Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.052
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?
di Antonio Potenza
Febbraio 2020

Pubblicato sul sito www.centodieci.it in data 17 febbraio 2020.

* * *

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e poi il lunedì ricomincia il loop?
Il punto è la concezione stessa del lavorare che si concretizza direttamente nel modus operandi della distribuzione oraria. Le giornate scandite da ritmi frenetici rischiano di tagliare fuori dall'ecosistema individuale la possibilità di avere una vita vera, fatta di interessi che esulino — e meno male — dal mondo lavorativo.
La distribuzione oraria, come dicevamo, è sicuramente il punto di maggior conflitto dopo la distribuzione salariale. Ma a pensarci, lo è neanche troppo; tanto da pensare alla situazione con lucida rassegnazione: così è e così sarà.
Fanno ben sperare quindi le notizie che arrivano dai Paesi baltici, dove la concezione del lavoro e delle ore da dedicare alla propria professione, cambia di stato in stato e si dimostra tanto diversa quanto più funzionale di quella italiana.
Esempio tra tutti la Danimarca. Il modello danese è ormai sinonimo del perfetto work life balance.
Ufficialmente l'orario di lavoro settimanale è di 37 ore, ma una nuova indagine dell'OCSE mostra che il danese medio lavora appena 33 ore circa alla settimana. Non si superano le otto ore, non c'è necessità di rimanere maggiormente in azienda, né tecnica né sociale — la classica "bella figura".
Non solo; restare in ufficio oltre l'orario standard — dalle 8 alle 16 — metterebbe quasi il lavoratore in cattiva luce. Le riunioni non sono mai fissate oltre le sedici e le attività personali, a volte, sono anche inserite in un calendario lavorativo, rispettato anche dal resto dei colleghi. Se ad esempio un componente del team dovrà prendere il proprio figlio a scuola alle 16 in punto, si farà di tutto per rispettare tale impegno.
Coltivare la propria vita al di fuori dell'ufficio diventa il miglior incentivo a produrre più e meglio all'interno dell'ufficio stesso. Tale distribuzione del lavoro è conseguenza diretta della concezione flessibile del mercato del lavoro danese. Dibattito che nei Paesi baltici va avanti dall'inizio degli anni '90. Il modello della Flexybility danese basa la sua struttura infatti proprio sull'idea di un posto di lavoro adattabile e flessibile. I dipendenti danesi non rimangono nella stessa azienda, ad esempio, per più di otto anni.
Il suo funzionamento si basa su tre semplici pilastri fondamentali:

- flessibilità del mercato del lavoro
- generosi ammortizzatori sociali
- politiche attive che favoriscono il reinserimento del lavoratore.

La domanda conseguente allora è: visto che anche la neo-eletta Prima Ministra finlandese vuole lavorare su questo modello lavorativo nel suo Paese, si potrebbe pensare di lavorare meno e meglio anche in Italia?
Probabilmente no, almeno guardando al quadro lavorativo italiano. Semplificando, l'imprenditore italiano è costretto a destreggiarsi in un sistema fatto di tasse considerevoli, per questo spesso guarda anche all'assunzione di un semplice stagista come un rischio. Per questo le aziende sono più propense a contratti a breve termine, coscienti che questo turn over rovini la strategia imprenditoriale a lungo termine. Per questo — ovviamente — in Italia esiste un'attenzione piuttosto maniacale attorno al minuto rubato alle ore di lavoro, ai permessi di troppo. Ogni cosa segue un'idea di lavoro rigido, calibrato in base a categorie vecchie e usurate.
Lavorare meno e meglio in Italia è quindi possibile?
In realtà probabilmente sì: ma solo a costo di un'operazione profonda di svecchiamento e ripensamento perché, su questo non c'è dubbio, si vive per vivere e il lavoro è solo un mero strumento ausiliario.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche-imprese, come cambiare il rapporto con Pmi e...
Il capitale sociale resiste solo alle perdite del 2020?
Revisione legale nelle nano imprese. Chiarita la...
Adeguatezza degli assetti organizzativi fuori dal rinvio...
Responsabilità del revisore nel nuovo codice della crisi...
Responsabilità amministratori e riforma della crisi d'impresa
Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?
Il commercialista Arlecchino servitore di due padroni
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Procedure di allerta, sei mesi in più per le nano imprese
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Una società è responsabile?
Remote working: 4 aspetti positivi del lavorare da casa
Srl, in ordine sparso sui collegi
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza: i nuovi...
Come investire i risparmi senza rischi
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
Società in crisi, scissione e bad company
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
OIC 11 - Finalità e postulati del bilancio d'esercizio...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)