Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.062
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Imprese, rating a rischio
di Claudio Pasqualetto
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 28 dicembre 2005

Lo spostamento è lento, appesantito anche da una difficile congiuntura, ma le aziende italiane cominciano a "ripulirsi" da storiche situazioni di precarietà finanziaria. Aumentano quelle in grado di conquistare un rating positivo e parallelamente crescono anche le distressed, a conferma che il mercato tende a fare pulizia. Il lato emerge con evidenza dall'analisi annuale di Eu-Ra, società di rating costituita da docenti delle Università di Trieste ed Udine e partecipata da Banca Generali, delle finanziarie regionali del Friuli Venezia Giulia e della Sardegna e da alcuni istituti di credito. «Quest'anno - anticipa il prof. Maurizio Fanni, presidente di Eu-Ra - abbiamo esaminato i bilanci 2004 di quasi 116.000 società di capitali obbligate in quanto tali a presentare in Camera di Commercio il documento contabile. Un miglioramento c'è stato rispetto ad un 2003 negativo, ma non sono ancora stati raggiunti i livelli del 2002, segno che la crisi di questi ultimi due anni ha lasciato il segno».
Il numero delle imprese investment grade sale dell'1,15% ma c'è un aumento anche delle distressed dello 0,49%. Preoccupa il fatto che nelle previsioni 2005 questo trend sostanzialmente positivo sembri destinato a subire una battuta d'arresto, ma il 2006 dovrebbe portare un recupero in termini di solvibilità delle imprese su valori quantomeno analoghi al 2004, destinato a segnare un primo consolidamento di una ripresa che si presume prosegua negli esercizi futuri.
Complessivamente le imprese giudicate sicuramente affidabili in base ai bilanci presentati sono passate dal 21,22% del 2002 al 19,15% del 2003, al 20,30 del 2004.
La progressione parte dal 64,78 per approdare ad un 65,13% per le non investement grade e sale da 14 al 14,58% per le distressed. «Come evidenziato da molte analisi - osserva Fanni - le imprese più piccole sono quelle maggiormente a rischio: solo il 9,68% delle aziende fino ad un milione di fatturato è nelle classi alte di rating. Il segmento subito superiore, che è anche il più numeroso, fino a 5 milioni di fatturato, vede emergere con maggior chiarezza la tendenza alla "pulizia": leggera crescita per le affidabili, stabilità per le non investement grade, aumento dell'1,3% di quelle con criticità. Salendo nel fatturato aumenta anche la tendenza ad una migrazione verso rating più affidabili, con un significativo +2,85% nella classe fino a 50 milioni, mentre con fatturati ancora maggiori la solvibilità diventa quasi un obbligo e le investement grade salgono al 28,03%, mentre le distressed precipitano al 6,37%».
Nella classifica per regioni il Lazio conta il maggior numero di imprese da considerare a rischio: il 18,05%; seguono le Marche al 17,45% ed il Molise al 16,74%. Chi vanta il tasso più alto di affidabilità è invece il Trentino Aldo Adige con il 25,39% delle imprese, seguito da Lombardia al 23, 37% e dal Piemonte al 22,54%.
Quanto ai settori la maggiore stabilità si trova fra le multiutilities, dove il 33,36% delle aziende raggiunge i livelli più alti di affidabilità, seguono i servizi alla pubblica amministrazione con il 29,41% e la chimica e gomma al 29,16 e la metallurgia al 27,38. Quegli stessi servizi alla pubblica amministrazione che raggiungevano il secondo posto in affidabilità conquistando anche il primo posto fra le distressed, seguiti da Poste e telecomunicazioni, trasporti e spedizioni, servizi di intrattenimento e commercio al dettaglio.
«La contraddizione è solo apparente - commenta Fanni - in realtà evidenzia proprio quel processo in atto di consolidamento di un nucleo importante di imprese forti e di una parallela emarginazione dal mercato delle aziende meno strutturate».
«La nostra analisi - conclude il presidente di Eu-Ra - è ovviamente solo tecnica e quantitativa, visto che si basa sui dati ufficiali di bilancio e non tiene conto di variabili qualitative come la creatività, le idee, il management. Va però considerato che nel giudizio complessivo, oggi, questa analisi tecnica vale complessivamente un buon 60%; la valutazione qualitativa può oscillare fra il 10 ed il 12%, il resto sta nel giudizio diretto della banca, quando questo è possibile, ai fini dell'applicazione dei criteri di Basilea 2».

* * *

Aumenta il rischio di default
Probabilità di default attualizzata

Grado di rischiosità delle imprese in Italia

Rating 2002 2003 2004
Investment grade (%) 21,22 19,15 20,20
Non investment grade (%) 64,78 66,76 65,13
Distressed (%) 14,00 14,09 14,58
Fonte: Eu-Ra

Il Rating per regione

Regione Invest.
grade
(%)
Non invest.
grade
(%)
Distressed
(%)
Trentino Alto Adige 25,39 59,54 15,07
Lombardia 23,37 62,63 14,00
Piemonte 22,54 65,25 12,21
Liguria 22,02 63,69 14,29
Emilia Romagna 21,97 62,44 15,59
Valle d'Aosta 21,74 63,04 15,22
Veneto 20,53 65,66 13,81
Friuli Venezia Giulia 20,08 66,56 13,36
Toscana 18,84 67,08 14,07
Marche 18,09 64,46 17,45
Abruzzo 17,50 66,56 15,94
Lazio 15,64 66,32 18,05
Sardegna 14,76 70,17 15,08
Campania 14,75 71,98 13,27
Umbria 14,52 69,23 16,25
Puglia 14,05 70,53 15,42
Sicilia 13,85 71,57 14,58
Basilicata 13,66 71,58 14,75
Calabria 11,63 74,27 14,09
Molise 9,69 73,57 16,74
Fonte: Eu-Ra

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quinto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Allerta «licenziamento» per 50mila revisori nelle Srl
Nella srl si può nominare il sindaco senza sottoporre la...
Eurobond o Coronabond: cosa sono e differenze con il MES
Rischio insolvenze per 45 miliardi
Relazione unitaria dei sindaci-revisori con vista sugli effetti...
Adeguatezza degli assetti organizzativi fuori dal rinvio...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Crisi d'impresa al primo test per sindaci e revisori
ReportCalcio 2019 della Figc
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Riforma diritto fallimentare. Istituzione dell'organo di...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Srl, in ordine sparso sui collegi
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Nelle imprese c'è posto per 193mila super-tecnici. Ma uno...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
La rappresentazione in bilancio delle commesse pluriennali
Come investire i risparmi senza rischi
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Una spinta a Pir e venture capital
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Società in house un ibrido mal riuscito
Amore e passione in ufficio per un lavoratore su due
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)