Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Piccolo è ancora bello purché però sia 4.0
di Giovanni Ajassa (*)
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 6 novembre 2017

Chissà se Dick Thaler ha mai scritto di piccole imprese italiane. Il caso delle Pmi, della loro problematica presenza in scenari che sembrano privilegiare dimensioni sempre più grandi, ben si presterebbe all'indagine anti-conformista del nuovo Premio Nobel dell'economia. Un approccio secondo cui prima di fare prescrizioni sul dover essere utile è spendere qualche energia nel cercare di descrivere ciò che è. Prima dei modelli vengono i comportamenti, con tutte le loro anomalie e "quasi-razionalità". Per le leggi della fisica il calabrone non dovrebbe volare. Con ali troppo piccole, la portanza non sarebbe sufficiente a vincere la forza di gravità. Eppure il calabrone vola grazie a qualcos'altro che il modello non ha previsto. Così anche le piccole imprese italiane. In passato a spingere il volo delle nostre PMI era quella rete locale di economie esterne e di conoscenza tacita e condivisa rappresentata dai tradizionali distretti industriali.
Oggi che tutto diviene globale e digitale serve qualcos'altro. Eppure, nonostante le difficoltà, molte piccole e medie imprese italiane continuano a volare. Al di là dei modelli, sono proprio le evidenze pratiche a indicare come internazionalizzazione e innovazione stiano diventando i propulsori, piuttosto che i problemi, dei nuovi percorsi di sviluppo delle nostre PMI. Primo punto, l'internazionalizzazione. Il luogo comune teorico dice che con la globalizzazione dei mercati, con l'allungamento delle distanze, le piccole imprese sono tagliate fuori. I dati raccontano una storia diversa. Si guardi, ad esempio, il terzo capitolo del bel "Rapporto sulla competitività dei settori produttivi" curato dall'Istat dove si legge che in Italia ci sono circa tredicimila imprese definite "global" in quanto impegnate in attività di export ed import in almeno cinque grandi aree extra-europee. La dimensione media di questi tredicimila campioni di mobilità internazionale è di soli 35 addetti, ben al di sotto della soglia che identifica il limite superiore della piccola impresa. Piccolo può, quindi, essere anche globale. Alle 180mila micro e piccole imprese esportatrici italiane fa capo un quarto dell'export nazionale. Non è poco. Proiettando i consuntivi dei primi otto mesi di quest'anno è ragionevole ipotizzare che le esportazioni italiane nel loro complesso possano nel 2017 avvicinarsi al massimo storico di 450 miliardi. Di questi, oltre un centinaio verranno dal tessuto delle piccole imprese. I piccoli calabroni hanno, evidentemente, imparato modi nuovi per volare. Magari integrandosi nelle catene globali del valore e valorizzando la qualità italiana nei circuiti delle multinazionali estere. Insieme, costruendo nuovi percorsi per fare innovazione. Secondo punto, l'innovazione. Proiettando in avanti i dati diffusi dal MISE sulla situazione del primo semestre, a fine 2017 il numero delle piccole startup innovative iscritte nell'apposito registro potrebbe raggiungere le ottomila unità, più del doppio di quante se ne contavano solo tre anni fa. Grazie anche ad incentivi e semplificazioni, anche in Italia comincia ad attecchire un eco-sistema di rapporti tra le piccole startup e le grandi imprese secondo lo schema della open-innovation, l'innovazione aperta. Si tratta di primi passi, a volte incerti e sicuramente parziali se confrontati a quanto fatto in altro paesi, come giustamente rileva una bella indagine curata di recente dall'AIAF, l'associazione italiana degli analisti e consulenti finanziari. Nel 2016 gli investimenti nelle startup sono ammontati a 180 milioni di euro in Italia contro 1,4 miliardi della Francia. Abbiamo ampi spazi di miglioramento da conseguire lavorando anche fuori dei nuovi eco-sistemi, riducendo i tempi troppo lunghi della giustizia civile e migliorando i livelli di tutela della proprietà intellettuale delle innovazioni. Cose che permetterebbero di attirare più "venture capital", anche dall'estero. Piccolo può tornare a essere bello, posto che riesca ad essere innovativo ed internazionale. Dipende dalle imprese, ma anche dalle istituzioni. Per dirla con Dick Thaler, servirebbe una spinta gentile, un "nudge", per consolidare e accelerare il cambiamento.

(*) = Direttore Servizio Studi Bnl, Gruppo Bnp Paribas.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Società in crisi, scissione e bad company
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
Troppi lacci frenano il credito in Europa
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
«Tassare gli uomini di acciaio», Bill Gates fa discutere
I giovani bocciano la formazione scolastica
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
La riforma congelata delle banche popolari. Amber attacca...
Società 50-50: come superare il problema
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Crowdfunding per tutti i gusti, la nuova frontiera è l'equity
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Cet1 delle banche italiane: la classifica 2017
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
E se i lavoratori avessero il cartellino come i calciatori?
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
2021, la carica dei "mini ingegneri". Così i periti industriali...
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)