Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

La gestione dei rischi al centro dell'accordo internazionale
di I. B.
Il Sole 24 Ore
Sabato 9 dicembre 2006

1. Che cos'è Basilea 2?
E' il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche che sostituirà Basilea 1. Propone un nuovo sistema di misurazione dei rischi. Resta invariata la definizione di patrimonio di vigilanza e il requisito di accantonamento dell'8% delle attività creditizie ponderate in base al rischio. Cambia il metodo della ponderazione.
2. In cosa consiste il nuovo accordo di Basilea 2?
Basilea2 si articola in tre cosiddetti "Pilastri". Il primo pilastro riguarda i requisiti patrimoniali minimi: ovvero le regole per la quantificazione del capitale minimo a fronte dei rischi di credito, di mercato e operativi. Il secondo pilastro è legato al processo di controllo prudenziale: si tratta dei criteri che regolano il rapporto tra banche e autorità di vigilanza per garantire un'appropriata gestione dei rischi diversi da quelli del primo pilastro (concentrazione, liquidità, ecc.) anche con un eventuale aggiunta di capitale. Il terzo pilastro si occupa della disciplina di mercato: richiede la diffusione da parte delle banche di informazioni sui propri livelli patrimoniali, sui rischi assunti e sulla relativa gestione.
3. Perchè Basilea 2 inizierà nel 2008 e non nel 2007 come nelle attese? Perchè questo rinvio? E che implicazioni avrà sulle banche e sulle imprese? La direttiva su Basilea2 entra in vigore il primo gennaio 2007: entro quella data sarà recepita dalla legge italiana e tradotta in un set di regole a firma della Banca d'Italia. La direttiva stessa prevede un periodo di transizione che rinvia di un anno il calcolo dei requisiti patrimoniali minimi in base alle nuove metodologie: questo slittamento mette tutte le banche sullo stesso piano di gioco, evitando di penalizzare i ritardatari o i primi della classe. Nel corso del 2007 le banche comunque inizieranno a sperimentare il nuovo sistema di calcolo: per questo i debitori delle banche potrebbero iniziare ad avvertire il cambiamento già dal prossimo anno.
4. Che cosa sono i rischi di credito, i rischi di mercato e i rischi operativi che entrano nel primo pilastro di Basilea 2?
Il rischio di credito è il rischio delle perdite derivanti dall'insolvenza del debitore. Il rischio di mercato riguarda le fluttuazioni dei tassi d'interesse, di cambio, i prezzi delle azioni e delle merci. Il rischio operativo si occupa delle perdite derivanti dall'inadeguatezza dei sistemi di controllo interni: è causato da risorse umane, tecnologia e sistemi informatici, i processi dei controlli interni, errori di modelli, di registrazione, documentazione, contabilizzazione (incluso il rischio legale ma escluso quello reputazionale).
5. Qual è una delle principali differenze tra Basilea 1 e Basilea 2 nella misurazione del rischio di credito?
L'accordo Basilea 1 prevede quattro fasce di ponderazione del rischio di credito (0%, 20%, 50%, 100%) legate a macrocategorie di esposizioni e di debitori (Stati sovrani, crediti verso banche Ocse, crediti verso le imprese private ecc.). Esempio: crediti per 1.000 euro, coefficiente di ponderazione 100%, attivo ponderato 1.000 euro, coefficiente patrimoniale 8%, requisito minimo di capitale pari a 80 euro. Basilea 2 è molto più articolata perchè tiene conto della capacità della banca di gestire i rischi. E introduce nuovi tipi di rischi come quello operativo.
6. Quali sono le nuove metodologie introdotte da Basilea 2 per la determinazione dei requisiti patrimoniali relativi al merito di credito?
Basilea 2 consente alle banche di adottare due metodologie, una alternativa all'altra. Il metodo standardizzato, che utilizza i rating esterni e dunque i voti assegnati dalle agenzie di rating. Oppure il metodo IRB (Internal rating based approach) che si basa sull'utilizzo di rating interni assegnati dalle banche.
7. In cosa consiste il metodo standardizzato?
Questo metodo, meglio conosciuto come standardized approach, segue il seguente schema: classi di crediti individuate dalle autorità di vigilanza; rating esterni calcolati dalle agenzie di rating riconosciute dalle autorità di vigilanza; coefficienti di ponderazione determinati dalle autorità di vigilanza.
8. E come funziona il sistema del rating interno?
L'IRB (Internal rating based approach) è suddiviso a sua volta in due sottocategorie: il metodo base (foundation approach) e il metodo avanzato (advanced approach). Le banche che intendono utilizzare il rating interno dovranno ottenere dalla Banca d'Italia un'autorizzazione sul modello adottato che tiene conto delle seguenti variabili: classi di rating interno e probabilità di insolvenza vengono calcolate dalle banche. La perdita in caso di insolvenza, l'esposizione al momento dell'insolvenza e la scadenza residua (o maturity) si basano su stime fornite dalla banca centrale nel caso del metodo base oppure vengono stimate internamente dalle banche nel caso del metodo avanzato.
9. Esiste una metodologia più favorevole alle imprese?
Le prime stime sul possibile impatto di Basilea 2 sui bilanci delle banche prevedono che una parte del capitale già accantonato verrà liberato e che quindi vi sarà più liquidità sul mercato. Questo non significa però che automaticamente il denaro sarà meno caro. Secondo i pronostici di esperti e studiosi del settore, il metodo standardizzato è tra tutti quello più simile a Basilea 1. Consiste nell'utilizzo dei rating delle agenzie: le imprese "unrated" mantengono il coefficiente attuale al 100%. Il metodo avanzato (rating interno) potrebbe migliorare le condizioni del credito per i debitori più affidabili ma peggiorare quelle per i debitori con standing creditizio basso e bassissimo.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Responsabilità amministratori e riforma della crisi d'impresa
Codice della crisi d'impresa: le modifiche al codice civile...
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Una bomba a orologeria contro gli amministratori
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Start up a caccia di «angeli» capaci di innovare: la...
ReportCalcio 2019 della Figc
Riforma diritto fallimentare. Istituzione dell'organo di...
Quando serve la Scia?
Come provare un contratto verbale
Come creare una start up
Aprire partita Iva, quali sono i costi?
Crisi d'impresa, la riforma in 7 volumi
Remote working: 4 aspetti positivi del lavorare da casa
Srl, in ordine sparso sui collegi
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Come creare start up innovative
Nelle imprese c'è posto per 193mila super-tecnici. Ma uno...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Il calcio perdona l'insensibilità verso il razzismo
Se divento socio di una snc rispondo dei debiti anteriori?
Come investire i risparmi senza rischi
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
«Per le imprese sane rischi limitati: le banche fanno la fila...
Calcio europeo, alta finanza all'assalto per dividersi una...
Dal Vice Presidente del Parlamento UE diretto sostegno ai...
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
OIC 11 - Finalità e postulati del bilancio d'esercizio...
Una società di capitali può essere nominata...
Categorie al fotofinish sul Gdpr
Consulenti e revisori insieme
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Più tempo per la formazione
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)