Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.124
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Gli adeguati assetti organizzativi «pesano» sulle scelte gestionali
di Sergio Locoratolo (Università degli studi di Napoli Federico II e componente del comitato scientifico Igs)
Il Sole 24 Ore
Venerdì 9 ottobre 2020

La diffusione dell'epidemia da Covid 19 ha completamente sovvertito le priorità in materia di crisi d'impresa. In questi mesi, infatti, il Governo è più volte intervenuto a cercare di tamponare gli effetti drammatici della crisi economica e finanziaria conseguente al lock down. Così si spiega il rinvio a settembre del 2021 dell'entrata in vigore del Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza.

Tale rinvio, tuttavia, non riguarda le norme del Codice della crisi che impongono agli imprenditori di predisporre gli assetti organizzativi, amministrativi e contabili che risultino non solo adeguati alle dimensioni ed alla natura dell'impresa stessa ma anche idonei a consentire l'emersione tempestiva della crisi e la gestione ottimale dell'insolvenza (articoli 3 e 375, comma 2, del Codice). Questa previsione, infatti, è già pienamente operativa dal marzo del 2019. In realtà, il riferimento all'adeguatezza degli assetti organizzativi era già stato utilizzato dal Dlgs 231/2001 in tema di prevenzione di azioni penalmente rilevanti da parte degli enti societari, dagli articoli 2381 e 2403 del Codice civile in tema di doveri dell'amministratore delegato e dei sindaci di Spa e dall'articolo 149 del Tuf per le società quotate.

Tuttavia, la nuova prescrizione introdotta dal Codice della crisi e trasfusa nell'articolo 2086 del Codice civile assume una valenza più pregnante. Sembrerebbe delinearsi, infatti, una significativa rivisitazione del principio della insindacabilità delle scelte gestorie (il cosiddetto business judgment rule). Il rischio d'impresa parrebbe essere così sottoposto, e condizionato, alla creazione di un sistema organizzativo adeguato alle dimensioni e alla natura dell'impresa. Senza un assetto adeguato, l'impresa sarebbe da considerarsi illecita, al pari di una attività svolta con patrimonio netto negativo (fatte salve le esenzioni di legge).

La predeterminazione di "indici", previsti dalla legge quali indicatori e rilevatori della crisi, esporrà inoltre gli amministratori e l'organo di controllo ad una gravosa verifica: saranno i primi responsabili per non aver creato un adeguato sistema organizzativo dell'attività d'impresa. Responsabilità da illecito gestorio la cui emersione, a seguito delle procedure di allerta e composizione assistita previste da Codice della crisi, potrebbe addirittura anticiparsi rispetto alla sede concorsuale. La responsabilità potrebbe quindi già emergere davanti agli organismi di composizione della crisi e non è escluso che già in quel contesto gli esperti possano chiedere conto agli amministratori, ai sindaci e al revisore dei motivi peri quali non abbiano adottato un assetto organizzativo adeguato al rischio d'impresa.

Il pericolo che si annida è, perciò, che l'inadeguatezza del sistema organizzat0ivo societario possa diventare un fin troppo facile mezzo per imputare le responsabilità della crisi all'organo gestorio, in qualche modo condizionandone l'attività. A mitigare tale possibilità, il Codice permette all'impresa di chiedere (motivandone le ragioni) l'adozione di indici personalizzati, alternativi a quelli elaborati con cadenza triennale dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti (Cndcec), determinati specificamente da un attestatore indipendente, che ne certifichi l'adeguatezza per quella tipologia di impresa e che si assuma la responsabilità di una inesatta determinazione degli stessi.

Il punto, tuttavia, è che il principio di adeguatezza del sistema organizzativo potrà essere inteso, ed interpretato, come un nuovo limite, di fonte legale, al principio della insindacabilità dell'attività amministrativa. Perché se, da un lato, è vero che la mancata configurazione di assetti organizzativi adeguati rappresentala violazione di un espresso dovere di gestione, dall'altro, è indiscutibile che anche la scelta delle modalità di come, in concreto, debbano strutturarsi e precisarsi gli assetti organizzativi della società, al fine di soddisfare il criterio dell'adeguatezza, rimane un'opzione che attiene tutta al merito gestorio, e perciò nella piena responsabilità degli amministratori.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
L'importanza del forward looking e del monitoraggio...
Strumento "Analisi società di calcio", sesto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Cassa Forense: ecco quanti sono gli avvocati iscritti
«Rinuncio al macchinone ma preferisco assumere un...
Beni immateriali, ok alla rivalutazione ampia nei bilanci
Consulenze: dopo le toppate delle big four, meglio gli...
Attenzione! Perché le troppe riunioni sono diventate un...
I revisori guadagnano troppo poco
Dopo la pandemia niente sarà più come prima per le Pmi
Niente laurea abilitante per commercialisti e avvocati
Il ruolo degli ordini professionali
Gli adeguati assetti organizzativi «pesano» sulle scelte...
Elogio del fallimento
Il Covid spinge l'ammortamento light in bilancio
Impatto della perdita di fatturato da lockdown legato al...
La crisi d'impresa è in stallo
Eurobond o Coronabond: cosa sono e differenze con il MES
Falso in bilancio senza sconti per i sindaci
Rischio insolvenze per 45 miliardi
Revisione legale nelle nano imprese. Chiarita la...
Il Covid-19 blocca anche i fallimenti
Il commercialista e la crisi: «Lavoro, ma nessuno paga...
Codice della crisi d'impresa verso il rinvio
Se la Borsa scende del 20% si perde il 20%?
Responsabilità amministratori e riforma della crisi d'impresa
Indici allerta, doppio binario per il calcolo del Dscr
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
E se le costose procedure di allerta fossero un'occasione...
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Quando l'evasione fiscale diventa reato
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Gli adeguati assetti obbligatori della srl
Srl, raddoppiano i limiti per l'organo di controllo
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Come provare un contratto verbale
Una società è responsabile?
Remote working: 4 aspetti positivi del lavorare da casa
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Lo stage è sempre retribuito?
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2021  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)