Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Le regole di Basilea 2 aiuteranno le imprese
di Alessandro Rigoni (Fondazione Nord Est)
Il Sole 24 Ore - Nord Est
Mercoledì 24 gennaio 2007

Il mercato italiano del credito vive una fase di profonda mutazione, effetto della maggiore apertura internazionale sia dal lato dell'offerta che della domanda di moneta. Niente ha impedito - nonostante la magnitudo dei soggetti contrari - di dar luogo al processo di merger & acquisition tipico delle fasi di maturità di un mercato. Inoltre, il mondo creditizio è riuscito in uno dei compiti su cui, volendo scommettere, nessuno avrebbe puntato "vincente", al massimo "piazzato": quello di far fare acquisti a credito agli italiani. Invece, nel giro di pochi anni, almeno il 50% degli italiani ha inserito nel proprio dna da "formica" alcuni geni della "cicala" e l'ennesima statistica indica come l'italiano medio, a fine mese, non riesca a risparmiare un solo euro.
Ma se il mercato del credito al consumo mostra segnali di maturità, così non è per il mercato del finanziamento alle imprese. Gli imprenditori del Nord-Est hanno trasmesso alle imprese i propri geni agendo su sovrapposizione istituzionale e patrimoniale tra impresa e famiglia, navigazione a vista e non strumentale, scarso ricorso alla delega, relazioni dirette tra imprenditore e banchiere. Questa struttura d'impresa ha permesso la sopravvivenza nei duri tempi del rilancio nordestino, ma ora il mutato contesto ha trasformato dei key performance in fattori di svantaggio i quali, se non si sono sostanzialmente risolte in tempi di selezione naturale, più difficilmente si risolveranno in tempi di vacche grasse.
La spinta al cambiamento anche nel rapporto banca-impresa si evolve, quindi, a velocità rallentata.
D'altra parte le spinte al cambiamento ci sono: il 60% delle opinioni propende per un maggior ricorso al credito nei prossimi sei mesi, nonostante - sempre secondo la lettura degli imprenditori - non ci si attenda che le banche amplino il mercato servito (ipotesi suffragata da un esiguo 7,6%).
Quantitativamente, quindi, le cose stanno mutando rapidamente: i prestiti alle aziende in Italia sono passati da 583 miliardi di gennaio ai 710 di novembre 2006; l'incremento è stato del 9,4%, dopo il +5% del 2005. Il tasso d'interesse medio applicato al credito produttivo è passato nella Ue dal 4,44% del 2003 al 5,04% di novembre 2006.
Quindi il mercato del credito non solo è pro-ciclico, ma rappresenta un fattore fondamentale per la lettura del momento congiunturale: l'economia sta crescendo grazie anche alla spinta derivante dall'incremento del credito, che gioca un ruolo pari alla creazione di moneta. Il rischio più grande sta proprio qui: il volume di mezzi monetari messi in circolazione dopo l'11 settembre dal sistema bancario mondiale, se finora ha permesso di evitare una recessione globale, ora spiega i timori inflazionistici e le manovre sui tassi, su cui sono impegnate tre delle cinque grandi potenze mondiali: Usa, Giappone e, appunto, Europa. Il cedimento di uno solo di questi fronti, provocherebbe ripercussioni sui tassi delle altre monete, mettendo a rischio o l'equilibrio finanziario delle imprese indebitate (rischio di default), oppure l'equilibrio dell'esposizione con l'estero, entrambi in rapida evoluzione secondo la Banca d'Italia e le rilevazioni congiunturali della Fondazione Nord Est. Quindi, la crescita a cui stiamo assistendo, se da un lato spinge l'economia reale (e infatti la fase di ciclo della produzione manifatturiera italiana si è invertita in senso positivo ad aprile 2006), dall'altro introduce un rischio più elevato.
E' per questo motivo che la crescita economica che Vecchio Continente, Italia e Nord-Est stanno vivendo deve essere accompagnata da profonde riforme. Il mondo bancario già lo sta facendo, e il processo di aggregazioni che si è messo in moto sarà il veicolo che porterà una maggiore efficienza nei servizi bancari. Basilea2 dovrebbe essere vista dalle imprese non come ennesimo adempimento burocratico, ma come vera opportunità che permetta di costruire un efficiente controllo di gestione.
Individuare la più efficiente struttura finanziaria costituisce un processo introspettivo propedeutico ad ogni decisione delle imprese: dalla definizione della strategia e del budget, alle acquisizioni, dal passaggio generazionale alle decisioni di investimento. In questo le imprese del Nord-Est devono mutare le attese nei confronti delle banche, che sono sempre meno "venditori di denaro" a basso prezzo e sempre più specialist in materia di finanza e rischio d'impresa.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Fallimento e Crisi d'Impresa 2020
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Divieto di contanti e pagamenti elettronici: nuove regole
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
Procedure di allerta, sei mesi in più per le nano imprese
Sedata la crisi d'impresa
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Nelle imprese c'è posto per 193mila super-tecnici. Ma uno...
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
La correzione degli errori di bilancio
Privacy, rischi da valutare subito
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)