Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.104
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Il ruolo degli ordini professionali
di Guido Trombetti
La Repubblica
Lunedì 7 settembre 2020

L'esito non esaltante delle prove per l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato dei candidati napoletani ha provocato, oltre che diffusa delusione, reazioni di varia natura. In particolare qualcuno ha maliziosamente spiegato il risultato scadente muovendo critiche alla qualità degli studi di giurisprudenza nelle università napoletane, in particolare presso la Federico II.

Francamente trovo ingiustificato il nesso di causa-effetto. È ben noto a tutti il livello alto dei giuristi fredericiani. Che affonda le sue radici in una tradizione antica. E di grande prestigio. Ancora oggi, si guardino le statistiche in merito, è altissima la percentuale dei laureati in giurisprudenza napoletani che vincono concorsi in magistratura e, più in generale, nella carriera direttiva del pubblico impiego. Così come mi sembra risibile la critica di scarsa sensibilità alla professionalizzazione dei percorsi di studio universitari. Su questo punto dobbiamo essere chiari. L'università non fa formazione professionale. Ma deve produrre laureati colti, dotati di capacità critica e in grado di aggiornare le proprie competenze per tutta la vita. Come richiede il tumultuoso continuo avanzamento delle conoscenze che caratterizza tutti i saperi nel mondo moderno. Per ottenere tale risultato occorre una profonda formazione di base sulla quale costruire poi la propria vita e la propria formazione professionale. Il risultato delle prove di abilitazione invece a mio avviso mette pesantemente in discussione la tipologia di scelta selettiva oggi in vigore. Che peraltro prevede la correzione di migliaia e migliaia di elaborati e quindi suscita inevitabilmente preoccupazioni sul livello di raffinatezza dal quale può essere caratterizzata. Sono pertanto d'accordo con la posizione lucida ed illuminata del ministro Manfredi.

C'è forte e chiara l'esigenza di viaggiare verso lauree abilitanti che, integrate con opportuni tirocini, consentano poi ai giovani di entrare rapidamente nel mondo delle professioni. Il ruolo degli ordini professionali, nati nel 1933 (insieme ai settori scientifici disciplinari) in una temperie culturale molto diversa e funzionale alla organizzazione sociale del tempo, va oggi ripensato. Pur restando importante. Siamo sicuri che sia saggio ed equo assegnare a loro il compito di gestire il processo di selezione per stabilire se un ragazzo già laureato possa o meno esercitare una professione? E non penso soltanto a quella di avvocato, che qui è un esempio. Va da se che prima di poter patrocinare in tribunale occorra un periodo di tirocinio. Di praticantato. E il tirocinio deve essere svolto con serietà presso studi accreditati. Su questo aspetto l'ordine deve vigilare. Deve essere garante che il giovane non diventi mano d'opera a basso (o nullo) costo. Quanto non l'occasione per utilizzare con mere funzioni impiegatizie o segretariali i ragazzi presso gli studi.

Delle due l'una. O la laurea basta da sola a consentire di svolgere la professione di avvocato. Oppure l'ordine, che ne ha la competenza e le capacità, organizza un sistema di tirocini garantendone la qualità e quindi l'efficacia. L'idea che siano gli ordini a decretare se un giovane può o meno esercitare la professione mi sembra anacronistica nei tempi moderni. E francamente priva di fondamento etico. Non può non sorgere la preoccupazione che una categoria (comunità, corporazione...) abbia in se stessa il motivo per tenere il freno tirato. Per non immettere troppi concorrenti sul mercato, per di più in un periodo di difficoltà complessiva della professione. E questa osservazione vale per tutti gli ordini professionali. Non soltanto per quello degli avvocati. Il risultato oggi è un grave danno per i giovani. Si lasciano al palo intere generazioni di laureati.

Facendosi carico della gestione e dell'organizzazione di un sistema di tirocini, in convenzione con gli atenei, gli ordini assumerebbero un ruolo di alto profilo nella fase del passaggio tra l'università e l'ingresso nel mondo professionale. Ruolo che hanno gli strumenti per svolgere in modo proficuo.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quinto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
I revisori guadagnano troppo poco
Revisori, il 70% rimane in panchina
Revisori, la parte del leone la fa il dottore commercialista
Dopo la pandemia niente sarà più come prima per le Pmi
Revisione semplificata per i bilanci delle Pmi
Revisione dei professionisti a rischio qualità perché poco...
Il rating ESG, un investimento mirato per un futuro...
Rating di legalità, Antitrust: boom di richieste da parte...
Addio esami di Stato, basta la laurea per veterinari...
Il controllo di gestione come strumento per guidare gli...
Il codice della crisi: un rinvio o un addio?
Commercialista, una professione ad alto rischio
Post lockdown: esigenze di cassa, revisione del budget...
Prelievo contanti in banca, qual è il limite prelevabile dal...
Il Covid-19 blocca anche i fallimenti
Pmi, come evitare il rischio di contenziosi da coronavirus
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Codice della crisi, i benefici superano i costi
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Cassa mutua per i professionisti
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Crisi d'impresa al primo test per sindaci e revisori
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Il fallimento non c'è più le parole dell'economia cambiano...
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Fatture elettroniche: come si annullano?
Crisi d'impresa, la riforma in 7 volumi
Amministratori delegati della srl con obbligo di informativa...
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
La rappresentazione in bilancio delle commesse pluriennali
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2021  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)