Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.070
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

I controlli sul no profit setacciano utili e attività
di Andrea Fatarella e Gabriele Sepio
Il Sole 24 Ore
Martedì 5 giugno 2018

Modalità di svolgimento delle attività di interesse generale ed effettiva destinazione degli utili a finalità sociali. Sono questi i punti chiave intorno ai quali ruotano i controlli del fisco nel caso degli enti non profit. In attesa della completa attuazione della riforma del Terzo settore e dell'entrata in funzione del Registro unico nazionale (si veda l'altro articolo in pagina; ndr: non disponibile), gli adempimenti e i controlli fiscali continuano a essere regolati dalle norme precedenti.

Le verifiche sulle Onlus
Per le Onlus, in primo luogo, occorrerà prestare attenzione in particolare all'effettivo perseguimento delle finalità solidaristiche, all'assenza di distribuzione di utili, alla corretta tenuta delle scritture contabili, al rispetto dei limiti nell'esercizio della raccolta fondi e delle attività direttamente connesse. I proventi relativi a queste ultime attività, ad esempio, non potranno superare secondo la legge il limite del 66% delle spese complessive dell'ente.
La mancanza dei requisiti previsti dal decreto legislativo 460/1997 comporta la perdita della qualifica, con cancellazione dell'ente dall'anagrafe Onlus.
Oltre ai controlli effettuati in sede di iscrizione all'anagrafe (di carattere formale), l'amministrazione finanziaria può effettuare controlli successivi, anche attraverso ispezioni nei locali dell'ente (articoli 32 Dpr 600/1973 e 52 Dpr 633/1972).
Al provvedimento di cancellazione si accompagna anche l'accertamento fiscale, con ripresa a tassazione dei proventi in base alle norme ordinarie. Il venir meno del regime agevolativo, infatti, farà cadere la decommercializzazione delle attività istituzionali e la detassazione dei redditi d'impresa derivanti da quelle direttamente connesse.
Ai rappresentanti legali e agli amministratori potranno essere anche applicate le sanzioni connesse all'abuso della denominazione di Onlus e all'indebita fruizione dei benefici.

Le verifiche sulle associazioni
Una parte consistente dei controlli riguardanti il mondo non profit interessa anche gli enti associativi. In questo caso sarà importante fare attenzione al tipo di attività svolta nei confronti degli associati.
Se le quote associative sono defiscalizzate, infatti, non sempre i servizi resi a fronte di corrispettivi specifici hanno lo stesso trattamento: si pensi, ad esempio, a un'associazione culturale che apra la propria struttura anche a soggetti diversi dagli associati o che offra un «servizio bar» (articoli 148 Tuir e 4 Dpr 633/1972).
Caso diverso è quello in cui si nasconda, dietro lo schermo di iscrizioni associative "fittizie", l'esercizio di vere e proprie attività commerciali con finalità lucrative (si pensi, ad esempio, all'ipotesi in cui un vero e proprio ristorante si presenti formalmente nella veste di associazione culturale).
Le verifiche del fisco si concentrano, in questi casi, sulle concrete dinamiche della vita associativa. I responsabili dell'ente dovranno prestare particolare attenzione, pertanto, all'aggiornamento del libro soci e alla regolare tenuta dei verbali d'assemblea, allo scopo di dimostrare l'effettiva esistenza di una vita democratica dell'ente, oltre che alla corretta conservazione e tenuta dei documenti contabili, per togliere ogni dubbio circa possibili distribuzioni dirette o indirette di utili.

I contributi
Attenzione anche alla rendicontazione del 5 per mille. In attesa dell'operatività delle nuove regole, introdotte dal Dlgs 111/2017 (e del relativo Dpcm attuativo), restano obbligati a trasmettere il rendiconto all'amministrazione erogatrice (per il Terzo settore, il ministero del Lavoro) gli enti che hanno ricevuto importi uguali o superiori a 20mila euro.
Tutti i beneficiari dei contributi sono tenuti, in ogni caso, alla puntuale rendicontazione delle somme attribuite e alla conservazione per dieci anni dei documenti collegati. L'amministrazione finanziaria, infatti, potrà effettuare negli anni successivi controlli a campione e, in caso di violazioni, potrà poi procedere al recupero delle somme erogate.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quinto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
L'analisi storica da sola non basta
Crisi e adeguati assetti per la gestione dell'impresa
Continuità aziendale e impairment test: due aspetti...
Nella srl si può nominare il sindaco senza sottoporre la...
Falso in bilancio senza sconti per i sindaci
Non è smart working ma "lavoro casalingo"
Relazione unitaria dei sindaci-revisori con vista sugli effetti...
Adeguatezza degli assetti organizzativi fuori dal rinvio...
Il posizionamento della Pmi nel post crisi Covid-19
«Dl liquidità da cambiare: niente istruttoria delle banche...
Il commercialista e la crisi: «Lavoro, ma nessuno paga...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Responsabilità amministratori e riforma della crisi d'impresa
Fallimento e Crisi d'Impresa 2020
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Sindaco o revisore unico, questo è il problema. Perché non...
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Amministratore di società: cosa c'è da sapere?
L'importanza di dotarsi di un sistema di controllo di gestione
Crisi d'impresa al primo test per sindaci e revisori
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Una società è responsabile?
Remote working: 4 aspetti positivi del lavorare da casa
Amministratori delegati della srl con obbligo di informativa...
Il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza: i nuovi...
Nelle imprese c'è posto per 193mila super-tecnici. Ma uno...
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Sulle finanze ti aiuta il revisore
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)