Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Popolari, Bcc, sofferenze e bail: in le 4 mosse per le banche italiane
di Andrea Greco
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 30 novembre 2015

La ristrutturazione del sistema bancario italiano, sotto il fuoco incrociato delle crescenti richieste dei regolatori e di quelle - non meno pressanti di investitori e clienti, tiene sul filo i banchieri. E con essi i dirigenti di Governo, Tesoro e Banca d'Italia che sono rientrati in cabina di regia per completare il più e il meglio possibile un quadro creditizio consono alle scadenze politiche e normative che chiudono l'esercizio 2015. Tutto si affastella: e il blitz di domenica 22 novembre per formalizzare il salvataggio di quattro piccole banche del Centro Italia bene illustra la situazione, e lo spirito delle cose che si preparano nello scorcio d'anno.
Dopo mesi di trattative sfinenti ma improduttive con le istituzioni sovranazionali, per agevolare soluzioni alternative (e meno onerose per il sistema) giovedì 19 le autorità hanno avvisato, brutalmente, le grandi banche e le Fondazioni socie dei quattro gruppi in dissesto - ovvero i principali "pagatori" del salvataggio da 3,6 miliardi, da versare entro il 7 dicembre nel neonato Fondo di risoluzione - che nel giro di poche ore si sarebbe riunito il consiglio dei ministri per formalizzare l'operazione. Altro tempo non ce n'era, se non si voleva finire sui giornali, dal 1° gennaio, come il primo caso di bail-in bancario europeo.
E spaventare ancor di più i depositanti italiani e i migliaia di obbligazionisti bancari non subordinati. Ma l'iter complesso avviato su Banca Marche, Ferrara, Etruria, Chieti, è solo una parte dei lavori in corso da parte del governo e della tecnocrazia di Via Nazionale, che a un anno dall'introduzione della vigilanza unica europea sembra ritagliarsi un ruolo più accentuato di "intermediario tecnico e culturale" tra l'Eutotower e il tessuto creditizio nostrano. Dopo l'antipasto appenninico, il menu di San Silvestro prevede altre portate: il varo della riforma delle Banche di credito cooperativo; lo scocco della prima scintilla d'amore tra le otto popolari-spa; l'offensiva diplomatica e legale per valutare la costituzionalità della direttiva Brrd sul salvataggio ordinato; la liquidazione di parte dei 200 miliardi di sofferenze, tramite un veicolo dotato di capitale - o almeno garanzia - pubblici; un monitoraggio del "caso Unicredit", su cui i mercati attendono chiari riscontri di rafforzamento patrimoniale. Si tratta di pietanze non meno impegnative di quella cucinata domenica 22; e da preparare, secondo i casi, con gli ingredienti della moral suasion, della sapienza tecnico-giuridica e dell'esperienza in vigilando.
La riforma della Bcc. Ogni impegno è un debito politico. E il governo Renzi si è impegnato con l'Europa a riformare, entro il 2016, il numeroso mondo del credito cooperativo. Solo che la chance offerta a Federcasse, di realizzare un'autoriforma nel solco di quella riuscita alle Fondazioni ex bancarie, sembra andata sprecata. La proposta di Alessandro Azzi, appena confermato alla guida dell'associazione che riunisce le Bcc, non convince parti importanti del movimento, specie le federazioni Lazio e Trentino. E sembra non convincere nemmeno la vigilanza, che considera poco realizzabile la soglia di capitale di un miliardo, tanto alta da rendere la sola Iccrea possibile holding unica delle Bcc. Il sottosegretario Baretta, avvisando Azzi che il tempo sta scadendo, ha promesso per Natale un decreto legge. Anche in questo caso, c'è una dozzina di gruppi commissariati che sarebbe opportuno mettere in sicurezza tramite un processo di consolidamento, piuttosto che affidarli alla risoluzione prevista dalla direttiva Brrd.
I tecnici sono comunque al lavoro, per integrare la bozza Federcasse dei necessari snodi normativi che la rendano compatibile con il Tub e le direttive Ue. I punti da sciogliere sono le caratteristiche della (o delle) future holding capogruppo, e le modalità di adesione o di abbandono dei nascenti gruppi di Bcc. Materia tecnica e politica, ma gli sherpa stanno scrivendo: sembra si preparino tre diverse soglie, per tre gruppi nazionali di matrice cooperativa. Qualche fusione preparatoria frattanto si è già vista, specie in Lazio e in Toscana.
Le fusioni delle Popolari. Dopo otto mesi, l'iter burocratico è partito: ma nella pratica, siamo a Carissimo amico, perché le fusioni che erano l'obiettivo derivato della trasformazione in spa sono ancora sulla carta. Ci sono le convocazioni delle assemblee per convertire i maggiori istituti in spa (anzi, Ubi ha già proceduto) e molte nomine di advisor per arrivare agli appuntamenti con i soci con una "storia da raccontare". Preferibilmente una storia di aggregazione e di crescita, dato che entro fine 2016 tutti questi gruppi saranno spa e gli investitori entreranno soltanto se vedranno occasioni di rilancio solide, e soprattutto voteranno nelle future assemblee in base al peso azionario, non più pro-capite. Le protagoniste più lanciate sembrano a tutti Ubi, Bpm e Banco popolare, da cui nel giro di un paio di mesi dovrebbe scaturire il binomio che aprirà le danze. E' ancora difficile fare le probabilità, perché molti dei manager coinvolti ragionano in base alla personale convenienza. "Problemi di governance", per usare il linguaggio più formale di Daniéle Nouy, presidente del board della vigilanza europea che giorni fa a Milano ha arringato i banchieri italiani.
Bad Bank. Dopo quasi un anno, in cui il monte dei crediti non onorati è costantemente salito, fino a 200 miliardi, la dialettica serrata e aspra tra le autorità italiane, politiche e tecniche, e la Commissione europea non ha dato luogo al veicolo pubblico-privato per cartolarizzare le sofferenze, né ad altre soluzioni consimili. Oggettivamente, è un tempo troppo lungo perché possa durare ancora. Negli ambienti bancari si riferisce che il Tesoro, che ha portato avanti la trattativa a Bruxelles, entro fine dicembre prenderà comunque una posizione: la versione a contributo pubblico della bad bank - si era provata a coinvolgere la Cdp, per quanto i suoi nuovi vertici fossero poco ispirati dal dossier - sarebbe ormai una possibilità residua. Ma potrebbe accreditarsi una soluzione privata, in cui il capitale viene dagli operatori specializzati e dalle banche stesse più interessate ad apportare sofferenze, a valutazioni di mercato, per poi venderle. Con le garanzie prestate da Cdp o dalla Sace, sempre che si risolva il difficile quesito di prezzarne adeguatamente il costo.
L'opposizione dal bail in. Un altro fronte di attenzione, per il sistema bancario nazionale, riguarda l'attività di opposizione, legale e della lobby, contro la direttiva sul salvataggio ordinato, in vigore da gennaio. I mugugni sono in corso da tempo, specie da parte dell'Abi che raggruppa la lobby bancaria, contro un contesto europeo vissuto come ostile: sia nei passaggi che hanno portato alla vigilanza unica (leggi stress test e vigilanza Srep 2014) sia per la gestazione della direttiva che spalma su azioni, bond e depositi sopra i 100mila euro il costo prioritario dei salvataggi. A Roma diversi funzionari ritengono che il provvedimento varato a giugno a Bruxelles possa violare il principio della non retroattività delle norme, perché espone a nuovi rischi i contratti pattuiti nel passato da obbligazionisti e correntisti degli istituti che salteranno dal 2016. A Vienna, in luglio, la Corte costituzionale ha respinto un tentativo del governo di far pagare ai creditori subordinati il crac di Hypo Alpe Adria. La tesi dei giudici austriaci è che quel salasso avrebbe violato la Costituzione, rendendo nulle le garanzie offerte agli obbligazionisti dal governo della Carinzia. Soprattutto, la Corte ha chiesto di abrogare la norma pioniera del bail in introdotta nel 2014 dal ministro delle finanze. Potrebbe essere un precedente per l'Abi, o per tutti gli investitori che si sentissero bistrattati dalle novità normative.
Unicredit. Ultima, ma non ultima, tra le preoccupazioni di chi presidia la stabilità del sistema c'è la vicenda Unicredit. Come temevano diversi osservatori, il piano strategico dell'11 novembre è stato accolta con freddezza dal mercato. L'azione da allora ha perso l'8%, e più di un operatore ha criticato gli obiettivi di patrimonio della banca, che è tra le istituzioni sistemiche quindi ne avrebbe più bisogno. Il management guidato da Federico Ghizzoni ha smentito più volte, e duramente, l'ipotesi di ricapitalizzare. Resta che la maggioranza degli operatori considera l'indice Cet1 di Unicredit, al 10,5% a settembre e all'11,5% prospettico, non sufficiente. La banca paga, anche, un modello di business molto commerciale, e la presenza in molti paesi europei che era sembrata una forza all'epoca della campagna di acquisizioni. Anche Nouy, a Milano, ha detto con forza che «le banche devono cambiare modello di business, per trovarne uno più solido e redditizio». Ma per le italiane - tutte - è e rimane un problema, se questo significa stravolgere la tradizionale vocazione creditizia, che batte su una popolazione di imprese piccole e medie, con bassi rating interni ed alto assorbimento di capitale. Nel piano, Unicredit ha annunciato che rafforzerà il patrimonio con alcune dismissioni: e proprio quella delle attività commerciali in Austria - per cui la trattativa con Bawag è avanzata - potrebbe essere dirimente, anche per riportare la subolding austriaca delle controllate europee a Milano e meglio abbatterne i costi.
Tra le cose da "riportare" in Italia c'è, inoltre, una decina di miliardi di liquidità incastrata a Monaco dai tempi dell'acquisizione di Hvb, e che la crescente armonizzazione delle regole europee potrebbe riportare nella tesoreria generale. L'altra arma all'arco di Ghizzoni è la tesaurizzazione dei dividendi, tramite altre offerte di cedole in azioni, ben accolte dai soci già negli ultimi anni. Ma nessuna strategia è realmente efficace senza che un management un po' inquieto negli ultimi mesi - tra dimissioni, allontanamenti, indagini giudiziarie - ritrovi la compattezza granitica necessaria all'impresa.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Dal Vice Presidente del Parlamento UE diretto sostegno ai...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Privacy, rischi da valutare subito
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Piccolo è ancora bello purché però sia 4.0
Piazza Affari, ecco i compensi dei manager
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Revisore d'obbligo per 175mila Srl
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Crowdfunding per tutti i gusti, la nuova frontiera è l'equity
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Anche Unionfidi Piemonte in liquidazione, ecco perché...
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Consulenti finanziari autonomi al via
Pagamento in contanti: quando si rischia
Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è...
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
È pignorabile una polizza?
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
Startup: gli incubatori non sono investitori, ma formatori...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Come nascondere i soldi in banca
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Riforma dei confidi in salita
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)