Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
di Luca Davi
Il Sole 24 Ore
Domenica 20 agosto 2017

Fino ad oggi adottati (per indisponibilità di dati e motivi di costo) solo dalle più grandi banche italiane, ora i modelli interni potrebbero essere applicati anche da un pool di banche medie. Con potenziali vantaggi in termini di minori accantonamenti e quindi di risparmio sul capitale. È questo il progetto comune a cui stanno lavorando Banca Popolare di Bari, Banco Desio, CariBolzano e Cassa di risparmio di Asti. I quattro istituti hanno aperto un cantiere comune con l'obiettivo di dotarsi di un sistema di modelli interni di pool con cui superare l'attuale approccio standard. La soluzione, studiata da Kpmg, permette di sfruttare le sinergie derivanti dall'utilizzo della piattaforma comune Cedacri, alla quale le banche sono associate. «In questa maniera - spiega Giovanni Pepe, partner Kpmg Advisory - le banche possono allinearsi alle prassi dei grandi istituti in termini di quantificazione dei rischi e di politiche di erogazione del credito, anche in vista dei nuovi principi contabili Ifrs 9». Inoltre, l'utilizzo dei modelli interni ai fini della quantificazione del capitale pone le banche italiane di media dimensione sullo stesso piano di quelle più grandi, ed in generale delle altre banche europee per le quali l'impiego dei modelli interni è molto più frequente di quanto avvenga in Italia.
Il progetto nelle sue linee guida è stato già presentato a Banca d'Italia, cui toccherà anche la validazione finale dello schema nel rispetto delle indicazioni Bce. Le tempistiche non sono immediate (l'orizzonte temporale per l'ok della Vigilanza è nei prossimo biennio), anche perché le banche dovranno dotarsi di strutture interne adeguate a governare il rischio, ma è evidente che così facendo le quattro banche mettono il primo tassello fondamentale di un piano che può dare un contributo importante ai fini del rafforzamento patrimoniale. Nell'ipotesi di una piena adozione dei modelli su tutti i segmenti di portafoglio crediti, la validazione potrebbe far ridurre i risk weighted asset del 20% circa, con impatti significativi sul Cet 1 ratio. Risultati che sarebbero in linea con quelli delle banche già validate, gruppo formato da istituti del calibro di Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banco-Bpm, Mps, Bper e Credem. Non è escluso peraltro che altre banche medie entrino nel progetto in una seconda fase.
A consentire l'utilizzo di dati aggregati o esterni per la quantificazione del rischio del resto è l'Eba e la stessa Crr. Ma a suggerirlo è anche la pratica. In Germania diverse banche di medie dimensioni hanno avuto il disco verde dall'Autorità nazionale a utilizzare i modelli sviluppati da società esterne. A beneficiare dell'iniziativa sono in particolare sono alcune Landesbanken e Sparkassen che, nonostante la limitatezza della dimensione e delle capacità di spesa, sono riuscite a rientrare nell'ampia fetta di banche autorizzate all'uso dei sistemi Irb ai fini regolamentari.
La questione dei modelli interni è tecnica, ma l'effetto è tutt'altro che marginale. Grazie all'adozione di questi schemi di valutazione - che sono disegnati "su misura" e sulla storia dell'effettiva rischiosità dei singoli istituti - le banche possono essere più efficienti nella valutazione dei portafogli. Minori sono gli accantonamenti sui crediti, maggiore è il capitale a disposizione. Non proprio un dettaglio, in una fase storica in cui le banche devono far fronte a richieste patrimoniali sempre più stringenti. E a confermare quanto il tema dei modelli di rating sia oramai strategico, basti pensare che sulla questione si sta giocando una partita su scala globale. Nell'ambito della revisione di Basilea 3, le banche Usa premono sull'Europa per porre una limitazione al beneficio che i modelli interni, prevalenti tra le banche del Vecchio Continente, hanno rispetto a quelli standard, più comuni oltre Oceano. Il tutto mentre proprio in Europa la Bce è nel pieno del processo di revisione dei modelli avanzati nell'ambito del cosiddetto Trim (Target review of internal models). Obiettivo: armonizzare le singole prassi e superare le significative difformità nel calcolo degli attivi ponderati a rischio (Rwa) che si registrano tra i diversi paesi.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Sedata la crisi d'impresa
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Cassa mutua per i professionisti
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Una società è responsabile?
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
ISA 2018, le modifiche
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)