Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.052
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Lo smart working in Italia non cresce perché manca la cultura manageriale
di Antonella Guerrera
Gianni Rusconi
Venerdì 9 novembre 2018

Nel 2022, il 65% della forza lavoro europea, e quindi 123 milioni di individui, sarà composta da mobile worker. In Italia i professionisti che opereranno in mobilità saranno 10 milioni. Le stime sono della società di ricerca Idc e vanno nel solco di un dibattito noto: la tecnologia e la digitalizzazione dell'esperienza del consumatore/utente stanno rivoluzionando il modo di lavorare, l'organizzazione nel suo insieme e gli spazi fisici e logici dell'azienda. Ed il cambiamento è così evidente, secondo gli analisti, che il paradigma del «digital workspace» - e quindi spazi di lavoro online dove ogni individuo può accedere in maniera univoca alle informazioni indipendentemente dal luogo, dal momento o dal dispositivo utilizzato – ha già preso il posto di quello della postazione fisica di lavoro, spostando il focus sul concetto di «chi sei/cosa fai» rispetto al «quando entri/quando esci/dove sei».
Ma quanto questo paradigma è radicato nelle aziende italiane? Carlo De Angelis, architetto e founder di Dec (azienda specializzata nella progettazione di interni) è dell'idea che in Italia il lavoro agile non è diffuso così come si vorrebbe far credere. Essere "smart", questa la sua filosofia, non significa semplicemente lavorare uno o due giorni a settimana da casa, «perché lo smart working è molto di più: è un nuovo approccio al tradizionale modo di lavorare e di collaborare all'interno di un'organizzazione. E presuppone significativi cambiamenti».
Lei sostiene che lo smart working, in Italia, non esiste: eppure vi sono casi concreti di aziende che lo applicano.
È un'idea che in Italia piace, soprattutto ai lavoratori, così come dimostrato da un recente studio condotto da Randstad Workmonitor, in cui si evince come più di otto lavoratori su dieci sono a favore dello smart working. In concreto, però, solo una bassa percentuale di grandi aziende lo applica: nel 2017, come rileva l'Osservatorio del Politecnico di Milano, erano il 36% (su un campione di 206, ndr). L'interesse c'è, ma non è ancora accompagnato dallo sviluppo di una nuova cultura manageriale, per cui solo l'8% degli addetti si può definire «smart worker».
Il quadro normativo favorevole può invertire il trend?
Finché i manager non comprenderanno la vera essenza del lavoro agile, questo nuovo modello di lavoro troverà difficoltà a diffondersi. L'ostacolo principale sta nel fatto che prevale ancora l'idea di voler controllare il dipendente, di tenerlo ancorato alla sedia come se la sua produttività fosse direttamente proporzionale alle ore di lavoro passate di fronte allo schermo. Mettendo il lavoratore al centro dell'organizzazione, al contrario, lo si rende più autonomo e responsabile anche riguardo la possibilità di scegliere il luogo, gli orari e gli strumenti con cui svolgere le proprie mansioni.
Chi in azienda dovrebbe allora farsi carico di questo cambiamento? L'HR manager?
Per accogliere questo nuovo modello organizzativo occorre partire dalla formazione manageriale, perchè sono i dirigenti a determinare l'approccio lavorativo all'interno dell'azienda. Reputo quindi opportuno istituire dei corsi a livello universitario ad hoc, ma la spinta al cambiamento deve comunque partire dai vertici aziendali, che sono spesso i primi a non conoscere le potenzialità del lavoro agile. Quel che occorre alle nostre aziende è una visione del futuro più previdente.
Quali sono, a suo avviso, le "best practice" per un progetto di smart working?
La tecnologia digitale deve essere regina del nuovo concept di ufficio: se non riesco ad accendere celermente il computer e ho difficoltà a condividere documenti con i colleghi per via del collegamento Wi-Fi lento o instabile, c'è un impatto negativo sulla qualità del mio lavoro. Investendo per un ufficio ben strutturato ed efficiente si avranno dei benefit sul business aziendale: anche in pochi metri quadrati, per esempio, si possono organizzare open space e si può introdurre il concetto di «scrivanie nomadi» per generare efficienza sui costi. È fondamentale comprendere che la disposizione di postazioni mobili abitua i worker all'idea di doversi spostare dalla propria scrivania; in questo modo il dipendente sarà pronto, in seguito, a lavorare in ambienti esterni al proprio ufficio, come casa propria.
Ci sono differenze in relazione alle dimensioni dell'organizzazione?
Credo possa essere un approccio trasversale, che riguarda sia le grandi aziende che le Pmi e le pubbliche amministrazioni.
Se confrontiamo la situazione italiana con altri Paesi cosa emerge?
Siamo indietro, peggio di noi solo Grecia e Cipro. Nel Nord Europa c'è una maggiore diffusione dello smart working perché esiste una predisposizione culturale che considera il lavoro da casa impegnativo e serio quanto lo sia svolgerlo in ufficio. Se in Italia non scardiniamo questa concezione di "sorveglianza" del lavoratore sarà impossibile fare il salto di qualità.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Bilanci 2020 senza l'effetto Covid-19
Banche-imprese, come cambiare il rapporto con Pmi e...
«Dl liquidità da cambiare: niente istruttoria delle banche...
Responsabilità amministratori e riforma della crisi d'impresa
Codice della crisi d'impresa: le modifiche al codice civile...
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Una bomba a orologeria contro gli amministratori
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Divieto di contanti e pagamenti elettronici: nuove regole
E se le costose procedure di allerta fossero un'occasione...
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Il professionista come coach rimotiva l'azienda in bilico
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Revisori solo nelle grandi srl
Il fallimento non c'è più le parole dell'economia cambiano...
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Riforma diritto fallimentare. Istituzione dell'organo di...
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Come provare un contratto verbale
Indici della crisi derogabili con attestazione
Il calcio perdona l'insensibilità verso il razzismo
Se divento socio di una snc rispondo dei debiti anteriori?
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
«Per le imprese sane rischi limitati: le banche fanno la fila...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Valutazione dell'azienda in crisi con analisi preliminare
Società in crisi, scissione e bad company
La valutazione civilistica delle commesse pluriennali
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)