Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Il calcio perdona l'insensibilità verso il razzismo
di Gigi Riva
La Repubblica
Lunedì 31 dicembre 2018

La Fondazione di Lilian Thuram, 47 ani domani, ha indicato la missione fin dal titolo: "Éducation contre le racisme". L'indimenticato calciatore campione del mondo e d'Europa con la Francia, d'Italia con la Juventus, recordman di presenze con la nazionale, è a Guadalupa, sua terra d'origine, dove ha allestito una mostra sui temi che gli sono cari per aver subito discriminazioni a causa del colore della pelle. Su questi argomenti ha scritto due libri: "Per l'uguaglianza. Come cambiare i nostri immaginari" e "Le mie stelle nere. Da Lucy a Barack Obama" (entrami Add editore). Benché lontano, gli echi del caso Kalidou Koulibaly durante Inter-Napoli del 26 dicembre gli sono arrivati, sollecitandolo a prendere una posizione netta. In questa intervista chiama in causa l'etica della responsabilità individuale e collettiva di diversi attori: arbitri, giocatori, allenatori, dirigenti, pubblico, politici, organismi come la Fifa e l'Uefa. La sua tesi di fondo: «Contro il razzismo non c'è una reale volontà di agire».
Lilian Thuram, come ci si doveva comportare a Milano secondo lei per proteggere il giocatore dagli ululati del tifosi nerazzurri?
«Nessun dubbio: sospendere la partita. Mi dicono che l'allenatore Carlo Ancelotti ha chiesto l'interruzione e non è stato ascoltato. E che Koulibaly in seguito è stato addirittura espulso per un applauso ironico verso l'arbitro. Ecco, così si chiude il cerchio. Chi subisce il razzismo e reagisce, denuncia, diventa colpevole in nome del superiore interesse dello show che deve continuare».
In Italia l'arbitro per regolamento non può sospendere la partita. Tocca al responsabile dell'ordine pubblico.
«Ma noi siamo regolamenti o uomini, esseri viventi? Un uomo prova delle emozioni. Ci vuol poco a capire che quando si subisce violenza dentro uno stadio in quel momento si è deboli, si ha bisogno di aiuto. Se la persona che ti sta davanti, l'arbitro, non lo capisce, t'incazzi: è normale. E quello poi estrae il cartellino. Che mancanza di sensibilità! E non ha nemmeno interrotto la partita, cosa che rientra nei suoi poteri. Ma la cosa più grave è un'altra».
Quale?
«Quando un nero chiede aiuto, l'aiuto non arriva mai. E chi deve prendere decisioni se ne frega. Se si continua a giocare è perché si valuta che in fondo la cosa non è considerata grave. Tutti dovrebbero mettersi allo specchio, meditare su questo. Anche allenatori, calciatori, giornalisti».
E quale atteggiamento dovrebbero avere? «Decidere loro. I calciatori si fermano, gli allenatori fanno rientrare la squadra negli spogliatoi. Ma vogliamo veramente cambiare lo stato delle cose? Questa è la vera domanda».
Par di capire che secondo lei tutti i discorsi sul razzismo fatti a posteriori sono solo ipocrisia.
«Se ci sono atti di violenza tra calciatori, l'arbitro interviene ed estrae un cartellino. Se ci sono scontri tra tifosi che mettono in pericolo l'incolumità del pubblico ci si ferma perché c'è un'emergenza. Nessuno invece vede il pericolo quando un giocatore viene aggredito e violentato a causa del colore della pelle. Solo se si è neri si capisce questa distinzione. In Francia o in Italia - il problema non è solo vostro - quando accadono casi di razzismo nel calcio, non ci sono mai colpevoli. E se non ci sono colpevoli non si attribuisce agli episodi l'importanza che invece hanno».
Insomma si sottovaluta il problema.
«Sì. Vale per molte categorie di persone. Se si violenta un omosessuale, ci si indigna ma ci si abitua e la reazione è sempre blanda. Stessa cosa per le donne. E per i neri la violenza è considerata un'abitudine, non è una novità. Siccome non viene sanzionata, è in qualche modo accettata».
Il resto degli spettatori cosa dovrebbe fare?
«Se qualcuno viene aggredito in metropolitana e tu vedi ma non intervieni, diventi correo. Esiste una legge in Italia che si chiama omissione di soccorso. Negli stadi si omette il soccorso. Troppo facile per un arbitro dire: non ho sentito bene gli ululati e non ho bloccato il match. Quando un arbitro sbaglia a fischiare un rigore, spesso viene sospeso per una-due giornate. Non ho mai sentito di arbitri sospesi per non aver sentito cori discriminatori. Dunque il sistema perdona l'insensibilità sul razzismo».
Un calciatore nero viene offeso quando gioca in una squadra avversaria, ma lo stesso diventa un beniamino se viene ceduto alla tua. È il motivo per cui qualcuno esclude allora che si tratti di vero razzismo.
«È un ragionamento aberrante. Affonda le radici nella storia dell'immigrazione, della schiavitù. Ti accetto se mi servi, altrimenti ti posso insultare. È giusto?».
La Fifa, l'Uefa fanno abbastanza per combattere il fenomeno?
«Fanno il loro lavoro. Potrebbero fare molto di più. Decidere, ad esempio, che la quota di razzismo presente in ogni Paese sia uno dei metri di valutazione che fa guadagnare o perdere punti nel ranking. Nella Coppa del Mondo a parità di classifica, passa la squadra che ha meno cartellini. Si dà un peso al rispetto delle regole. Il calcio non è solo performance atletica è anche valori condivisi. Perché allora non considerare il grado di civiltà di un Paese o di una singola società? C'è razzismo, invece di quattro squadre in Champions hai diritto solo a tre, eccetera».
Col populismo trionfante in Europa, hanno successo slogan come "prima i francesi" (Marine Le Pen) o "prima gli italiani" (Matteo Salvini). Questo contribuisce ad avvelenare il clima anche nel mondo dello sport?
«Naturalmente sì. Lo dimostra la storia. Se qualcuno viene "prima" altri vengono "dopo", sono sotto. Cosa altro è se non razzismo?».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Fallimento e Crisi d'Impresa 2020
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Divieto di contanti e pagamenti elettronici: nuove regole
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
Procedure di allerta, sei mesi in più per le nano imprese
Sedata la crisi d'impresa
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Nelle imprese c'è posto per 193mila super-tecnici. Ma uno...
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
La correzione degli errori di bilancio
Privacy, rischi da valutare subito
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)