Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.966
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
di Alessandro De Nicola
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 24 settembre 2018

Burattino senza fili è un bellissimo album di Edoardo Bennato, ma potrebbe anche essere il titolo del capo del codice civile relativo alla direzione e coordinamento delle società. Con la riforma di 15 anni fa il legislatore introdusse per la prima volta una regolamentazione civilistica dei gruppi di società. Alla nozione di controllo di una società su un'altra, che si verifica quando la prima ha abbastanza voti in assemblea da poter nominare il cda, si aggiunse quello di direzione e coordinamento. Con quest'ultimo concetto si prendeva atto della realtà, ossia che malgrado ogni singola società sia un'entità giuridica a sé stante i cui amministratori devono perseguire il suo esclusivo interesse, in pratica nei gruppi societari il consiglio di amministrazione delle controllate è eterodiretto e segue le istruzioni e direttive, più o meno cogenti, della capogruppo. Un burattino senza fili, appunto.
La novità introdotta nel 2004 consiste nel fatto che se la società madre agisce scorrettamente e provoca un danno alla figlia, è direttamente responsabile verso i soci di minoranza di quest'ultima delle perdite subìte. La scappatoia è una teoria diventata famosa, quella dei vantaggi compensativi: se il danno patito dalla controllata è compensato dai vantaggi più ampi di appartenenza al gruppo, allora non sorge la responsabilità della capogruppo. Ebbene, una sentenza del Tribunale di Milano, emanata il 9 gennaio ma solo recentemente pubblicata, offre un'interpretazione sostanziale delle regole ora esposte. Difatti, i giudici ambrosiani hanno condannato una società di gestione del risparmio a risarcire gli azionisti di minoranza per i danni causati attraverso la propria attività di direzione e coordinamento a una società controllata da fondi di investimento da essa gestiti.
A nulla è valsa la difesa della convenuta per la quale, visto che erano i fondi i proprietari delle azioni della società eterodiretta, non si poteva far risalire la responsabilità fino alla Sgr. Ciò che conta, ha stabilito il Tribunale, è l'esercizio "effettivo" dell'attività di direzione e coordinamento. Siccome i fondi sono per definizione incapaci di agire rispetto alle partecipazioni di cui sono titolari, ecco che l'effettiva direzione viene esercitata da "l'ente o società" che li gestisce, vale a dire la Sgr. Si tratta di un'interpretazione non illogica: se le decisioni di un consiglio di amministrazione sono prese su indicazioni di qualcuno al di fuori dello stesso, bisogna capire chi è Mangiafuoco e perciò andare al nocciolo della questione. Lo spunto fa riflettere.
Il codice civile, invero, parla di "società o altri enti" che esercitano la direzione e controllo. Se ci si orienta verso una visione sostanzialista, perché non dovrebbero essere compresi gli enti pubblici? Lo Stato è stato escluso dall'applicazione della norma da una apposita legge del luglio 2009 ma se ad esempio il sindaco di un comune ingiungesse ad una società da esso controllata ma non in modo totalitario di non fare più pubblicità sui giornali e gli amministratori obbedissero, non sarebbe forse prova di un'eterodirezione ai sensi del codice civile? E se un ente locale dichiarasse che una società da esso partecipata costruirà un ponte senza bisogno di partecipare ad una gara europea e il Cda obbedisse, magari con il voto contrario degli amministratori espressione delle minoranze, e tale iniziativa provocasse delle perdite o contenzioso, non sarebbe ragionevole per gli azionisti di minoranza reclamare un risarcimento da parte di questo ipotetico ente locale? Questa è l'interpretazione già oggi prevalente, ma finora non concretamente applicata. Ed infine, per aumentare la credibilità di chi ci governa e l'attrattività delle nostre imprese a partecipazione statale, non sarebbe una buona idea abolire la norma del 2009 e rendere lo Stato responsabile dei suoi atti?

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Fatture elettroniche: come si annullano?
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Una società è responsabile?
Come creare una start up
Fallimento e crisi d'impresa: uno strumento per essere...
Remote working: 4 aspetti positivi del lavorare da casa
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza: i nuovi...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Dal Vice Presidente del Parlamento UE diretto sostegno ai...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Perché i commercialisti non ci saranno più
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Più tempo per la formazione
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
Imprese familiari fatturato in crescita, ma visione "a breve"
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
Commercialisti, la svolta
La punta di diamante dell'inganno bancario
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Imprese, manca lo spirito di squadra e così l'open...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2019  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)