Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.980
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

L'importanza di dotarsi di un sistema di controllo di gestione
Claudio Cautiero
Settembre 2019

Pubblicato sul sito www.linkedin.com in data 3 settembre 2019.

* * *

L'entrata in vigore del Codice della Crisi - con specifico riferimento agli art. 375 e 371- ha determinato la necessità, per le aziende con date caratteristiche, di dotarsi di un adeguato assetto organizzativo tra cui quello di implementare un sistema di monitoraggio e predittivo dell'equilibrio economico finanziario da cui derivarne l'andamento della gestione corrente e prospettica.
Nell'attività svolta come consulente, quello che costituiva un tentativo di approccio e coinvolgimento dell'imprenditore all'utilizzo, in azienda, di un sistema di controllo di gestione interno - sebbene svolto esternalizzando il relativo servizio delegandolo a soggetti terzi - ora costituisce un obbligo ma tale non deve essere concepito nella coscienza imprenditoriale di chi governa l'azienda in termini direttivi.
Al fine di diffondere nel modo più efficace detta cultura imprenditoriale e concependo l'attività in questione come necessaria, fondamentale ed essenziale, nel processo di gestione d'azienda, mi adoperai, circa sei anni fa, a concepire uno strumento di controllo che potesse essere applicato in modo standardizzato (per quanto possibile) alle Pmi, attraverso cui desumere quelle informazioni rilevanti per la relativa attività, accompagnata da adeguata reportistica a supporto che spiegasse in modo chiaro e semplice - sebbene con l'introduzione di concetti manageriali affinché l'imprenditore ne facesse propri - quale era la reale performance dell'azienda e quale, in base all'andamento dei principali margini ed indicatori, il possibile scenario che poteva essere, con proiezioni a fine esercizio.
Utilizzai, per sviluppare il programma, excel (che considero ancora valido sebbene da integrare ad altri nuovi programmi come power bi) con l'utilizzo del vba per svolgere alcune routine che si rendevano necessarie per il relativo processo di standardizzazione delle assunzioni poste a base dello sviluppo del programma.
Il programma venne testato e integrato con l'esperienza rinvenuta dall'applicazione operativa dello stesso alle imprese clienti con modifiche ed integrazioni in corso d'opera.
Il programma in dotazione alla società di consulenza di cui facevo parte, venne chiamato "Controllo di Gestione".
Motore essenziale del programma era, ovviamente, l'utilizzo dei dati provenienti dalla contabilità analitica, costituente condizione necessaria per svolgere l'attività ma il relativo processo di acquisizione era la parte più difficile da svolgere perché le imprese, almeno quelle che non avevano la contabilità interna (la maggioranza per le più piccole) non avevano la contabilità aggiornata nonchè alcuni dati che l'implementazione di detto sistema richiedeva.
Anche questa apparente difficoltà costituiva un processo di managerializzazione in corso dell'impresa giacché fondamentale è conoscere i dati sviluppati con un ritardo massimo di due mesi al fine di rendere il sistema introdotto capace di individuare tempestivamente segnali di potenziali crisi ed adottare le correlate misure di intervento allo scenario manifestato o che con ragionevole certezza si sarebbe manifestato.
L'implementazione del sistema era un gran lavoro di data entry con richieste di molte informazioni e dati che, in alcuni casi, venivano percepiti in azienda come un lavoro aggiuntivo e marginale rispetto alle contingenze d'impresa ovvero quello che si stava facendo non veniva adeguatamente considerato, percepito e valorizzato dall'organizzazione.
Oggi muta lo scenario e questa difficoltà di approccio e diffusione di cultura manageriale è coattivamente ripianato dal legislatore ma avere strumenti di controllo interni non deve essere considerato come obbligo quanto piuttosto un valore aggiunto, un'opportunità per l'impresa di spogliarsi dalla visione d'azienda basata solo sull'intuizione dell'imprenditore e sullo svolgimento di attività correnti e per lo più contingenti. Avere informazioni sulla propria stagionalità, il punto di pareggio, il margine di contribuzione in ottica dinamica e non solo, statica, sulla base del trascorso quantitativo storico societario, costituisce uno strumento informativo essenziale alla gestione direzionale d'azienda tale da percepire il relativo andamento e non "gestirla" ad intuizione ma sulla base dei dati concreti ed oggettivi.
Il programma sviluppato prevedeva l'immissione di dati quantitativi storici desunti dalla contabilità analitica che venivano riclassificati secondo lo schema a costo del venduto che automaticamente venivano traslati secondo il modello a margine di contribuzione con la determinazione del punto di pareggio e la cristallizzazione dei principali dati storici con una serie almeno triennale; terminato detto processo si stilava il budget, generalmente a break even; faceva, quindi, seguito la rendicontazione mensile con evidenza degli scostamenti a budget e rispetto le proiezioni a fine esercizio sulla base dell'andamento registrato, con possibilità di diversi scenari predittivi derivati sulla base degli input relativi e della scelta del metodo di proiezione più opportuna (media, minimi quadrati, tendenza combinata).
Ritengo che l'applicazione di detto sistema di controllo sia assolutamente valido in funzione dell'attuale contesto introdotto dal codice della crisi e che costituisca una leva propulsiva all'introduzione, in azienda, di maggiore cultura manageriale rispetto cui l'imprenditore deve prenderne atto giacché anch'essa, oggi prioritaria, nella scaletta delle contingenze d'impresa.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Amministratore di società: cosa c'è da sapere?
Assetti organizzativi da adeguare alle caratteristiche della...
Il fallimento non c'è più le parole dell'economia cambiano...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Aprire partita Iva, quali sono i costi?
Crisi d'impresa, la riforma in 7 volumi
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
ISA 2018, le modifiche
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza: i nuovi...
Nelle imprese c'è posto per 193mila super-tecnici. Ma uno...
Codice della crisi d'impresa: ok dall'esecutivo
La rappresentazione in bilancio delle commesse pluriennali
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Come investire i risparmi senza rischi
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
La correzione degli errori di bilancio
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Più tempo per la formazione
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
OK ai commercialisti specialisti
Bancarotta, estesa la non punibilità
Piccolo è ancora bello purché però sia 4.0
Il factoring corre più veloce della ripresa
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2019  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)