore (una prova facile quando si vende a un familiare o a un parente, meno facile invece quando si tratta di un estraneo).

Un prelievo in banca si può revocare?
La ragione dell'azione revocatoria è evitare il depauperamento del patrimonio del debitore, cosa che avviene solo quando i suoi beni diventano di proprietà di altri. Ecco quindi che la revocatoria si può pronunciare soprattutto contro cessioni a titolo di vendita o di donazione.
Invece, nel caso di prelievo dal conto corrente, il denaro resta comunque nella proprietà del debitore, il quale non se ne spoglia, ma decide di custodirlo in diverso modo (ad esempio sotto il mattone).
Questo significa che lo svuotamento del conto non è un atto soggetto a revocatoria e il creditore non potrà renderlo inefficace.
Sintetizzando, il prelievo in banca non è revocabile perché l'azione revocatoria colpisce solo gli atti di "disposizione" del patrimonio (vendite, donazioni, ecc.), mentre, in caso di prelievo, il denaro non passa nelle mani di un altro soggetto, restando nella titolarità dello stesso, ossia il correntista.
Diversamente, se il prelievo ha lo scopo di trasferire i soldi da un conto corrente a un altro (anche se non in modo diretto, ossia con bonifico, ma con due atti distinti: prelievo del contante e successivo bonifico), il creditore può chiedere la revocatoria.

Pignoramento dei soldi prelevati dal conto banca
Il fatto che il denaro sia stato prelevato dal conto corrente non esclude, in teoria, che esso non sia pignorabile. Sarà verosimile che il debitore lo porti in casa, magari lo nasconda in una cassaforte.
Nell'ambito del pignoramento in appartamento, l'ufficiale giudiziario ha sempre il potere di chiedere – e il debitore l'obbligo di rispondere – in merito alla disponibilità di beni ulteriori rispetto a quelli in bella mostra. Il che significa che se il debitore conserva dei soldi sotto il mattone dovrà comunicarne l'esistenza e se non lo fa commette reato. I soldi trovati in cassaforte nel corso di un pignoramento mobiliare sono pignorabili in quanto considerati beni mobili al pari di qualsiasi altra cosa.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il monitoraggio parte dal bilancio e dalla tesoreria
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Procedure di allerta, sei mesi in più per le nano imprese
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Buttati! I 4 rimedi contro l'ossessione del perfezionismo
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
Il professionista come coach rimotiva l'azienda in bilico
Necessarie competenze a tutto campo per far fronte alle...
Srl, raddoppiano i limiti per l'organo di controllo
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Riforma diritto fallimentare. Istituzione dell'organo di...
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Fallimento e crisi d'impresa: uno strumento per essere...
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Mifid II, le opportunità per il private banking
Sulle finanze ti aiuta il revisore
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Azienda Italia, il vertice non cambia al timone meno...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Società in crisi, scissione e bad company
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
Privacy, rischi da valutare subito
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)