Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.042
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è evasione
a cura del sito web laleggepertutti.it
Aprile 2016

Pubblicato sul sito www.laleggepertutti.it in data 18 aprile 2016.

* * *

Chi preleva grosse somme di denaro dal proprio conto corrente e non riesce, in caso di controllo fiscale, a dimostrare a cosa sono servite o a quale soggetto sono dirette rischia un accertamento per evasione fiscale. Secondo infatti una recentissima sentenza della Commissione Tributaria di Catanzaro (sentenza n. 475/2016), il contribuente, anche nell'ambito della dichiarazione dei redditi ai fini Irpef, deve essere sempre pronto a dimostrare all'Agenzia delle Entrate il beneficiario dei prelievi dal conto.

Quanto denaro si può prelevare o versare sul conto corrente?
La sentenza tocca uno dei temi più "caldi" del momento: l'utilizzo di denaro contante. A riguardo, però, è bene fare alcuni chiarimenti.
Come noto, la legge di Stabilità 2016 (Legge n. 208/2015) ha portato da 1.000 a 3.000 euro il tetto massimo di utilizzo di contanti negli scambi di denaro tra soggetti diversi. In pratica, gli scambi di moneta (vendite, donazioni, ecc.) possono avvenire in cash fino a 2.999,99 euro. Oltre tale soglia bisogna utilizzare strumenti tracciabili come il bonifico bancario o la carta di credito.
Come però abbiamo chiarito in diverse occasioni (leggi Pagamento in contati: quando si rischia), questa regola non riguarda i prelievi e versamenti sul conto corrente. Infatti, non ci sono limiti di importo per chi vuol depositare o ritirare, dal proprio conto, importi di denaro contante. Così, non costituisce illecito il comportamento del correntista che preleva 5.000 euro in contanti o ne deposita 6.000.
Ma attenzione: queste regole valgono solo ai fini del rispetto della normativa sulla tracciabilità dei pagamenti. Diverso è, invece, il discorso per quanto riguarda il fisco e, quindi, la giustificazione di quale fine abbiano fatto tali soldi o da quale fonte provengano. A tali domande, eventualmente fatte dall'Agenzia delle Entrate, il contribuente deve essere sempre pronto a rispondere.

La presunzione di evasione fiscale
Una norma, inizialmente nata solo per le società, ma estesa anche ai contribuenti persone fisiche e ai professionisti, stabilisce che tutti i versamenti non giustificati si considerano guadagni (incassi) non dichiarati al fisco, mentre i prelievi di cui non viene indicato il beneficiario si considerano investimenti, e quindi, anche per questi ultimi, scatta una presunzione di evasione fiscale.
L'estensione di tale norma ai professionisti è stata dichiarata illegittima, nel 2014, dalla Corte Costituzionale (ciò sulla scorta del fatto che essi non sarebbero tenuti, nel tenere la propria contabilità, alla registrazione delle singole operazioni, sicché facile è il rischio di confusione tra spese personali e quelle professionali).
Tuttavia, qualche giudice continua ad applicare tale presunzione ai normali contribuenti. E prova ne è la sentenza in oggetto. Secondo infatti i giudici calabresi di secondo grado, la legge ha imposto al contribuente un comportamento: l'indicazione del beneficiario dei prelevamenti, che se non rispettato è configurato come evasione fiscale.
Certo, perché scatti la presunzione di "nero" deve trattarsi di somme rilevanti e non certo delle poche centinaia di euro utilizzate per fare la spesa settimanale. Il rischio poi è ancora più elevato per chi possiede quote in società o altre partecipazioni. Questo perché – almeno secondo il ragionamento indagatore dell'Agenzia delle Entrate – non vi sarebbe ragione di prelevare diverse migliaia di euro dal conto in un'epoca in cui tutto avviene telematicamente o, comunque, tramite bonifici o assegni.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Non è smart working ma "lavoro casalingo"
Rischio bancarotta con il ricorso al credito dello stato
«Dl liquidità da cambiare: niente istruttoria delle banche...
Pmi, come evitare il rischio di contenziosi da coronavirus
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
Cassa mutua per i professionisti
Quattro errori dei manager che fanno fallire le aziende
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Quando serve la Scia?
Come creare una start up
Aprire partita Iva, quali sono i costi?
Codice della crisi d'impresa: ok dall'esecutivo
Il calcio perdona l'insensibilità verso il razzismo
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Revisori in rete con il progetto Sol
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Società in house un ibrido mal riuscito
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
«Per le imprese sane rischi limitati: le banche fanno la fila...
Azienda Italia, il vertice non cambia al timone meno...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Valutazione dell'azienda in crisi con analisi preliminare
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)