Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.052
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
di Guido Romano e Fabiano Schivardi
Novembre 2019

Pubblicato sul sito www.lavoce.info in data 19 novembre 2019.

* * *

Il nuovo codice della crisi di impresa sarà pienamente operativo da agosto 2020. Se le imprese si adegueranno ai suoi obblighi organizzativi in modo non solo formale, sarà l'occasione per un salto di qualità, in particolare per le piccole aziende.

Il nuovo codice della crisi di impresa
Da agosto 2020 sarà pienamente operativo il nuovo codice della crisi di impresa che, dopo oltre settanta anni, ha riformato in modo organico la disciplina fallimentare e ha introdotto le procedure di allerta. Quest'ultime si basano su due pilastri: gli obblighi organizzativi, secondo i quali le aziende devono dotarsi di «assetti organizzativi adeguati alla rilevazione tempestiva della crisi», e gli strumenti di allerta, che devono far emergere precocemente i casi di crisi. Le norme prevedono anche l'istituzione degli Ocri (organismo di composizione della crisi e dell'insolvenza), organismi stragiudiziali costituiti presso le camere di commercio per raccogliere le segnalazioni e gestire le situazioni di crisi.
L'obiettivo della riforma è di favorire il risanamento di imprese che versano in una situazione di crisi temporanea e di rendere più rapida e meno costosa l'uscita dal mercato di aziende che invece sono in una situazione per cui la crisi è irreversibile. Alla riforma è dedicato un capitolo monografico del Rapporto Cerved Pmi, su cui questo articolo si basa.
Le norme hanno affidato al Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (Cndcec) – che ha scelto Cerved come partner scientifico – l'elaborazione di indici puntuali, che fanno ragionevolmente presumere lo stato di crisi. Il Consiglio ha proposto un approccio sequenziale: in caso di patrimonio netto negativo o sotto gli obblighi di legge, si presume uno stato di crisi. Se il patrimonio è positivo, si guarda al Dscr (debt service coverage ratio), che si basa sul rapporto tra liquidità generata dall'azienda e obbligazioni finanziarie nei 6/12 mesi successivi: se l'indice è inferiore a 1, si presume lo stato di crisi, se è superiore a 1 non c'è presunzione di crisi. Nei casi in cui l'indice non è calcolabile o è inaffidabile, si considerano cinque indici di bilancio: se l'azienda mostra una situazione di difficoltà rispetto a tutti gli indici si presume lo stato di crisi.
Il Dscr è quindi un elemento cruciale per far emergere precocemente casi di crisi, ma richiede sistemi di tesoreria che oggi sono poco diffusi in Italia, specialmente tra le piccole e medie imprese.
Senza investimenti da parte delle imprese in sistemi di tesoreria, bisognerà affidarsi ai cinque indici di bilancio, che per loro natura «guardano al passato» (backward looking). Dietro alla loro scelta e alle relative soglie vi è un trade off: con soglie lasche, si genera un gran numero di segnali d'allarme, che riguardano anche aziende che non versano in un'effettiva situazione di crisi («falsi positivi»); con soglie stringenti, si riduce il numero di segnali e quindi la capacità di far emergere precocemente un numero significativo di casi di crisi.
Tra le due alternative, il Cndcec ha prestato una forte attenzione al contenimento dei falsi positivi, adottando soglie molto stringenti, soprattutto per non intasare gli Ocri in una fase di rodaggio e per evitare l'insorgere di una consistente flusso di «unlikely to pay» (Utp) nei bilanci delle banche: secondo nostre stime, calibrare gli indici per intercettare la metà delle insolvenze «costerebbe» circa 150 miliardi di Utp all'anno di «falsi positivi».
Viceversa, simulazioni su dati storici indicano che il sistema dei cinque indici proposto dal Cndcec consente di minimizzare i falsi positivi e i relativi UtpTP (1,5 miliardi), ma di anticipare una quota molto ridotta di insolvenze (11 per cento).

Costi e benefici
Il rispetto delle norme del nuovo codice della crisi, in particolare l'adempimento degli obblighi organizzativi, richiederà al sistema di imprese italiane ingenti investimenti: per dotarsi di sistemi di monitoraggio del proprio rischio, per acquisire le competenze di gestione del rischio (risk management), per nominare e remunerare gli organi di controllo. Secondo le stime basate sulle previsioni di un panel di professionisti intervistati da Cerved, i costi ammontano a circa 3,8 miliardi di euro all'anno. In caso di un'ampia diffusione dei sistemi di tesoreria, cioè con la capacità di tutte le società di capitale di calcolare il Dscr, potrebbero salire a 6 miliardi di euro. Per una piccola impresa, i costi si attesterebbero a circa 15-20 mila euro all'anno; per una media i costi raddoppierebbero.
Attraverso un'analisi basata in parte sui dati delle imprese, in parte sui risultati dell'esercizio di back testing condotto da Cerved per l'individuazione dei cinque indici, in parte in base a ipotesi relative a tre scenari alternativi, questi costi sono stati correlati con i benefici derivanti dall'emersione precoce della crisi.
Le stime vanno prese con cautela, anche per l'incertezza sulla concreta applicazione delle nuove norme. È comunque possibile trarre alcune conclusioni.
Il successo della riforma dipenderà in modo cruciale da come sarà accolta e attuata dagli imprenditori e dai professionisti coinvolti. In particolare, sarà importante, da un lato, un'ampia diffusione di sistemi di tesoreria, che consentano di individuare tempestivamente situazioni di difficoltà e, dall'altro, una gestione efficace ed efficiente delle crisi da parte degli Ocri. Se il sistema affronterà la riforma in una logica di mero rispetto formale delle norme, affidandosi esclusivamente agli indici di bilancio senza adeguare i modelli organizzativi, i costi supereranno di gran lunga i benefici: la riforma si ridurrà a un aumento degli adempimenti contabili e organizzativi con vantaggi molto ridotti in termini di risanamento e gestione della crisi.
Dall'altra parte, in uno scenario di puntuale applicazione degli obblighi organizzativi, con sistemi di tesoreria diffusi tra tutte le imprese e procedure di composizione della crisi efficaci da parte degli Ocri, i benefici sarebbero ampiamente superiori ai costi (10 miliardi contro 6 miliardi), grazie alla capacità del sistema di «salvare» molte imprese dal fallimento e di permettere tassi più alti di recupero degli attivi nelle società comunque destinate a uscire dal mercato.
I vantaggi di una diffusa adozione di sistemi di gestione del rischio non sarebbero limitati alla capacità di intercettare precocemente le crisi: consentono infatti di orientare le scelte relative agli investimenti e alle politiche di finanziamento, alla composizione delle fonti, al loro costo. Sono strumenti in grado di rendere più trasparenti le piccole imprese, a cui le banche applicano oggi tassi di interesse poco correlati con il loro rischio di fallimento. Si stima un effetto di oltre un miliardo di maggiori prestiti alle piccole e alle microaziende «solide», che pagherebbero meno il denaro, e un effetto netto sul valore aggiunto quantificabile in altri 1,3 miliardi.
In altre parole, il codice della crisi offre un'occasione per formalizzare e digitalizzare le pratiche gestionali delle Pmi e per migliorare la loro cultura finanziaria: un salto di qualità che, a tutt'oggi, il sistema delle imprese non sembra in grado di fare da solo.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Aumenti di capitale a maggioranza semplice
Post lockdown: esigenze di cassa, revisione del budget...
Falso in bilancio senza sconti per i sindaci
Assemblea di bilancio da convocare entro il 28 giugno 2020
Pmi, come evitare il rischio di contenziosi da coronavirus
Se la Borsa scende del 20% si perde il 20%?
Adeguatezza patrimoniale, adeguatezza della liquidità e...
Responsabilità del revisore nel nuovo codice della crisi...
Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?
Sindaco o revisore unico, questo è il problema. Perché non...
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
La fine di un mito: il lavoro sicuro in banca
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Cassa mutua per i professionisti
Quando l'evasione fiscale diventa reato
Buttati! I 4 rimedi contro l'ossessione del perfezionismo
Il professionista come coach rimotiva l'azienda in bilico
Crisi d'impresa al primo test per sindaci e revisori
Quattro errori dei manager che fanno fallire le aziende
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fallimento e crisi d'impresa: uno strumento per essere...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Codice della crisi d'impresa: ok dall'esecutivo
Come investire i risparmi senza rischi
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Società in house un ibrido mal riuscito
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Società in crisi, scissione e bad company
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)