Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.894
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Pir, non solo bonus ma anche costi; costruire una rendita è un enigma
di Mariano Mangia
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 9 ottobre 2017

I Pir sono venduti/acquistati sulla base di due motivazioni: è un modo per sostenere l'economia italiana e sono esenti da tassazione sui capital gain. Insomma, un modo per convogliare risorse private, di singoli investirori, a caccia di strumenti per crearsi una pensione integrativa, o una rendita. Ma è proprio così? Partiamo dalla prima motivazione, che al momento regge poco. I flussi di sottoscrizione confluiti sinora sui Pir sono stati utilizzati per acquistare azioni od obbligazioni già trattate sui mercati e in portafoglio ad altri investitori, nelle casse delle aziende italiane non è entrato denaro. L'introduzione dei Pir ha lo scopo da un lato di incentivare i risparmiatori a investire almeno in parte in aziende del nostro paese e dall'altro a incentivare le stesse aziende ad utilizzare come canale di finanziamento il mercato dei capitali, in alternativa a quello bancario. Per il successo dei Pir si deve quindi realizzare un circolo virtuoso: i risparmi devono affluire ai Pir e deve aumentare il numero di aziende quotate. Sin ora ha funzionato più che bene il primo aspetto, in otto mesi i Pir hanno raccolto 5 miliardi di euro; sul secondo fronte si procede, inevitabilmente, più lentamente. Da inizio anno a fine agosto, il numero di società quotate al listino azionario di Piazza Affari è aumentato di 10 unità, una società si è quotata al listino principale Mta e ben 9 all'Aim che è il mercato dedicato alle piccole e medie imprese. Se i Pir continuano a raccogliere sottoscrizioni e l'offerta di titoli non si amplia, l'effetto sarà quello di spingere sempre più in alto i prezzi delle azioni, in particolare quelle a media [Mid] e bassa [Small] capitalizzazione e acquistare a prezzi elevati (in rapporto agli utili) non è un buon affare e un eccesso di domanda, troppo denaro che affluisce ai Pir, alla lunga potrebbero creare i presupposti per una bolla speculativa.
I numeri di Borsa Italiana sono indicativi: gli scambi dell'Aim sono esplosi, passando dai 181 milioni del periodo gennaio-agosto 2016 ai 1.136 milioni deli primi otto mesi del 2017; il segmento Star (il segmento di Mta dedicato alle Pmi che accettano più stringenti requisiti in tema di flottante, trasparenza e corporate governance) a sua volta è passato da 7,7 miliardi a quasi 13 miliardi. La seconda motivazione, quella fiscale, non dovrebbe indurre i risparmiatori a compiere scelte non coerenti con i propri obiettivi di investimento, con l'orizzonte temporale e il livello di rischio che si è in grado di sopportare. I questionari di profilazione dovrebbero "sorvegliare" le scelte di investimento, ma l'esperienza passata insegna che la loro utilità può essere vanificata da comportamenti poco corretti da parte di chi colloca e/o dalla leggerezza di molti risparmiatori. Nell'ampia offerta di Pir si possono scegliere piani di tipo azionario, bilanciati e flessibili e anche bilanciati obbligazionari, la cui componente azionaria massima non dovrebbe eccedere il 30% del patrimonio. In una scala di rischiosità, teorica, va sottolineato, da 1 a 7, i Pir azionari si collocano a livello 6, i prodotti bilanciati obbligazionari, la tipologia di prodotto che ha raccolto di più, dichiarano un indicatore di rischio tra 3 e 4. Occorre tener presente che con i Pir si riduce la diversificazione geografica di portafoglio, si assume, in aggiunta al rischio azionario o di credito (nel caso di emissioni obbligazionarie), anche un rischio "paese" ed è il caso di ricordare che l'andamento della economia italiana impatta già sul nostro capitale umano (il posto di lavoro e la sua retribuzione) e sulle nostre pensioni (i contributi previdenziali sono rivalutati in base all'andamento del Pil). Chi propone i Pir se li fa pagare bene. Commissioni di sottoscrizione e di gestione si collocano sui livelli elevati delle rispettive categorie e intaccano parte dei vantaggi derivanti dall'assenza di imposte sui capital gain. Le commissioni di sottoscrizione di alcuni prodotti azionari, i più cari, arrivano anche al 4 o 5% di quanto versato (ipotizzando un investimento massimo di 30 mila euro, significa che 1.200 o 1.500 euro finiscono nelle tasche di chi colloca il Pir e questo anche se il cliente arriva allo sportello già perfettamente informato), le commissioni di gestione possono superare il 2% annuo. Un'analisi di Morningstar sui costi dei Pir più venduti conferma l'elevato prezzo di questi prodotti. Le due classi del fondo Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia si collocano nel 91esimo percentile del Morningstar Fee Level di appartenenza, si collocano sopra la media anche Piano Azioni Italia di Fideuram e Pioneer Risparmio Italia classe B, l'unico al di sotto della media della categoria di appartenenza è Eurizon Progetto Italia 40 Pir. Gli Etf sono meno cari, ma sono una replica di un indice azionario o di un mix di indici; trattandosi di prodotti a gestione passiva, non c'è selezione e non c'è neanche un bilanciamento tra azioni e obbbligazioni. Quanto ai rendimenti futuri, nessuno può pronosticare o prevedere nulla. Storicamente l'investimento in small cap migliora le performance di un portafoglio, teoricamente ne dovrebbe anche aumentare la volatilità. Una conferma viene dall'analisi degli Ftse Italia Total Return (le cui performance includono il reinvestimento dei dividendi): su un arco temporale di cinque anni, gli indici Mid Cap e Small Cap presentano un rendimento migliore dell'indice delle blue chips, +23,1% e +14% annuo, rispettivamente, contro il +12% del Ftse Mib, mentre in termini di volatilità le Mid Cap fanno meglio (17,2% contro 18,5%) e le Small Cap si rivelano più volatili (20,7%). Un mix di blue chips e small e midcap sembra funzionare. L'indice Ftse Italia Pir Benchmark, ricostruito a "ritroso" (l'indice è stato lanciato solo a fine maggio di quest'anno), mostra un rapporto rendimento/rischio a cinque anni migliore dell'indice Ftse Mib che supera di poco anche in termini di esposizione alla massima perdita (-30,5% al netto delle tasse per il primo, -34,7% per il secondo). Mancano purtroppo analisi su un arco temporale più ampio. Bisognerà vedere quanti investitori reggeranno a un'eventuale, consistente, correzione dei mercati senza cedere alla tentazione di riscattare anzitempo le quote del Pir.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Perché i commercialisti non ci saranno più
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la...
OK ai commercialisti specialisti
Commercialisti, la svolta
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Imprese, manca lo spirito di squadra e così l'open...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Franchising e nuovi negozi, il commercio tradizionale...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Fari puntati sulla responsabilità
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Pagamento in contanti: quando si rischia
È pignorabile una polizza?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)