Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza
di Fabio Landuzzi
Ottobre 2019

Pubblicato sul sito www.ecnews.it in data 7 ottobre 2019.

* * *

Il "Codice della Crisi di impresa e dell'insolvenza" (D.Lgs. 14/2019) parte dalla constatazione di tre stadi in cui può manifestarsi la condizione di difficoltà dell'impresa; precisamente:

- la perdita della continuità aziendale;
- la crisi;
- l'insolvenza.

L'obiettivo che permea l'impianto normativo del Codice è rappresentato dalla emersione anticipata della crisi, prevedendo, in primo luogo, specifici obblighi organizzativi a carico degli organi sociali volti a favorire questa rilevazione tempestiva dello stato di difficoltà, onde assumere un comportamento proattivo e, in secondo luogo, la previsione di un sistema di allerta che prevede anche precisi obblighi di segnalazione della crisi e l'intervento di un soggetto esterno di composizione assistita della crisi.
Ritornando ai tre diversi scenari sopra configurati, può essere utile tracciare un quadro di sintesi sistematico, facendo tesoro anche della disamina compiuta da Assonime nella circolare n. 19/2019.
In primo luogo, quando si parla di perdita di continuità aziendale, come primo stadio della condizione di difficoltà dell'impresa, si affronta un tema tutt'altro che nuovo nel panorama tecnico giuridico.
Il riferimento principale va al Principio contabile Oic 11 che, fra i postulati del bilancio d'esercizio, include la "prospettiva della continuità aziendale" che viene definita come "la capacità dell'azienda di continuare a costituire un complesso economico funzionante destinato alla produzione di reddito per un prevedibile arco temporale futuro, relativo a un periodo di almeno dodici mesi dalla data di riferimento del bilancio".
Dal punto di vista pratico professionale, la continuità aziendale è trattata in modo puntuale nel Principio di revisione ISA Italia 570; ulteriore documento tecnico assai utile, pubblicato nel pieno della crisi finanziaria del 2009, è quello congiunto Banca d'Italia – Consob – Isvap del 6 febbraio 2009 n. 2.
Sino a che l'impresa si trova in questa fase, non si innescano ancora gli specifici obblighi previsti dal Codice della crisi, e si può perciò dire che la situazione – seppure fortemente critica – può essere ancora affrontata dall'imprenditore usando una discrezionalità professionale e un certo grado di autonomia.
Si ha crisi, nel significato del Codice così come indicato all'articolo 2, comma 1, lett. a), quando si ha uno "stato di difficoltà economico-finanziaria che rende probabile l'insolvenza del debitore, e che per l'impresa si manifesta come inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici per far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate"; in termini aziendalistici, si può dire che vi è "crisi" quanto l'impresa palesa una incapacità prospettica, tramite la propria gestione caratteristica, di far fronte al pagamento dei propri debiti.
Si ha infine insolvenza, secondo la definizione di cui alla lett. b), del comma 1, dell'articolo 2 del Codice, quando la condizione dell'impresa si manifesta con "inadempimenti od altri fatti esteriori, i quali dimostrino che il debitore non è più in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni".
È possibile da subito osservare che "perdita di continuità aziendale" e "crisi" sono concetti che hanno certamente connotati in comune, come pure elementi di diversità.
In comune vi è il fatto che entrambe le situazioni derivano da una visione in chiave prospettica dello stato dell'impresa. Di sostanzialmente diverso, però, e tutt'altro che secondario, vi è l'elemento temporale: mentre la continuità aziendale è valutata in 12 mesi dalla chiusura dell'esercizio, la crisi si valuta con riguardo ad un orizzonte di soli 6 mesi.
Un ulteriore elemento di differenziazione attiene agli indicatori che innescano l'esistenza delle due fattispecie; nel caso della continuità aziendale, come si evince in modo anche molto chiaro dall'ISA Italia 570, si possono avere elementi sia quantitativi che anche qualitativi e perciò anche di contenuto gestionale; nel caso della crisi, invece, l'innesco ed i relativi effetti sono riferiti a dati ed indicatori pressoché solo quantitativi ed espressivi di situazioni di squilibrio principalmente finanziario.
Infine, l'insolvenza: è lo stadio connotato dalla irreversibilità e permanenza, in cui l'impresa manifesta di non riuscire più a soddisfare con mezzi normali le proprie obbligazioni.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il monitoraggio parte dal bilancio e dalla tesoreria
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Divieto di contanti e pagamenti elettronici: nuove regole
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
Il professionista come coach rimotiva l'azienda in bilico
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Riforma diritto fallimentare. Istituzione dell'organo di...
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Fatture elettroniche: come si annullano?
Indici della crisi derogabili con attestazione
Autovalutazione per il collegio sindacale
Srl, in ordine sparso sui collegi
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Amministratori delegati della srl con obbligo di informativa...
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Se divento socio di una snc rispondo dei debiti anteriori?
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Dal Vice Presidente del Parlamento UE diretto sostegno ai...
Società in crisi, scissione e bad company
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
OIC 11 - Finalità e postulati del bilancio d'esercizio...
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)