Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

La rivoluzione telematica in arrivo con Basilea 2
di Carlotta Mismetti Capua
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 30 ottobre 2006

Uragano Basilea 2. Siamo infatti alle porte una rivoluzione nei rapporti tra banche ed imprese, che porterà risparmi, flessibilità e trasparenza: ma non tutto andrà proprio come in una favola.
Cominciamo dalle cose positive: il nuovo accordo sul capitale di Basilea 2 sui requisiti minimi patrimoniali delle banche avrà un impatto positivo sul sistema bancario Ue con un risparmio di capitale stimato nell'ordine del 5,3% circa, cioè tra gli 80 e i 100 miliardi di euro (studio PriceWatherhouseCoopers su incarico della Commissione europea). Sfatando un luogo comune, lo studio PwC mostra come questa rivoluzione, ormai alle porte, avvantaggerà soprattutto il sistema delle piccole e medie imprese: dove il risparmio medio di capitale per le banche è stato stimato pari al 10,99%. Nel dettaglio, per le aziende con un fatturato sotto i 5 milioni di euro sarà dell'8,29% con un approccio standard, del 12,16% con un approccio intermedio e del 10,88% con un approccio avanzato. Ma questo risparmio le imprese se lo dovranno guadagnare. Come? Investendo. E' questa la ricetta, il consiglio, la strada, che indica l'Aicib - Associazione Italiana Corporate & Investment Banking, nata in collaborazione con l'Università Cattolica. L'associazione, come nello stesso modo da mesi stanno facendo le associazioni di categoria, gira le province italiane e mette insieme allo stesso tavolo banche e imprese, consulenti finanziari e imprenditori, soprattutto i piccoli, per aiutarli ad attrezzarsi al futuro che sta arrivando. Le imprese finora si sono rivolte, per le consulenze al commercialista, per i prestiti alle banche. Secondo l'Aicib tutto questo cambierà velocemente, dopo Basilea 2.
Ed ora passiamo alle note dolenti; secondo gli addetti siamo di fronte ad una rivoluzione non di conti (anche se Basilea tratta di questo, anche) ma di mentalità: un vero e proprio passaggio culturale, dove, come si sa, a dover cambiare non sono tanto le procedure (anche quelle), quanto le teste. «Non è più tempo di distretti industriali e piccole aziende familiari anche se sono ancora oggi la spina dorsale del paese, con circa il 90% - ricorda Clara De Braud, studiosa dell'Università di Cattolica e segretario dell'Aicb - ma sono tempi internazionali, di globalizzazione dove occorre una preparazione e una cultura finanziaria più complessa». Dopo Basilea 2 le banche possono e vogliono diventare per l'imprenditore proprio il filtro, l'appoggio, il mediatore in questa nuova finanza accessibile a tutti, e per certi versi obbligata. Sarà la banca probabilmente, e non più il ragioniere, a fornire notizie su fondi e trust, strumenti finanziari calibrati anche per la piccolissima impresa. «Le banche classificheranno i loro clienti e le imprese secondo dei nuovi parametri: non conterà più il modello 'impresa povera, imprenditore ricco'» prosegue De Braud. «Le ville, le barche, i patrimoni delle famiglie non varranno più da garanzia, ma dovrà essere l'impresa stessa ad essere trasparente e solida, e per questo i capitali sociali andranno aumentati decisamente». Da parte degli imprenditori si richiede uno sforzo anche tecnologico: «dovranno dotarsi di un software per avere una contabilità informatizzata e soprattutto un rapporto telematico con la banca». «Il sistema interbancario - spiega ancora la dottoressa De Braud - è un software di cui non potranno più fare a meno gli imprenditori, per tenere la contabilità analitica: ma non costa, tra quelli in commercio, più di 5-6000 euro, un investimento ragionevole». A fronte di tanto impegno ci saranno dei risparmi immediati? «Si, se saranno in grado di fare ordine nella loro gestione e rendersi credibili alla banca, e allora il costo del denaro che pagheranno dipenderà da come hanno fatto ordine, se l'impresa si sistema pagherà il denaro poco, altrimenti molto, perché la banca si trincererà dietro tassi più alti» conclude.
I due temi su cui le imprese non più arretrate sono l'organizzazione e la finanza: e proprio su questi temi la banca si propone di essere diversa, collaborativa, solidale. Però da una ricerca, ancora inedita e ancora parziale, della Aibic, è emerso che le imprese percepiscono come troppo alti i prezzi per i prodotti finanziari delle banche: inoltre la ricerca ha evidenziato che le imprese lavorano in media con 7 banche, un comportamento che con l'avvento di Basilea2 dovrà forzatamente cambiare, riducendo i canali. Per le imprese gli argomenti sensibili sono: chiarezza sull'offerta dei prodotti e competenza dell'interlocutore. Ad esempio la conoscenza dei prodotti/servizi Ava, poiché spesso gli imprenditori delle piccole aziende non li distinguono da prodotti normali, confondendo la consulenza con il lending e pensandola compresa nel prezzo.
Nel kit di sopravvivenza a Basilea 2 gli esperti raccomandano sette categorie: occorre predisporre un triennio di bilanci riclassificati, sistemi di indicatori che "raccontino" come si sono andate evolvendo la solidità aziendale, la redditività, lo sviluppo e la liquidità. Terzo: costruire un prospetto delle entrate e uscite finanziarie, ma soprattutto monetarie (budget di tesoreria, rolling). Quarto ci vuole una mappa della propria azienda rispetto ai concorrenti. Quinto: propri punti di forza (massimo tre) e di debolezza (massimo tre) rispetto al concorrente più pericoloso e indicazione di come si intende irrobustire i primi e ridurre i secondi. Sesto: mappa dei rapporti creditizi in essere con le banche ed ultima una strategia, che sia di sviluppo o no. Per questa non c'è banca che tenga: ci vogliono le idee.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Sedata la crisi d'impresa
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Cassa mutua per i professionisti
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Una società è responsabile?
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
ISA 2018, le modifiche
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)