Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

La via obbligata porta a Basilea 3
di Luigi Zingales
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 15 ottobre 2008

Le decisioni prese dai Paesi europei domenica sono appropriate. Garantire i nuovi prestiti alle banche, con priorità rispetto ai debiti esistenti, è la soluzione giusta. La garanzia dello Stato rende questi prestiti più sicuri senza eccessivi rischi per il contribuente, visto che lo Stato sarà il primo a essere rimborsato in caso di liquidazione. Anche l'idea di sospendere il mark-to-matket in un momento di crisi come questa è giusta.
Ma per valutare le conseguenze di breve e lungo periodo di questa decisione (da noi suggerita sul Sole 24 Ore del 17 settembre scorso) bisogna fare un passo indietro e capire cosa si cela dietro al mito del mark-to-market. I principi contabili permettono una diversa classificazione dei titoli in portafoglio a seconda che siano considerati "disponibili per la vendita" o "da detenere fino alla scadenza". Questi ultimi devono essere valutati al minimo tra il costo storico e il valore scontato dei proventi futuri (conosciuto anche come mark-to-model). I titoli "disponibili per la vendita" devono essere valutati ai prezzi di mercato, sempre che un mercato liquido esista. Se questo mercato liquido non esiste, come per i famigerati titoli legati ai mutui subprime, si ricorre comunque al mark-to-model.
Questo sistema pone tre problemi. Innanzitutto, la modellizzazione del fair value in assenza di mercato liquido è molto soggettiva e non chiaramente spiegata nei bilanci. Le diverse valutazioni finiscono quindi per dipendere più da quanto tolleranti sono i vari revisori esterni, piuttosto che da differenze nel valore dei titoli in portafoglio. Questo problema accentua variazioni cicliche. Durante un periodo di boom i revisori esterni non temono di essere trascinati in tribunale dagli azionisti e quindi tollerano valutazioni più ottimistiche. Ma in periodi di crisi diventano molto più prudenti, tagliando le loro valutazioni e quindi accentuando l'effetto del ciclo.
Il secondo problema del mark-to-market nasce dalla sua interazione con i principi di Basilea per i coefficienti patrimoniali delle banche. Le perdite di bilancio (anche se non realizzate) vanno a intaccare i coefficienti patrimoniali costringendo le banche ad aumentare il proprio capitale o a ridurre i prestiti. Il vantaggio di una sospensione temporanea del mark-to-market è che le perdite contabili non andranno ad intaccare i coefficienti patrimoniali. La sospensione del mark-to-market diventa quindi un modo per aggiustare in maniera anticiclica i coefficienti patrimoniali. Paradossalmente questo vantaggio viene ottenuto senza alcuna perdita di trasparenza. I principi contabili richiedono che ad ogni cambio di criteri di valutazione si provveda in bilancio a una spiegazione di come sarebbero stati i bilanci se si fossero applicati i vecchi principi. Quindi anche se i profitti di dicembre saranno calcolati secondo i nuovi principi, le note di bilancio permetteranno di vedere quali sarebbero stati i profitti se si fossero applicate le vecchie norme. Ovviamente questo vantaggio si perde nel lungo periodo, perché i bilanci non riporteranno più le valutazioni mark-to-market. Questo è il motivo per cui una sospensione temporanea è senza costi, mentre una permanente no.
Il terzo problema del mark-to-market è più sottile e ha a che vedere con le implicazioni macroeconomiche della trasparenza. Dal punto di vista di una singola impresa, il principio che è sempre meglio avere maggiore trasparenza vale sempre. Ma quando prendiamo in considerazione il fatto che la liquidità del mercato è endogena, cioè è il risultato delle scelte di compravendita degli operatori che osservano i bilanci delle aziende, lo stesso principio non vale sempre. Se il mercato conosce esattamente i titoli in portafoglio di una istituzione finanziaria, basta un sospetto (magari infondato) sulla sua solvibilità per abbassare il prezzo di mercato dei titoli che ha in portafoglio (perché il mercato si aspetta forti vendite). Questo provoca un peggioramento della situazione di bilancio che autoalimenta il sospetto di insolvenza.
Il mark-to-market, quindi, è lungi dall'essere perfetto e una sua sospensione temporane nell'attuale situazione di mercato è stata una decisione giusta. Ma non bisogna eccedere nella direzione contraria. La possibilità che il mark-to-market condanni imprese solventi non significa che tutte le imprese insolventi siano tali a causa del mark-to-market. Al contrario, la stragrande maggioranza sono insolventi per scelte finanziarie o di business sbagliate, ma amano usare il mark-to-market come capro espiatorio. E' quindi importante che una soluzione temporanea non diventi permanente, a svantaggio della trasparenza del mercato.
Dove un intervento permanente è necessario è sugli accordi di Basilea. La crisi ha messo in evidenza la necessità di un aggiustamento anticiclico di questi coefficienti. Nei periodi di boom le banche devono accumulare riserve in eccesso che permettano loro di fronteggiare i momenti di crisi. Viceversa quando le valutazioni di mercato sono molto basse è ragionevole abbassare questi coefficienti perché il rischio di ulteriori perdite è più limitato. L'altro aspetto degli accordi di Basilea che deve essere modificato è l'importanza attribuita alle agenzie di rating. L'errore è stato pensare che l'enorme potere attribuito dai nuovi meccanismi a queste società non avrebbe avuto nessun effetto sulla loro indipendenza di giudizio. Il potere - scriveva Montesquieu - corrompe e il potere assoluto corrompe in modo assoluto. Le agenzie di rating non si sono sottratte a questo principio e il loro ruolo in Basilea 3 dovrà essere fortemente ridimensionato.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
AAA revisore cercasi. Inutilmente
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Sedata la crisi d'impresa
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Il professionista come coach rimotiva l'azienda in bilico
Assetti organizzativi da adeguare alle caratteristiche della...
Il fallimento non c'è più le parole dell'economia cambiano...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Quando serve la Scia?
Indici della crisi derogabili con attestazione
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Come creare start up innovative
Revisori srl imparziali anche se nominati
Se divento socio di una snc rispondo dei debiti anteriori?
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Revisori in rete con il progetto Sol
Una spinta a Pir e venture capital
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Amore e passione in ufficio per un lavoratore su due
Mifid II, le opportunità per il private banking
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
«Per le imprese sane rischi limitati: le banche fanno la fila...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
La valutazione civilistica delle commesse pluriennali
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)