Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Ma il rischio maggiore è la liquidità
di Donato Masciandaro
Il Sole 24 Ore
Giovedì 19 agosto 2010

Bene ha fatto il governatore Mario Draghi a sottolineare l'importanza del cammino verso Basilea 3. Del resto lo sforzo da lui compiuto nell'ambito del Financial stability board per dare una cornice di stabilità alla finanza mondiale non è stato solo di facciata. Purché governanti, vigilanti e banchieri abbiano la volontà di partire dal problema principale: ridurre i rischi di liquidità. La vigilanza sulla liquidità è la battaglia che prima di tutte occorre affrontare per vincere la guerra della stabilità finanziaria. Ed è invece sorprendente constatare che l'importanza delle regole sulla liquidità continui ad essere ignorata nei (finora pochi) momenti cruciali su cui si è discusso e deciso sulla futura regolamentazione bancaria.
Alle radici dell'ultima crisi finanziaria vi è un eccesso di rischio di liquidità, efficacemente descritto in un recente studio di Francesco Giavazzi e Alberto Giovannini per il Cepr. Il Sole 24 Ore ha più volte sottolineato come la crescita eccessiva del rischio liquidità abbia le sue radici in due fenomeni, tra loro intrecciati, negli Stati Uniti ma non solo: l'allontanamento delle banche commerciali dall'originale funzione di trasformare in investimenti produttivi la raccolta del risparmio al dettaglio; lo sviluppo del cosiddetto sistema finanziario-ombra.
Gli intermediari finanziari hanno svolto un ruolo che era a tutti gradito: inventare nuove strumenti e nuovi veicoli per distribuire e gestire il rischio, partendo magari dai mercati finanziari più tradizionali, appunto quelli del credito.
I nuovi "animali" finanziari sono subito piaciuti alle specie più antiche, come le banche commerciali: diveniva possibile trasformare in titoli scambiabili sui mercati rapporti di debito e di credito che prima non lo erano. In tal modo, gli stessi mercati bancari a monte ne hanno tratto beneficio, aumentando i profitti, e aprendosi a soggetti che prima dal credito venivano esclusi. Il lato positivo della medaglia - l'aumento delle dimensioni complessive dei mercati bancari e finanziari - ha avuto il suo rovescio altamente tossico: l'aumento della complessità e della rischiosità complessiva dei mercati stessi. A un certo punto non si è più compreso come e dove fosse distribuito il rischio.
La lezione della crisi è dunque quella che occorre evitare l'eccessiva assunzione di rischio, minimizzando la probabilità che si creino di nuovo le condizioni per le crisi di liquidità, aziendali e sistemiche. La regolamentazione degli intermediari può e deve fare la sua parte, attraverso i coefficienti sulla liquidità. Perché i coefficienti di capitali non servono a nulla, se la liquidità non è ben presidiata.
Le banche devono avere riserve di liquidità congrue, in un orizzonte di breve come di lungo periodo. Riguardo al breve periodo, occorre definire "liquidity coverage ratio" che impongano alle banche di detenere le attività liquide necessarie ad affrontare eventuali situazioni di stress finanziario. In un'ottica di più lungo periodo, è necessario monitorare e regolare il meccanismo di trasformazione delle scadenze. I sistemi bancari che hanno meglio resistito alla crisi finanziaria - come gli italiani e i canadesi - sono quelli basati su un'attività bancaria in cui il passivo è rappresentato da raccolta di depositi al dettaglio e l'attivo si concentra sul credito al settore industriale e commerciale.
L'attenzione al rischio liquidità deve essere primaria. Eppure finora non è stato così. Lo scorso mese è stato annunziato l'ennesimo annacquamento del progetto Basilea 3, con un indebolimento delle proposte sui coefficienti di liquidità unito a un ulteriore slittamento temporale. Nello stesso tempo ci si è baloccati con gli stress test, dando ai livelli del capitale bancario - in tanti casi drogati dall'intervento statale - un'importanza eccessiva e persino forviante. Occorre allora dissipare i dubbi - e va detto che Draghi ne è consapevole e lavora in questa direzione - che non si voglia affrontare al meglio il tema della gestione del rischio liquidità. Magari perché a qualche sistema bancario, o a qualche banca, l'argomento sarebbe di difficile digestione.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Lo stage è sempre retribuito?
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Come creare start up innovative
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Consulenti e revisori insieme
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Più tempo per la formazione
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)