Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

La malattia incurabile del rating
di Richard Portes
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 11 febbraio 2008

Le turbolenze sui mercati finanziari hanno messo sotto accusa le agenzie di rating. Pochi giorni fa, i ministri finanziari di Regno Unito, Francia, Germania e Italia hanno discusso del rafforzamento dei sistemi di regolamentazione dei mercati. Problemi con le agenzie di rating esistono, ma molti dei rimedi proposti sono altrettanto problematici. Le società di rating esistono per affrontare i problemi di informazione asimmetrica. I manager delle aziende o i governo possono cercare di trarre in inganno gli investitori. La richiesta di un rating può limitare il rischio per gli investitori e i gestori. Le agenzie aiutano a superare la mancanza di informazioni sulle variabili che determinano la solvibilità di chi si indebita, così come gli auditor, gli analisti e i giornalisti. Hanno però ritorni più elevati per i loro servizi e conflitti di interesse più acuti.
Esistono poche agenzie di rating, in parte a causa degli effetti di rete, poiché gli investitori chiedono una coerenza dei rating tra chi li propone. Ma il monopolio naturale è rafforzato dalla dipendenza dei regolatori dai rating, come formalizzato nella National Recognized Statistical Rating Organization, creata negli Usa a metà anni 70, e dalle regole di Basilea 2. A un'ampia fascia di investitori si chiede di non detenere titoli il cui rating sia al di sotto di una certa classe e i rating influenzano la valutazione di rischio delle banche. Ma c'è un conflitto di interessi nel caso di investimenti finanziari strutturati, in quanto un'agenzia può in un primo momento dare consigli all'emittente su come costruire un titolo in considerazione del rating del titolo stesso e poi pubblicare un rating che conferma i consigli, guadagnandoci due onorari. Il problema si è ampliato: il 44% dei guadagni di Moody's nel 2006 è arrivato dalle attività nella finanza strutturata. Inoltre, esiste un problema di (in)compatibilità negli incentivi: chi emette il titolo paga per il rating e può guardarsi intorno per ottenere un rating favorevole, mentre l'agenzia può essere incline a ricompensarlo per essere stata scelta.
I dati delle agenzie e i loro modelli sono sospetti. Nell'assegnare un rating ai titoli garantiti da mutui immobiliari che implicavano mutui subprime, le agenzie hanno utilizzato dati basati su un lungo periodo di prezzi degli immobili in rapida crescita.
Attribuire un rating a strumenti finanziari strutturati sulla base di simulazioni può non essere utile quando i mercati diventano turbolenti, i rischi di correlazione eccedono i parametri dei modelli, e i modelli non funzionano più. E' inappropriato usare lo stesso metro per valutare il rischio sovrano, il rischio sui corporate bond o strumenti complessi come le obbligazioni di debito con collaterale. In ciascun contesto, il rating riflette la stima dell'agenzia sulla probabilità di fallimento in un dato periodo: niente di più. Non prende in considerazione, per esempio, la possibilità che il mercato divenga illiquido. Né il tasso di recupero se il titolo non viene rimborsato.
Ancor più importante il fatto che una letteratura significativa mostri come le agenzie non aggiungano valore: la qualità dell'informazione che forniscono spesso non è migliore di quella che un buon analista può ricavare dai dati disponibili a tutti. Studi dettagliati gettano dubbi sulla loro capacità di giudicare la qualità del credito meglio delle misure basate sugli spread di mercato o di prevedere cambiamenti. Le informazioni che le agenzie forniscono hanno chiare caratteristiche di bene pubblico. Non a caso fino ai primi anni Settanta erano gli utilizzatori a pagare il rating, attraverso un abbonamento. E' un aspetto che giustifica sotto il profilo dell'efficienza la concentrazione di mercato: si elimina la duplicazione degli sforzi nel produrre informazione che sarà disponibile per tutti.
Le agenzie non accettano una responsabilità per i rating. Sono riuscite a mantenere l'immunità di fronte alle accuse di condotta disonesta, sulla base del fatto che sono in effetti giornalisti finanziari che pubblicano le loro opinioni, protette dalla libertà di parola. Che Moody's sia più redditizio del Financial Times può suggerire che le agenzie stiano sfruttando qualche rendita. Oltre ai ritorni sul loro capitale di reputazione, ciò che sostengono di vendere le agenzie è la licenza di regolazione conferita loro dal ruolo che hanno nel regime regolatorio. Non è questo status che rende le loro parole assai diverse da quelle pronunciate da un analista o da un commentatore?
Accademici e politici hanno preso in considerazione diverse possibili soluzioni, dalla nazionalizzazione delle agenzie all'abolizione del riconoscimento dei rating.
I funzionari suggeriscono il ricorso a un codice di condotta volontario, perché gli operatori del mercato farebbero campagna contro provvedimenti più forti. L'International Organization of Securities Commissions ha promulgato un codice di condotta alla fine del 2004, ma il codice non ha denti per mordere. I codici volontari non risolvono i problemi.
C'è chi sostiene che i beni pubblici devono avere un finanziamento pubblico. Ma una nazionalizzazione delle agenzie comporta alcuni pericoli. Un'alternativa potrebbe essere il ritorno agli abbonamenti: una imposta sugli utilizzatori, gli investitori. Alcuni osservatori ritengono utile la standardizzazione dei rating. Se questo significa l'utilizzo della stessa notazione per una data probabilità di fallimento, è una banalità: chiunque può convertire il rating di Moody's in un rating di S&P.
Se significa standardizzare i modelli di valutazione, vuol dire eliminare la concorrenza, non del tutto perché le agenzie potrebbero introdurre dati diversi in uno stesso modello, ma allora si vorrebbe sapere perché i dati differiscono.
I regolatori potrebbero chiedere alle agenzie di dare più informazioni di un semplice rating: un giudizio sulle caratteristiche di liquidità dello strumento, o della probabile volatilità del suo prezzo di mercato. Ma le agenzie non sembrano equipaggiate per farlo. I problemi di analisi sono ardui. La letteratura sul rischio di liquidità e sul rischio di mercato dà scarse indicazioni. E le condizioni sottostanti cambiano in modo più rapido dei fondamentali che governano il rischio di fallimento, cosicché i rating dovrebbero essere aggiustati con maggior frequenza. E questo potrebbe confondere gli investitori e aumentare la volatilità.
Tuttavia, le agenzie potrebbero fornire un intervallo di rischio per ciascun strumento invece di una stima puntuale. Oppure potrebbero sviluppare una scala di rating distinta per i prodotti finanziari strutturati. Qualcuno ha proposto di introdurre una responsabilità legale per negligenza o illeciti, ma ciò comporterebbe la scomparsa delle agenzie: le cause finirebbero per portarle al fallimento. La separazione tra rating e consulenza sembra auspicabile. Ma costringere le agenzie a rinunciare a consulenze remunerative è difficile. Dovrebbe esserci più concorrenza tra agenzie, nuovi protagonisti. Alcune caratteristiche di quest'industria la rendono un monopolio naturale. Con un maggior numero di agenzie potremmo assistere a una corsa al ribasso perché gli emittenti cercherebbero l'agenzia che assegna il rating più favorevole: alcuni osservatori hanno riferito che le banche di investimento hanno cercato l'agenzia che offriva i rating più alti nella cartolarizzazione dei mutui subprime.
I regolatori potrebbero sostituire i rating con le valutazioni di mercato, per esempio gli spread? Le agenzie sostengono che sono troppo volatili, ma si potrebbe utilizzarli come media mobile perequata. Ancor più importante è il fatto che molti titoli non hanno mercato: sono acquistati da investitori "compra e metti in cassaforte". Molti altri non sono liquidi.
Alcuni propendono per l'eliminazione della licenza con l'abolizione del riconoscimento, così il rating non avrebbe alcuno status ufficiale. D'altra parte, aumenterebbe il peso sui regolatori, che però con maggiori fondi a disposizione potrebbero assumere personale. La proposta eliminerebbe il ruolo dei rating nel sistema di Basilea 2: dopo tutti gli sforzi che vi hanno profuso, i regolatori e le agenzie hanno forti interessi in quella regolamentazione.
Forse le recenti esperienze daranno la forza necessaria a superare gli ostacoli politici e quelli frapposti dai gruppi di interesse ad alcune delle proposte più interessanti: senza cambiamenti di policy, i problemi strutturali rimarranno certamente.

Il testo integrale su www.lavoce.info e in inglese su www.VoxEu.org.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Lo stage è sempre retribuito?
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Come creare start up innovative
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Consulenti e revisori insieme
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Più tempo per la formazione
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)