Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Imprese al lavoro per stare nel rating
di Marco Ferrando
Il Sole 24 Ore - Nord Ovest
Mercoledì 25 ottobre 2006

La grande paura è passata. All'entrata in vigore di Basilea 2 mancano poco più di due mesi e il Nord-Ovest si avvicina al D-day senza particolari angosce: l'accordo ormai non preoccupa più le banche, che negli ultimi tre anni hanno imparato a familiarizzare con i nuovi parametri di valutazione del rischio, né crea particolare agitazione tra le imprese le quali, dopo gli spauracchi iniziali, hanno compreso che gli effetti dell'accordo sul credito saranno limitati sia nel numero che nell'entità.
D'altronde gli impieghi continuano a crescere e le aziende destinate a uscire malconce dalla radiografia dei sistemi di internal rating sono poche, pochissime. Una recente indagine a campione condotta da Unioncamere rivela che - applicando i criteri di Basilea 2 - nel Nord-Ovest il 3,8% delle imprese si troverebbe in situazione di default (che, conformemente ai criteri dell'accordo, equivale per esempio alla presenza di finanziamenti in sofferenza). E' una quota superiore al Nord-Est (2,8%) ma inferiore al resto d'Italia - al centro è al 4,2%, tra Sud e isole raggiunge il 4,4% - e comunque alla media nazionale, che si colloca al 3,9 per cento.
Al momento la situazione pare dunque sotto controllo e l'immediato futuro non sembra riservare brutte sorprese.
Unioncamere ha pure passato al vaglio la probabilità di default nei prossimi 12 mesi e, ancora una volta, il Nord-Ovest se la cava piuttosto bene: il 4,1% delle imprese è in una situazione di rischiosità elevata (equivalente a una probabilità di default pari o superiore al 12%); il 25,1% viene definito vulnerabile (probabilità di default compresa tra il 2,6 e il 4%); il 70,2% è fotografato in una condizione di solvibilità.
Anche in questo caso, il Nord-Ovest registra una maggiore debolezza rispetto al Nord-Est (dove l'87,9% è solvibile e appena il 3,8 si trova in condizioni di rischiosità elevata), ma si pone più in su della media nazionale, che relega nella classe di maggior rischio il 4,7% delle imprese.
«Il clima è positivo, sia tra le aziende che negli istituti di credito», assicura Marina Tabacco, presidente della commissione regionale Abi del Piemonte. «Le banche - riporta - hanno gradualmente adottato nuovi criteri di rating interno, più o meno informatizzati. Le imprese, invece, hanno maturato nel tempo la consapevolezza che Basilea 2 è una chance più che un problema: per un numero ridottissimo di aziende cambieranno le condizioni di erogazione del credito, per tutte è arrivata un'occasione concreta per migliorare i rapporti con la propria banca».
Un discorso analogo «vale - aggiunge la presidente - per i professionisti: la scadenza ci ha avvicinati tutti quanti».
Concorda Pietro Terna, segretario di Confindustria Piemonte: «Le imprese hanno compreso che Basilea 2 non corrisponde a un cambiamento improvviso, anche se impone una crescente consapevolezza della necessità di darsi un assetto di capitale e operativo adatto ad acquisire un rating adeguato». Anche se la strada è ancora lunga, ammonisce Terna: «Lo sforzo di questi anni deve proseguire, con l'adozione di sistemi di reporting e controllo, la maggior accuratezza dei bilanci, l'apporto di capitali freschi».
Analogo discorso per la Liguria, con Giuseppe Caruso di Confindustria Genova che ricorda come «farsi trovare impreparati a questo punto sarebbe davvero paradossale».
Piuttosto, Basilea 2 si è trasformato «in un'occasione per ragionare con calma e cognizione di causa su tutti i temi che ruotano intorno alla finanza d'impresa» non a caso, dopo aver lanciato un anno fa un servizio di check up al bilancio (60 le imprese che vi hanno aderito) proprio in queste settimane l'associazione degli industriali sta lanciando una raffica di iniziative tematiche, «da Club Finanza, una serie di incontri a tema che si svolgono tutti i secondi giovedì del mese - racconta Caruso - fino a un vero e proprio servizio di help desk sui derivati».

* * *

Dalle origini

La firma nel 2001
Siglato nel 2001, l'accordo di Basilea 2 entrerà in vigore il 1° gennaio 2007, al termine del periodo transitorio di tre anni, apertosi nel 2004.
L'obiettivo perseguito attraverso l'accordo dal Comitato di Basilea (istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche centrali dei Paesi maggiormente industrializzati) è prevenire e arginare il rischio di fallimento delle banche attraverso l'adozione di una politica economica e finanziaria comune.
I tre principi fondamentali alla base dell'accordo
Il primo principio stabilisce requisiti patrimoniali minimi per gli istituti di credito e viene stabilita la percentuale di capitale minimo che dev'essere detenuto dalle banche in funzione del rischio complessivamente assunto (rischio operativo, di mercato e di credito).
Le banche potranno utilizzare metodologie diverse di calcolo dei requisiti: quelle più avanzate sono veri e propri sistemi di internal rating.
Il secondo principio introduce un processo di controllo prudenziale, "inteso non solo a garantire che le banche dispongano di un capitale adeguato a sostenere tutti i rischi connessi con la loro attività, ma anche a incoraggiarle nell'elaborazione e nell'uso di tecniche migliori per monitorare e gestire tali rischi".
In pratica, viene stabilito che il controllo prudenziale va effettuato dagli Istituti di vigilanza; vengono inoltre stabilite le responsabilità degli stessi istituti e gli standard di riferimento ai fini del controllo.
Il terzo principio formula una specifica disciplina di mercato ovvero definisce i livelli minimi di informazione che ogni banca soggetta agli obblighi derivanti da Basilea 2 deve fornire al mercato su patrimonio di vigilanza, esposizione ai rischi, processi di valutazione dei rischi e ambito di applicazione.

Per ulteriori informazioni:
www.bis.org

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il commercialista Arlecchino servitore di due padroni
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Codice della crisi, i benefici superano i costi
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Amministratori di società: la responsabilità diventa illimitata
ReportCalcio 2019 della Figc
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Quattro errori dei manager che fanno fallire le aziende
Riforma diritto fallimentare. Istituzione dell'organo di...
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Fatture elettroniche: come si annullano?
Quando serve la Scia?
Come creare una start up
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Mifid II, le opportunità per il private banking
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Indice di allerta nelle crisi di impresa: esiste, funziona...
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
Una società di capitali può essere nominata...
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)