Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.042
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Pmi, come evitare il rischio di contenziosi da coronavirus
di Stefano Carrer
Il Sole 24 Ore
Venerdì 3 aprile 2020

Efficienza, flessibilità e affidabilità: su queste basi le piccole e medie imprese italiane si sono costruire la loro reputazione sui mercati internazionali. Il coronavirus ha finito per mettere in forse l'esecuzione puntuale dei contratti e rischia di generare numerosi contenziosi con clienti e fornitori, che potrebbero riflettersi sullo scenario futuro dei business aziendali.

La "forza maggiore"
Se in una prima fase il problema era la mancata fornitura di componenti da parte di aziende cinesi, ora sono le forzate chiusure delle fabbriche in Italia a rendere difficile l'adempimento degli obblighi assunti. «Il Decreto Cura Italia all'art. 91 stabilisce che il rispetto delle misure adottate a causa della diffusione del coronavirus può essere considerato come causa non imputabile, cioè come causa di forza maggiore in caso di ritardo o di inadempimento contrattuale. Anche in questo caso - afferma l'avvocato Giuseppe Scotti, esperto di contrattualistica internazionale -la valutazione sarà peraltro effettuata dal giudice caso per caso. Ma questo disposto normativo può non essere sufficiente nel contesto internazionale a giustificare l'inadempimento, il ritardo o l'eccessiva onerosità sopravvenuta».

Reperire informazioni
Scotti fa parte del network "Legalmondo", un progetto nato 4 anni fa (130 avvocati in 45 Paesi) per agevolare il reperimento di legali esperti e anche di reperire informazioni sui mercati esteri. Sul sito ci sono guide-Paese e anche un blog, dove sono pubblicati con cadenza settimanale articoli in 4 lingue (italiano, inglese, spagnolo e cinese). «A metà febbraio abbiamo lanciato un Help Desk Covid - afferma Roberto Luzi Crivellini, co-fondatore dell'iniziativa - Stiamo ampliando il database: in questo momento gli imprenditori si mostrano molto interessati alle legislazioni estere in tema di forza maggiore».

Contratti poco strutturati È essenziale infatti verificare quale legislazione si applichi al caso concreto. Spesso i contratti non sono ben strutturati: a volte le Pmi italiane operano addirittura senza contratto formale, ma sulla mera base dell'ordine e conferma ordine. Spesso sono controparti deboli, nel senso che, specie nel contesto di subforniture per multinazionali, è la controparte a determinare tutte le clausole. Il Mise ha previsto che le Camere di Commercio locali possano rilasciare una certificazione di forza maggiore legata alle restrizioni imposte per il contenimento dell'epidemia. Le Camere di Commercio potranno quindi certificare, a richiesta anche in lingua inglese, di aver ricevuto una dichiarazione da parte delle imprese di non essere state in grado di adempiere agli obblighi contrattuali precedentemente assunti per motivi imprevedibili e indipendenti dalla propria volontà.

I problemi legati all'attestato
L'attestato non basta. Si possono infatti profilare due problemi. Il primo riguarda la valenza giuridica, anche dal punto di vista formale, della certificazione, il cui ruolo è semplicemente quello di attestare che una mera dichiarazione proveniente dalla parte è stata ricevuta senza peraltro confermare la veridicità del relativo contenuto. La seconda riguarderebbe il fatto che l'attestazione potrebbe riferirsi solo a inadempimenti o ritardi dovuti alle restrizioni imposte dalle autorità, escludendo altri casi in cui, ad esempio, non sia stata disposta la sospensione delle attività. «A causa di tali limiti è piuttosto discutibile se la dichiarazione rilasciata dalla Camera di Commercio servirà o meno come prova a sostegno di una difesa di forza maggiore, tenuto altresì presente che il debitore ha comunque il dovere contrattuale di scongiurare per quanto possibile l'evento impeditivo o comunque di attenuarne gli effetti», afferma Scotti.

Il suggerimento di Confindustria
Al fine di chiarire le zone d'ombra e i dubbi interpretativi, Confindustria ha sollecitato il legislatore italiano a modificare l'art. 91 del decreto, aggiungendo una clausola in base alla quale le imprese che non siano in grado di adempiere ai propri obblighi contrattuali con adempimento continuo, periodico o differito a causa dell'emergenza in corso, possono richiedere alle Camere di Commercio competenti il rilascio di certificati di forza maggiore che attestino l'impossibilità temporanea o permanente dell'inadempimento dovuto o, in alternativa, la eccessiva onerosità sopravvenuta.

Meglio dialogare
In tale contesto, «non è possibile escludere a priori un elevato rischio di contenziosi per le imprese italiane», sottolinea Scotti, che invita gli imprenditori a cercare di prevenire i litigi: «Esistono anche zone grigie, ad esempio sui contratti stipulati quando già l'epidemia cominciava a diffondersi. In ogni caso, senza un dialogo franco e tempestivo difficilmente si riusciranno a evitare contenziosi».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Non è smart working ma "lavoro casalingo"
Rischio bancarotta con il ricorso al credito dello stato
«Dl liquidità da cambiare: niente istruttoria delle banche...
Pmi, come evitare il rischio di contenziosi da coronavirus
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
Cassa mutua per i professionisti
Quattro errori dei manager che fanno fallire le aziende
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Quando serve la Scia?
Come creare una start up
Aprire partita Iva, quali sono i costi?
Codice della crisi d'impresa: ok dall'esecutivo
Il calcio perdona l'insensibilità verso il razzismo
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Revisori in rete con il progetto Sol
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Società in house un ibrido mal riuscito
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
«Per le imprese sane rischi limitati: le banche fanno la fila...
Azienda Italia, il vertice non cambia al timone meno...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Valutazione dell'azienda in crisi con analisi preliminare
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)