Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Per le banche la leva non deve superare 15 volte il capitale»
di M. P.
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 16 febbraio 2009

«Se ci fosse l'Europa la partita delle regole si giocherebbe tra Stati Uniti ed Europa, ma l'Europa è una cacofonia di stati» dice Stefano Micossi, direttore generale dell'Associazione tra le società per azioni e docente al Collegio Europeo di Bruges. «Quando si parla di mercati finanziari si parla di Stati Uniti, di Europa e di un'area del Pacifico che mutua le sue regole dagli Stati Uniti. Quindi l'Europa è uno dei pilastri del sistema, che però non riuscirà ad incidere se non troverà una coesione al suo interno».
Cosa dovrebbe fare?
«Presentarsi come un sistema finanziario integrato, proporre l'euro come valuta di riserva, dimostrarsi capace di stabilizzare le economie dei paesi satelliti: adesso stiamo ritirando i capitali da quei paesi quando invece dovremmo sostenerne le valute e i sistemi bancari. L'Europa dovrebbe anche emettere eurobond, sia per raccogliere risorse che per offrire opportunità di investimento agli investitori internazionali. Soprattutto deve presentarsi unita, perché altrimenti restiamo tanti staterelli con una scarsa capacità di influenzare il risultato».
Quali sono i punti chiave che la partita delle regole deve affrontare?
«Il cuore delle difficoltà nelle quali ci dibattiamo sta negli squilibri macroeconomici. E' dal 1971, dalla fine della parità aurea, che viviamo con un sistema monetario internazionale senza un'ancora, nel quale non c'è freno alla creazione di liquidità internazionale. E non c'è freno perché non c'è disciplina che valga per i grandi attori, prima di tutto per gli Stati Uniti, con il loro gigantesco disavanzo, ma anche per i paesi che hanno invece grandi avanzi nelle bilance commerciali».
Ma chi può disciplinare gli Stati Uniti o la Cina?
«Non è il caso di illudersi sulla possibilità di creare un regolatore sovranazionale, ma forse si può costruire un coordinamento che eviti o limiti gli squilibri. Non esistono soluzioni miracolose, bisogna partire da quel che abbiamo. Si deve fare del Fondo Monetario un soggetto capace di sorvegliare le politiche economiche e monetarie dei vari paesi, compresi quelli grandi, imponendo le correzioni necessarie per evitare l'accumulo di squilibri sempre crescenti».
Fino ad oggi non lo ha fatto, e con il suo assetto attuale è assai improbabile che possa farlo.
«Naturalmente, oltre ai denti per mordere nella sua attività di sorveglianza, il Fondo dovrebbe avere le risorse per fungere da prestatore di ultima istanza nelle fasi di turbolenza finanziaria. Ma prima di tutto, per poter solo cominciare a muoversi in quella dimensione, dovrebbe avere un assetto proprietario e di governance che tenga conto dei nuovi equilibri del mondo, il che vuol dire che non può essere più dominato da Stati Uniti ed Europa».
A livello microeconomico quali sono le aree principali che dovranno essere affrontate da una nuova regolamentazione?
«Sono essenzialmente tre: la regolazione degli intermediari, la regolazione dei titoli e dei mercati e il sistema degli incentivi per management e azionisti».
Partiamo dagli intermediari.
«L'impianto base della regolamentazione così come era stata immaginata non è in sé sbagliato. E' un sistema costruito per obiettivi: la trasparenza e l'integrità dei mercati affidati a un regolatore; a un altro soggetto la regolamentazione prudenziale. Quest'ultima dovrebbe essere riservata alle banche che sarebbero esposte sia alle regole sulla trasparenza che a quelle prudenziali. Per gli altri soggetti invece, dagli hedge fund ai private equity, non c'è motivo di applicare regolamentazioni prudenziali ma bisogna sottoporli ad efficaci regole di trasparenza».
Quali?
«La pubblicità dei bilanci e del grado di indebitamento, perché dove hanno messo i soldi e quanti debiti hanno è il minimo che si possa chiedere».
Per le banche invece, quando parla di regole prudenziali intende requisiti di capitale?
«I requisiti di capitale sono il perno delle regolamentazioni prudenziali. L'esperienza di questi mesi ci ha insegnato in proposito parecchie cose: la prima è che i requisiti di capitale ponderati per la rischiosità degli attivi non funzionano, il requisito di capitale deve essere fissato in relazione alle attività totali di ciascuna banca e deve essere stabilito in modo da consentire una leva che non superi 12-15 volte il capitale; poi si dovrebbero prevedere requisiti aggiuntivi di capitale a fronte di attività più rischiose come l'assunzione in proprio di posizioni in derivati. La seconda cosa che abbiamo imparato è che è fondamentale che nessuno imbrogli, niente più partite o passività implicite fuori bilancio, i requisiti di capitale si devono applicare in relazione a tutti, assolutamente tutti i rischi della banca».
L'altro capitolo sono i titoli: derivati, titoli strutturati, credit default swaps, tutte cose che non sono regolate e che vengono trattate fuori dai mercati regolamentati. Come si affronta questo problema?
«L'obiettivo è di rendere tutti questi prodotti più standardizzati e trasparenti. Il modo per raggiungerlo è creare un sistema di incentivi e disincentivi che sospinga le transazioni in questi strumenti a passare attraverso delle piattaforme di clearing, cioè verso mercati organizzati. Non si tratta di imporre, ma di penalizzare chi scambia questi prodotti fuori dai mercati organizzati, ad esempio rendendo più severi i requisiti di capitale ai finanziatori. In questo modo si favorirebbe una standardizzazione e semplificazione dei prodotti finanziari, divenuti oggi così complicati che spesso oggi neanche i risk manager delle banche sono in grado di capire, e si riuscirebbe a non perdere i benefici delle cartolarizzazioni e dei derivati».
Infine ci sono gli incentivi ai manager, che hanno sollevato nell'opinione pubblica mondiale uno sdegno assai vicino al disgusto.
«Lì c'è un colossale problema di azzardo morale. In questi anni la situazione è stata la seguente: se esce testa vincono gli azionisti e i manager, se esce croce paga lo Stato, ovvero i contribuenti. Un sistema folle che spingeva intermediari e investitori a prendere rischi eccessivi. Per correggere questo sistema bisogna che gli incentivi riflettano in modo bilanciato i guadagni così come le perdite possibili e qualche soluzione l'ha ben indicata proprio Lloyd Blankfein, il numero uno di Goldman Sachs, che della materia se ne intende, in un suo intervento recente sul Financial Times: nella retribuzione di gestori e broker il premio di risultato deve essere molto più in azioni che in contanti e, soprattutto, deve essere vincolato fino alla conclusione delle operazioni e delle strategie. Il secondo passaggio indispensabile è che per le istituzioni troppo grandi per essere lasciate fallire, deve essere chiaro che in caso di perdite gli azionisti e i manager saranno i primi a perdere tutto, e che anche gli obbligazionisti non possono sempre attendersi di essere pienamente rimborsati. Questa deve diventare una regola ferrea e deve essere fatta rispettare».
Basta tutto ciò a farci dormire, in futuro, sogni tranquilli?
«Ci vuole un'altra cosa, ci vuole una sorveglianza macro-sistemica sui mercati finanziari. Non basta tenere sotto controllo le banche una per una per una, ci vuole qualcuno che sorvegli sull'equilibrio complessivo del sistema, e questo qualcuno secondo me non può essere che la banca centrale, la quale deve vegliare sulla stabilità complessiva. In sintesi ci vuole un organo per ogni macro-area che regoli e sorvegli sulla trasparenza dei prodotti e dei mercati, un organo che abbia la responsabilità della sorveglianza prudenziale sulle banche e un terzo soggetto che garantisca la sorveglianza sulla stabilità complessiva del sistema».
Ma oggi abbiamo una vigilanza paese per paese.
«Dobbiamo progressivamente andare oltre, anzittutto in Europa, senza immaginare salti improvvisi. Dobbiamo costruire un processo che per cominciare affidi a un soggetto che abbia una giurisdizione sovranazionale la sorveglianza prudenziale e sistemica sulle grandi banche con operazioni significative su più mercati. Per l'Europa si tratterebbe di sottoporre ad una sorveglianza europea una ventina di gruppi bancari. Le banche nazionali e locali possono restare sotto il controllo nazionale, ma per quelle più grandi questo non basta più».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
AAA revisore cercasi. Inutilmente
Sindaco o revisore unico, questo è il problema. Perché non...
La fine di un mito: il lavoro sicuro in banca
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
E se le costose procedure di allerta fossero un'occasione...
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Buttati! I 4 rimedi contro l'ossessione del perfezionismo
L'importanza di dotarsi di un sistema di controllo di gestione
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Quando serve la Scia?
Fallimento e crisi d'impresa: uno strumento per essere...
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Valutazione dell'azienda in crisi con analisi preliminare
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)