Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.894
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google insidiano carte e bancomat
di Adriano Bonafede
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 6 novembre 2017

Pagamenti istantanei dal proprio conto corrente a un altro; un assistente "virtuale" al quale affidare la transazione di un bene senza perdere tempo ma semplicemente schiacciando una app sul cellulare; un "aiutante" sullo smartphone che ci aiuta a scegliere quale, fra i vari conti correnti, utilizzare. La rivoluzione dei pagamenti è alle porte: il 21 novembre si comincerà con l'instant payment, dal 13 gennaio entrerà invece in vigore la direttiva europea "Psd2" che permette a una serie di soggetti non bancari di entrare, una volta autorizzati da noi ovviamente, nei nostri conti. Ma chi vince e chi perde con questa rivoluzione? Le banche potrebbero perdere parte delle commissioni per far posto ai nuovi intermediari virtuali. Ma per i consumatori i benefici sembrano scarsi mentre potrebbe profilarsi un costo del credito più elevato sulle carte.
Pisp e Aisp. Prima o poi tutti avremo un Pisp. E anche un Aisp. Il primo sarà una specie di assistente che prenderà il nostro ordine di pagamento verso un commerciante e darà l'autorizzazione alla nostra banca di pagare mentre garantirà al negoziante il prezzo promesso: un modo per bypassare la carta di credito o il Pagobancomat. Il secondo avrà un compito più complesso ma non meno importante non solo per i singoli clienti retail ma soprattutto per le piccole imprese: è un soggetto che autorizzeremo a guardare dentro tutti i nostri conti correnti e che ci consiglierà come gestirli al meglio, quale usare in un dato momento e quale no. Entrambi gli "assistenti" saranno virtuali e ce li ritroveremo come qualsiasi app sugli smartphone.
Sono queste due fra le novità più importanti che usciranno fuori dalla direttiva Ue, la "Psd2" di inizio 2018, mentre la prima novità arriverà a giorni, il 21 novembre, quando in tutta Europa, ovvero nel 34 paesi Sepa, sarà possibile effettuare bonifici istantanei: con un'applicazione sullo smartphone potremo trasferire soldi in pochi secondi dal nostro a qualunque altro conto. Naturalmente l'app entrerà in funzione gradatamente perché non tutte le banche hanno già deciso come prezzare questa nuova forma di pagamento.
Poi ci sono tutti i nuovi soggetti che già si sono insinuati nelle partite che riguardano i pagamenti. Alcuni, come Paypal e Apple Pay, li conosciamo già. Altri, come Google Wallet, Amazon Pay e Messenger Pay (il sistema elaborato da Facebook), arriveranno presto insieme a tante altre come Money e Quicken, "aggregatori" dei conti correnti. In generale, Apple Pay e Paypal (e tutti gli altri che da altri paesi approderanno presto in Europa e in Italia), entrano fra il cliente e il gestore della carta di credito. Tanto per capirsi, non sono nuove carte di credito ma si appoggiano a una di quelle che abbiamo già.
Minori commissioni. Tutte queste nuove app vanno a rosicchiare quote delle commissioni che andrebbero alla società che gestisce la carta di credito o alla banca. Tanto che fra gli istituti di credito italiani c'è un certo allarme: come dimostra una simulazione di Accenture riportata in pagina (ndr: non disponibile) si dimostra che, nonostante crescano nei prossimi anni i pagamenti digitali (più 20 per cento tra il 2017 e il 2020), le commissioni sui pagamenti a favore delle banche scenderanno di circa il 43%, passando dai 6,6 miliardi di oggi ai 4,6 del 2020. Se non è una catastrofe, certo è una grande preoccupazione. «Perché le banche italiane - spiega un analista - corrono il rischio di perdere quote di ricavi, visto che il margine d'interesse è ai minimi termini e non basterà un piccolo rialzo dei tassi come quello che si prevede a risollevarli». Gli istituti hanno puntato con forza sui ricavi da commissione e perdere una quota di queste fee sui pagamenti non è proprio quel che si dice un buongiorno. Tanto più che finora il sistema bancario ha pensato che i pagamenti fossero "per natura" un terreno proprio di caccia mentre ora vedono spuntare cacciatori da tutte le parti.
Ad esempio, già da un po' di tempo Mastercard attacca di fatto il consorzio italiano Bancomat sul suo stesso terreno, il "Pagobancomat", ovvero l'uso che di quella carta, utilizzata per i prelievi, si fa nel commercio. Inoltre, contrariamente a quest'ultimo, la carta di debito del colosso Usa può essere usata anche su Internet e anche all'estero. A giocare contro le banche anche la recente decisione della Commissione europea di abbassare drasticamente le fee sulle carte di credito e di debito per facilitare l'uso della moneta elettronica: le prime potranno al massimo retrocedere alla banca del consumatore lo 0,3 per cento, mentre le seconde non più dello 0,2, contro quasi l'1 precedente: alle banche europee questa misura del regolatore è già costata - secondo i calcoli degli addetti ai lavori - 6-7 miliardi di euro di minori ricavi nel 2017.
La guerra di tutti contro tutti. Gli istituti di credito italiani stanno elaborando contromisure per difendersi dalla riduzione dei ricavi dovuta all'abbassamento delle commissioni e all'arrivo dei nuovi player del Fintech. Ad esempio, qualche banca ha cominciato ad aumentare la quota annuale delle carte di credito per il consumatore, mentre fino a ieri la regalava. E c'è chi si lamenta dei regolatori italiani che non avrebbero contrastato la decisione a livello europeo di ridurre le commissioni. «Perché negli altri paesi - dice un operatore - le carte di credito revolving sono un'importante fonte di ricavi che compensa la diminuzione delle fee, mentre qui in Italia sono quasi inesistenti». Ma un modo per contrastare i nuovi soggetti che attaccano le commissioni bancarie potrà venire dalla novità dell'instant payment. Garantendo un bonifico immediato, le banche in sostanza potrebbero bypassare sia le carte di credito che quelle di debito. Certo, si tratta di stabilire la struttura tariffaria di questa nuova modalità di pagamento: sarà ancora gratuita per chi riceve il bonifico, con somma gioia dei commercianti? E sarà costosa per il cliente? È chiaro che occorrerà trovare un giusto mix se si vuole rendere appetibile questo tipo di operazione rispetto all'uso delle carte: su questo fronte si giocheranno le abilità dei singoli istituti di rosicchiare ad altri nuove quote di mercato. Nel frattempo le banche vanno in ordine sparso sul rapporto con i nuovi player. Mentre Intesa Sanpaolo resiste al fascino di Apple Pay, cercando di trattenersi tutte le commissioni sulle proprie carte di credito, Unicredit, Mediolanum e fra poco anche CartaSi hanno già raggiunto accordi per utilizzarla.
La smaterializzazione. Ma al di là della guerra sulle app e sulle tariffe una cosa è certa. Le carte di credito e quelle di debito fra poco trasmigreranno tutte sullo smartphone trasformandosi in pure app. Anche i Pos, le macchinette in uso ai commercianti che permettono l'uso delle carte, potranno seguire il processo di smaterializzazione diventando anch'esse dei marker digitali.
I consumatori. Ma quanto ci guadagneranno i consumatori? Per il momento proprio nulla. Le commissioni verranno solo spartite diversamente tra vecchi e nuovi player. Mentre le banche si stanno già attrezzando per accrescere le commissioni già esistenti o per trovare nuove fonti di guadagno. La speranza per i consumatori è che la maggiore concorrenza porti prima o poi dei benefici anche a loro. Per ora, tuttavia, soprattutto se avverrà a breve uno spostamento verso l'instant payment, i clienti retail rischiano di pagare di più i servizi delle carte di credito: dovranno sborsare più soldi per avere quel mese-mese e mezzo di respiro che oggi hanno fra il pagamento e l'arrivo sul conto corrente. Anche perché nel frattempo i big player internazionali come Mastercard stanno spingendo per le carte di debito, che trasferiscono al commerciante i soldi che già sono sul conto corrente.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Calcio europeo, alta finanza all'assalto per dividersi una...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
La valutazione civilistica delle commesse pluriennali
Una società di capitali può essere nominata...
La correzione degli errori di bilancio
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Più tempo per la formazione
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Imprese familiari fatturato in crescita, ma visione "a breve"
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Moneta digitale, meno evasori e costi ma in Italia gira...
La persona torna al centro, la tecnologia fa da supporto...
Pir, non solo bonus ma anche costi; costruire una rendita...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Anche i commercialisti e gli avvocati possono essere...
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
«Non abbiate paura di sbagliare il coraggio premia gli...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è...
È pignorabile una polizza?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Come nascondere i soldi in banca
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)