Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.966
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non condivisibile
di Raffaele Marcello
Maggio 2019

Pubblicato sul sito www.eutekne.info in data 18 maggio 2019.

* * *

Si resta sinceramente sbalorditi nell'apprendere che è in corso una campagna volta a rivedere significativamente i parametri di cui al novellato art. 2477 c.c., azione che, in tutta sincerità, rischia di inficiare il lavoro svolto con il Codice della crisi. Lo stupore, o meglio l'imbarazzo, che si riporta soffermandosi sulla "ventata" di populismo in questione, è dovuto a due motivi.
Il primo: la modifica di un testo appena approvato, finalizzato a migliorarne la funzionalità, si effettua, solitamente, tramite un intervento di correzione complessivo e a "tutto tondo" e non tramite la modifica di singole previsioni avulse dal contesto generale di riferimento.
Il secondo: i nuovi parametri previsti che vorrebbero assumersi comportano un ridicolo e sensazionalistico ridimensionamento del sistema dei controlli nelle srl.
Ridicolo perché si passa da 2 a 6 milioni di totale dell'attivo dello stato patrimoniale; da 2 a 12 milioni di ricavi, da 10 a 50 dipendenti occupati in media durante l'esercizio, anche se il superamento di tali parametri dovrebbe essere registrato in un solo esercizio.
Sensazionalistico, perché si fornisce l'illusione che i grandi stravolgimenti siano sempre possibili (oltre che leciti) e possano avvenire in pochissimo tempo e con un semplice colpo di spugna. Anche disposizioni che, sebbene dirompenti rispetto alle realtà delle piccole imprese, sono frutto di complessive scelte maturate nell'ambito di una riforma di ampio respiro e sono destinate, peraltro, a favorire la continuazione dell'attività di impresa e non la liquidazione, possono essere riviste in pejus in nome di una crescita che di fatto impediranno.
Non posso non mettere in evidenza, che prospettata novella, non solo tradisce tutto l'impianto e la filosofia di fondo che ha animato la riforma delle crisi di impresa e dell'insolvenza, bensì si rivela per la professione dei commercialisti dannosa, in quanto la versione proposta è peggiorativa anche rispetto alla previgente formulazione dell'art. 2477 c.c. dove i parametri di riferimento erano quelli contenuti nell'art. 2435-bis c.c. e dunque: 4,4, milioni di totale dell'attivo dello stato patrimoniale; 8,8 milioni di ricavi e 50 dipendenti.
Si tratta, allora, di un stravolgimento che non può essere condiviso e che non condivido come rappresentante di una categoria professionale che con la sua professionalità e la sua competenza specifica nel fare il "collegio sindacale" o nel fare "revisione" aiuta le società a prevenire i rischi e a intercettare i segnali di crisi, categoria che per tal motivo non rappresenta affatto un costo per le società.
Più volte ho sostenuto che la recente riforma della crisi di impresa, ancorché si rendano opportuni alcuni aggiustamenti che, in linea di principio, involgendo anche il ruolo dei sindaci possono essere colmati tramite strumenti che indicano best practice (per intendersi, le "Norme di comportamento del collegio sindacale"), è nel suo insieme condivisibile, così come è condivisibile la ratio dell'allerta da cui essa origina.
Peraltro, secondo l'art. 12 del Codice della crisi, costituiscono strumenti di allerta gli obblighi di segnalazione posti a carico dell'organo di controllo interno alla società e del revisore finalizzati alla rilevazione tempestiva degli indizi di crisi dell'impresa e alla sollecita adozione delle misure più idonee alla sua composizione.
Di talché con l'emendamento di cui sopra, un gran numero di srl verrebbero private della possibilità di attivare il meccanismo di allerta dall'interno e conseguentemente di risolvere, sempre all'interno, quelle criticità che il virtuoso scambio di flussi informativi e la cooperazione tra organo di amministrazione e organo di controllo, e di quest'ultimo con l'incaricato della revisione legale, potrebbe facilmente far emergere e risolvere anche senza il coinvolgimento dell'OCRI (cfr. art. 14, commi 1 e 2, Codice della crisi).
Da anni sosteniamo che la dialettica costruttiva tra gli organi che svolgono funzioni di amministrazione e controllo nella stessa società può essere risolutiva delle situazioni in cui emergano dubbi significativi circa un probabile stato di crisi, proprio per favorire la crescita delle imprese e non anche la liquidazione.
Ne consegue, allora, che volendo ragionare sulla logicità dei parametri da individuare nell'art. 2477 c.c. in relazione ai nuovi obblighi previsti dal Codice della crisi, senza affidarsi a dottrine cabalistiche, la soluzione migliore non sembra essere quella da ultimo individuata.
Andrebbe a cogliere nel segno, invece, come già da qualcuno sostenuto, una revisione dell'art. 2477 c.c., in modo equilibrato e coerente con tutta la riforma delle crisi e del diritto societario avviata con il Codice della crisi, e ideata di guisa che l'obbligo di nomina dell'organo di controllo o del revisore sia ancorato al superamento, per due esercizi consecutivi, di almeno uno dei seguenti limiti:

- totale dell'attivo, 4 milioni di euro;
- ricavi, 4 milioni di euro;
- dipendenti occupati in media durante l'esercizio: 20 unità.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
ReportCalcio 2019 della Figc
Srl, raddoppiano i limiti per l'organo di controllo
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Come creare start up innovative
Il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza: i nuovi...
Se divento socio di una snc rispondo dei debiti anteriori?
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Una spinta a Pir e venture capital
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Amore e passione in ufficio per un lavoratore su due
Mifid II, le opportunità per il private banking
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Calcio europeo, alta finanza all'assalto per dividersi una...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
Dal Vice Presidente del Parlamento UE diretto sostegno ai...
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
OIC 11 - Finalità e postulati del bilancio d'esercizio...
Una società di capitali può essere nominata...
La correzione degli errori di bilancio
Categorie al fotofinish sul Gdpr
Consulenti e revisori insieme
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
OK ai commercialisti specialisti
Commercialisti, la svolta
I giovani bocciano la formazione scolastica
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
La persona torna al centro, la tecnologia fa da supporto...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2019  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)