Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Il vademecum di Basilea 2 per le piccole imprese
a cura di Unioncamere
Giugno 2005

Introduzione
Manca circa un anno all'entrata in vigore del nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali delle banche (Basilea 2), destinato ad avere conseguenze importanti sull'accesso al credito da parte delle imprese, e gran parte delle piccole e medie imprese (Pmi) dimostra di non essere ancora adeguatamente preparata ad affrontare gli effetti della nuova regolamentazione.
Per ovviare a questo ritardo il sistema camerale ha avviato nel corso degli ultimi anni numerose iniziative. In linea generale, il sistema camerale ha operato su tre diversi livelli di intervento:
• realizzando studi, analisi di settore e simulazioni su campioni di imprese per valutare i probabili effetti del nuovo accordo ed avanzando proposte per ridurne l'impatto e valorizzarne le opportunità per il tessuto imprenditoriale. Unioncamere, con il contributo del Consorzio Camerale per il Credito e la Finanza (il Consorzio è costituito tra Unioncamere e le Camere di Commercio di Bari, Brescia, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Treviso e Trieste allo scopo di promuovere l'accesso delle Pmi al mercato del credito e ai mercati finanziari, nonché promuovere e sostenere lo sviluppo di nuove e più articolate forme di finanza per i sistemi locali), ha predisposto delle simulazioni statistiche per la valutazione dell'impatto di Basilea 2 su di un campione rappresentativo di piccole imprese e ha contribuito all'organizzazione di una serie di convegni di presentazione dei risultati presso le diverse Camere di Commercio operanti sul territorio;
• predisponendo un servizio di formazione e informazione per le imprese e per gli altri operatori direttamente coinvolti (quali, ad esempio, i Consorzi di Garanzia Fidi);
• offrendo un servizio di assistenza e accompagnamento per le imprese, al fine di favorire, laddove necessario, degli interventi che possano aiutare le imprese a ricevere una valutazione migliore da parte del sistema creditizio.
Questa pubblicazione si inserisce nelle iniziative di studio, ricerca, informazione e divulgazione su Basilea 2 che Unioncamere, con il contributo del Consorzio Camerale per il Credito e la Finanza, ha già avviato e che intende sviluppare in concomitanza con la progressiva adozione delle nuove regole da parte delle banche.
L'obiettivo è quello di promuovere una dialogo costante tra il tessuto imprenditoriale e il sistema bancario, che permetta di analizzare, monitorare e valutare gli effetti che la nuova regolamentazione sta già avendo ed avrà in futuro sull'accesso al credito da parte delle imprese, individuando e suggerendo al contempo le proposte più idonee per aiutare le imprese nel nuovo contesto che si va delineando.
Questa pubblicazione risponde all'esigenza di offrire delle risposte, con una impostazione discorsiva, alle domande più frequentemente poste dagli imprenditori riguardo alle conseguenze di Basilea 2 per le imprese.

Il vademecum per le imprese
1. Che cos'è Basilea 2?
Basilea 2 è il nuovo accordo definito dal Comitato di Basilea che stabilisce le regole con cui le banche dovranno calcolare il loro capitale regolamentare definendo anche quali saranno le nuove modalità di valutazione della clientela.
2. A partire da quando le banche valuteranno la mia impresa con i nuovi parametri?
L'accordo di Basilea diverrà pienamente operativo a partire dal 2006, tuttavia le banche dovranno avere fatto per almeno due anni valutazioni sulla clientela con le nuove metodologie. Ciò significa che, di fatto, le banche che intendono usare il sistema dei rating interni, hanno già iniziato a utilizzare le procedure di valutazione del rischio previste da Basilea 2 nel corso del 2003. Poiché nella valutazione della rischiosità di un'impresa saranno considerati non solo caratteristiche e andamenti attuali e futuri ma anche l'andamento passato dell'azienda, è necessario che fin da ora le imprese si adeguino alle nuove procedure utilizzate dalla banca e forniscano tutte le informazioni utili per la valutazione della propria azienda.
3. Quali saranno i soggetti interessati?
Basilea 2 garantisce che il patrimonio delle banche sia sufficiente per far fronte a situazioni di crisi e, in special modo, a casi di insolvenza da parte dei clienti. Ma i soggetti coinvolti non sono soltanto le banche. Il capitale di riserva che esse detengono, infatti, dipende direttamente anche dalla qualità e dalle caratteristiche dei prestiti concessi ai clienti. Ne consegue che anche i clienti delle banche, in primis le imprese, potranno subire indirettamente gli effetti del nuovo accordo di Basilea. Infatti:
• quanto maggiore è il rischio rappresentato dal cliente, tanto maggiore è il capitale che la banca deve accantonare;
• quanto maggiore è il capitale accantonato, tanto maggiori potranno essere i costi di gestione per la banca;
• quanto maggiori sono i costi che la banca deve sopportare, tanto maggiore potrà essere il costo del denaro per l'impresa cliente che chiede il prestito.
Ne consegue che quanto maggiore è la rischiosità del cliente, tanto maggiori potranno essere gli oneri e tanto più stringenti le condizioni per la concessione del prestito.
4. Anche le Pmi saranno interessate dai cambiamenti imposti da Basilea 2?
Basilea 2 vale per tutti i clienti che richiedono un finanziamento, di qualsiasi tipo, alla banca.
Anche le piccole imprese, quindi, saranno sottoposte a valutazione per l'assegnazione dei rating.
Basilea 2 tiene conto delle diversità tra piccole e grandi imprese e tra piccoli e grandi prestiti.
Le imprese minori che richiedono prestiti inferiori a un milione di euro rientreranno nel segmento retail che godrà di condizioni migliori sia rispetto al segmento corporate in cui rientrano le grandi imprese, sia rispetto al segmento SME corporate in cui rientrano le Pmi con prestiti di entità maggiore.
5. Ma come faccio a capire se la mia azienda rientra nel settore corporate o retail?
Le differenze sostanziali tra i segmenti corporate e retail sono sintetizzate nello schema seguente:

Corporate
• Fatturato: > 50 milioni di euro
• Approccio standard: ponderazione basata sul rating • Rating calcolato dalla banca negli altri approcci
• Coefficiente di correlazione: dal 12 al 24%

SME corporate
• Fatturato: tra i 5 milioni e i 50 milioni di euro
• Finanziamento: >1 milione di euro
Approccio standard: ponderazione basata sul rating
• Rating calcolato dalla banca negli altri approcci
• Coefficiente di correlazione: dall'8 al 20%

Retail
• Fatturato: < 5 milioni di euro
• Finanziamento: < 1 milione di euro
• Approccio standard: ponderazione fissa del 75%
• Rating predefinito retail negli altri approcci
• Coefficiente di correlazione: dal 2 al 17%

6. Non sono una società di capitali; come fa la mia banca a valutarmi?
Le istruttorie non cambieranno in modo sensibile, il procedimento di valutazione resterà lo stesso. Anche in questo caso però verrà dato un grosso peso alle caratteristiche patrimoniali e di redditività. Verranno individuati dei raggruppamenti di clientela con caratteristiche simili ("pool") ed a questi verrà applicato sostanzialmente lo stesso prezzo. Ancora una volta il "voto" dato dalla banca diviene la variabile chiave per ottenere credito a condizioni accessibili.
7. Questo vale anche per le cooperative?
Tutte le cooperative, comprese quelle a mutualità prevalente, saranno valutate secondo i parametri previsti da Basilea 2. Così come avviene per le altre imprese, potranno rientrare nel segmento corporate o retail in base al tipo e all'ammontare del finanziamento richiesto. Poiché sulla base del nuovo diritto societario le cooperative dovranno rispondere delle obbligazioni sociali col proprio patrimonio, esse saranno tenute a perseguire l'equilibrio della struttura finanziaria e a garantire una adeguata redditività gestionale.
8. In che modo mi valuterà la banca?
La valutazione terrà conto di tre categorie di informazioni:
• quantitative
• qualitative
• andamentali
9. Cosa sono le informazioni quantitative
Le informazioni quantitative sono informazioni di carattere economico-finanziario reperibili nei bilanci e negli altri documenti contabili delle imprese. Le informazioni reperibili nel bilancio avranno un peso determinante nella valutazione dell'impresa. Le banche dovranno comunque tener conto anche degli aspetti qualitativi e andamentali.
10. Cosa si intende per aspetti qualitativi?
Gli aspetti qualitativi più importanti sono sicuramente l'esistenza di un processo di controllo di gestione, la presenza di una pianificazione pluriennale dell'operatività, la struttura dell'organizzazione aziendale ed il tipo di governance (amministratore unico, gestione familiare, consiglio di amministrazione, etc.). Molto importanti sono anche i risultati ottenuti dall'azienda rispetto alle previsioni e all'andamento del settore di appartenenza.
11. E per aspetti andamentali?
Per aspetti andamentali si intendono i rapporti che il cliente ha avuto in precedenza con le banche. In questo caso, la valutazione si baserà su due fonti di informazione:
• dati desumibili dalla Centrale dei Rischi
• rapporti precedenti con le banche di riferimento
I dati della Centrale dei Rischi contribuiranno a formulare il giudizio sul merito del credito delle imprese. Sulla base di questi dati, infatti, si può valutare l'andamento dei prestiti delle imprese nel corso del tempo, l'eventuale tendenza a "sforare" rispetto al credito concesso e i tempi di "rientro". Si tratta di elementi che concorrono a valutare la rischiosità dell'impresa e incidono quindi sul tasso di interesse imposto sui prestiti concessi all'impresa. I rapporti precedenti con la banca, insieme ai dati forniti dalla Centrale dei Rischi, contribuiranno, quindi, a determinare il giudizio sul rating dell'impresa. Eventuali problemi insorti in passato con la banca potrebbero influire negativamente sulla valutazione dell'impresa. D'altra parte, un'opportuna strategia, eventualmente condivisa con la banca di riferimento, che consenta di correggere le precedenti criticità, potrà senz'altro incidere sugli esiti dell'analisi qualitativa e quindi influire positivamente sul giudizio complessivo dato dalla banca.
12. Ma la banca conosce anche i miei rapporti con altri istituti di credito?
Si. Utilizzando le informazioni disponibili presso la Centrale dei Rischi, le banche possono conoscere le posizioni debitorie che i clienti hanno verso altre banche.
13. Cos'è la Centrale dei Rischi?
La Centrale dei Rischi è un servizio accentrato di informazioni sui rischi bancari gestito dalla Banca d'Italia. Questo servizio consente alle banche, attraverso la raccolta di informazioni provenienti da tutti gli istituti di credito sui propri clienti, di conoscere le posizioni debitorie che i clienti abbiano verso altre banche. Le banche, infatti, hanno l'obbligo di segnalare alla Centrale dei Rischi sia le posizioni "in sofferenza" dei clienti, sia gli affidamenti che abbiano superato i 75.000 euro.
14. Gli aspetti quantitativi, qualitativi e andamentali pesano allo stesso modo nella valutazione della mia impresa?
Una delle novità introdotte dal Nuovo Accordo riguarda proprio il peso attribuito a questi aspetti, fondamentali nella valutazione della clientela. Sicuramente peseranno sempre di più gli aspetti di carattere quantitativo, poiché sono più oggettivi e verificabili, specialmente per le imprese di media dimensione. Gli aspetti qualitativi avranno un peso significativo nella valutazione di aziende molto piccole, ma saranno sempre in secondo piano rispetto ai "numeri" dell'azienda (volendo attribuire una "percentuale" alle due aree di analisi potremmo dire che mediamente gli aspetti quantitativi peseranno per il 75% mentre quelli qualitativi per il restante 25%).
15. In che modo l'andamento del mio settore può influenzare la valutazione della mia azienda?
Le valutazioni sul settore di operatività dell'azienda saranno sicuramente prese in considerazione, poiché è ovvio che un settore in crisi abbia delle conseguenze immediate sugli operatori diretti. Tuttavia la nuova normativa prevede specificamente che le valutazioni degli istituti di credito dovranno essere fatte in modo da tenere in considerazione il ciclo economico in corso e quindi c'è da presumere che in una fase di recessione o crisi del settore i parametri di giudizio siano più morbidi che in una fase di crescita.
16. Le banche mi valuteranno tutte nello stesso modo?
Questo dipende da come la banca utilizzerà le possibilità offerte dal nuovo accordo. Quest'ultimo prevede la possibilità di seguire tre vie diverse per la valutazione della clientela. La prima di queste (approccio standard) non modifica molto le cose rispetto al passato, ma rappresenterà un costo per le banche che cercheranno quindi di avere al più presto i requisiti per adottare le altre due vie (approccio "base" ai rating interni ed approccio "avanzato" ai rating interni). Istituti che seguono la stessa via seguiranno tendenzialmente lo stesso metodo di valutazione.
17. Il denaro costerà di più o di meno?
Questo dipende dal giudizio complessivo sulla rischiosità del prestito concesso all'azienda. L'obiettivo dell'accordo di Basilea è proprio quello di incentivare la banche a premiare la clientela migliore ed a limitare la concessione del credito alla clientela più rischiosa. Questo significa che se l'azienda riceverà un buon giudizio potrà pagare il denaro di meno, altrimenti pagherà sicuramente molto di più o peggio si vedrà chiudere le porte di accesso al credito bancario.
18. Quali elementi sono considerati per determinare il costo del credito per un'azienda?
I parametri che vengono valutati sono principalmente tre:
• Il giudizio sul merito creditizio dell'azienda (rating)
• Il tasso di recupero (quanto si stima di recuperare in caso di insolvenza del cliente)
• L' esposizione al momento dell'insolvenza (vale a dire quanto si stima che il cliente debba ancora restituire al momento dell'insolvenza)
Oltre a questi parametri che sono sempre presi in considerazione, sono molto importanti anche altri fattori quali la durata ed il tipo di rimborso.
19. Cos'è il rating?
Con Basilea 2, il giudizio sulla qualità/rischiosità del cliente sarà espresso con un "voto" (rating) a cui è associata automaticamente, sulla base dell'esperienza maturata dalla banca, una determinata probabilità di insolvenza (probability of default, PD in gergo tecnico). Quanto maggiore è il punteggio assegnato, tanto minore è il rischio per la banca e tanto minore il tasso di interesse applicato sul prestito. Quanto minore è il punteggio assegnato, tanto maggiore è il rischio per la banca e tanto maggiore potrà essere il tasso di interesse applicato sul prestito. Le scale su cui si basa il rating variano a seconda del modello utilizzato. I due più utilizzati sono:
• modello Standard & Poor's: da AAA (miglior voto possibile) a D (situazione di insolvenza)
• modello Moody's: da Aaa (miglior giudizio possibile) a C (altissima probabilità di insolvenza)
20. Il rating si può negoziare?
No. Il rating non si può negoziare. Rappresenta un giudizio sulla rischiosità del cliente e si basa sulla sua situazione reale.
21. Il rating può essere migliorato?
Si. L'impresa può intervenire sulla propria struttura finanziaria per correggere le criticità che concorrono ad abbassare il voto, riducendo quindi la propria rischiosità e migliorando il rating.
22. Quindi il rating può variare nel tempo?
Il rating viene rivisto periodicamente, almeno una volta all'anno, per tener conto degli eventuali cambiamenti intervenuti nella struttura e nelle performances dell'impresa cliente.
23. Come faccio a conoscere il mio rating?
Le banche non sono obbligate a comunicare il rating ai propri clienti. Possono però decidere liberamente di informare la clientela affinché possa eventualmente correggere le criticità che concorrono a peggiorare il rating. Questa informazione non è tuttavia sufficiente per capire se si è stati valutati correttamente e se il profilo di rischio assegnato è coerente con la situazione aziendale. Bisogna innanzitutto farsi dire quante classi di rating sono previste dalla banca (la normativa ne prevede un minimo di nove, ma è possibile che siano di più). Questa informazione dà già un orientamento più concreto relativo al posizionamento occupato dall'azienda. Le banche, però, non vi diranno la probabilità di insolvenza, ma diranno ad esempio che l'azienda ha rating "1". Questo non vuol dire che il prezzo del rating "1" di un istituto corrisponda al prezzo del rating "1" di un altro istituto. L'ideale sarebbe conoscere l'effettiva probabilità di insolvenza, ma difficilmente si avrà accesso a questo tipo di informazione.
24. Cos'è la probabilità di insolvenza (PD)?
La probabilità di insolvenza è il risultato di un'elaborazione statistica sui dati forniti dall'impresa (bilancio, informazioni qualitative e andamentali). Si tratta di un numero compreso tra 0 e 1 che identifica la probabilità che un cliente non sia in grado di onorare i suoi impegni nell'anno seguente. La PD (ndr: Probability of defaul) concorrerà, insieme ad altri elementi di valutazione, quali LGD e EAD (vedi oltre), a determinare la rischiosità complessiva del prestito e, da ultimo, il tasso di interesse e le condizioni applicate al finanziamento. Chiaramente più alta è la probabilità di insolvenza, maggiore è il rischio assunto e maggiore potrà essere il prezzo del credito.
25. Cos'è il default?
Per default si intende lo stato di insolvenza di un cliente a cui la banca ha concesso un prestito. Attenzione! Per Basilea 2, il concetto di insolvenza non è limitato solo al caso in cui la banca ritenga improbabile che il cliente possa rimborsare il prestito, come avviene ora. Al contrario, si considera in default anche il cliente che ritardi il pagamento o il rimborso di una o più parti del finan-ziamento per oltre 180 giorni. Secondo la bozza di accordo originale, il default sarebbe dovuto scattare dopo 90 giorni di ritardato pagamento. Considerando però le peculiarità delle Pmi e di quelle italiane in particolare, è stato concesso un periodo transitorio (che per le Pmi dovrebbe diventare definitivo) di cinque anni durante il quale vigerà la regola dei 180 giorni.
26. Cosa si intende per LGD?
La LGD (ndr: Loss given default), cioè la percentuale di perdita in caso di insolvenza, misura la probabile quota del finanziamento concesso al cliente insolvente che la banca riuscirà a recuperare effettivamente una volta terminate le procedure di contenzioso avviate nei confronti del cliente.
27. E per EAD?
L'EAD (ndr: Exposure at default), ovvero l'esposizione all'insolvenza, misura la probabile quota di finanziamento effettivamente utilizzata dal cliente al momento dell'insolvenza.
28. Cosa si intende per Maturity?
La Maturity è un parametro che serve per misurare il rischio che la qualità del prestito concesso peggiori col passare del tempo, causando una perdita di valore per la banca. Se, ad esempio, è stato concesso un prestito a un cliente con rating A, che gode quindi di condizioni particolarmente favorevoli, l'eventuale peggioramento del rating del cliente (da A a B) comporterebbe una perdita per la banca. Infatti, il cliente, che ora ha un rating B, godrebbe di un tasso previsto per clienti con rating A, quindi inferiore a quello corretto. Ovviamente, il rischio di un peggioramento della qualità del prestito è tanto maggiore quanto migliore è il rating del cliente e quanto maggiore è la durata del prestito concesso.
29. La conoscenza personale con il direttore non conta più?
Sicuramente il rapporto di conoscenza personale e quindi di fiducia che si instaura tra cliente e banca avrà un suo valore. Questo però rientrerà in quelli che abbiamo definito aspetti qualitativi che non avranno il peso di una volta. Uno degli obiettivi del nuovo accordo è quello di creare le condizioni per cui non ci siano canali "privilegiati" di accesso al credito ed è per questo che sono divenuti così importanti i "numeri" dell'azienda. D'altra parte, con il nuovo accordo né le banche né i clienti godranno più dei margini di trattativa di prima, con i vantaggi e gli svantaggi che questo comportava.
30. Mi conviene avere rapporti con più banche?
Sicuramente conviene sentire il parere di più banche, perché l'adozione di modelli di valutazione interna significa che non tutte la banche daranno lo stesso giudizio. Si creerà la possibilità di ricercare la soluzione migliore presente sul mercato, ma senza attendersi grosse variazioni tra il giudizio di istituti diversi. Avere rapporti con più banche può essere vantaggioso per piccoli finanziamenti, ma attenzione! Un cliente che cambia spesso banca, che opera con più istituti, che chiude finanziamenti accendendone altri da un'altra parte non avrà certo vita facile con la nuova normativa. Questo comportamento, infatti, andrà a incidere negativamente sulla valutazione del cliente e a peggiorare il suo rating.
31. Le garanzie sono ancora utilizzabili?
Le garanzie possono migliorare il rating solo nel caso in cui siano concesse da un soggetto pubblico o privato, una banca o un altro ente ad essi assimilabile che disponga di un rating migliore di quello del cliente. Solo i Confidi con rating uguale almeno ad A potranno concedere garanzie che vadano a incidere sul rating dell'impresa. Le garanzie potranno però incidere sul tasso di interesse praticato sui prestiti, poiché possono contribuire a migliorare la LGD, cioè la percentuale di perdita complessiva sul prestito concesso che la banca si attende di subire in caso di insolvenza del cliente.
32. Come vengono valutati eventuali investimenti?
Gli investimenti rappresentano generalmente un elemento di valutazione positiva, poiché sono indice di vitalità dell'azienda. Essi devono però essere in grado di produrre incrementi della redditività aziendale e quindi adeguati flussi di cassa una volta a regime. Per permettere alla banca di comprendere e apprezzare in modo adeguato il ruolo e l'impatto degli investimenti è necessario fornire una documentazione adeguata, quale ad esempio un piano di sviluppo o business plan. Se invece l'impresa intende avviare una nuova iniziativa, l'investimento che sarà effettuato potrà rientrare, secondo i parametri di Basilea 2, nella finanza di progetto e godere di un trattamento ad hoc ai fini della valutazione del rischio. L'impresa che intende avviare una nuova iniziativa potrebbe ricevere un doppio rating: uno per la gestione ordinaria dell'azienda e uno specifico per l'iniziativa.
33. La mia azienda è sottocapitalizzata: questo peggiora il mio rating?
La sottocapitalizzazione rappresenta uno degli elementi penalizzanti nell'attribuzione del rating, poiché rappresenta una debolezza strutturale dell'impresa. E' pertanto opportuno procedere alla ricapitalizzazione dell'impresa. Tra le possibili soluzioni, si può pensare di trasformare gli eventuali debiti verso i soci in capitale di impresa. In alternativa, si possono valorizzare gli immobili eventualmente iscritti a bilancio e utilizzarli per la ricapitalizzazione dell'impresa. E' il caso, ad esempio, di quegli immobili il cui valore iscritto a bilancio è "storico" e quindi inferiore a quello attuale. La loro rivalutazione rappresenta quindi uno strumento, peraltro gradito alle banche, per garantire una buona patrimonializzazione dell'impresa. Un discorso simile vale anche per l'eventuale disponibilità di brevetti iscritti a bilancio per un valore inferiore alla loro quotazione di mercato. Lo stesso accorgimento può essere utilizzato con i beni cosiddetti "immateriali", quali ad esempio il know how tecnologico, che possono essere valutati economicamente. Va, comunque, ricordato che la ricapitalizzazione dell'impresa non rappresenta la strada obbligata da percorrere per far fronte a situazioni di squilibrio finanziario. Al contrario, è necessario effettuare un'accurata analisi della struttura finanziaria dell'impresa e valutare quali strategie seguire.

Per ulteriori informazioni:
www.unioncamere.it

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Sedata la crisi d'impresa
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Cassa mutua per i professionisti
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Una società è responsabile?
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
ISA 2018, le modifiche
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)