Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.062
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Draghi alle imprese: «Basilea 3 non bloccherà la ripresa»
di Rossella Bocciarelli
Il Sole 24 Ore
Domenica 7 febbraio 2010

Non è vero che le regole di Basilea 2 e 3 sui ratios patrimoniali delle banche pregiudicano la ripresa. E' il messaggio forte e chiaro che Mario Draghi ha lanciato ieri al mondo bancario da Iqaluit, dov'è stato speaker nella sessione del G-7 dedicata alla «riforma del sistema finanziario, compresa la capitalizzazione». Il numero uno di Bankitalia, che è intervenuto insieme al ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schäuble, e al ministro del Tesoro Usa, Timothy Geithner, sui temi relativi alla stabilità finanziaria internazionale, ha però tenuto a sottolineare di aver parlato non come presidente del Financial stability board ma in qualità di governatore della Banca d'Italia: dunque le sue parole valgono innanzitutto per le aziende di credito italiane, alle quali peraltro Draghi si rivolgerà in modo specifico tra una settimana in occasione dell'annuale convegno del Forex che si tiene a Napoli. «Ci sono varie cose che si possono osservare a proposito della riforma. La prima - ha spiegato il governatore - è che le nuove regole di modifica di Basilea 2 non impediscono la ripresa. In primo luogo perché le modifiche avverranno con il necessario gradualismo, dal momento che sono previsti congrui periodi di grandfathering». In altri termini, i periodi di tolleranza rispetto all'introduzione della riforma dell'accordo interbancario di Basilea sono - ha detto il governatore - «sufficientemente lunghi perché il mercato non sconti da oggi gli effetti dei cambiamenti introdotti».
La seconda osservazione da fare, secondo Draghi, riguarda la dinamica del credito: «Già oggi il credito o non cresce o addirittura, in alcune parti dell'Eurozona, diminuisce, senza che sia entrata in vigore alcuna riforma di Basilea». In sostanza, quindi, le nuove norme in via di definizione non possono essere invocate come un alibi rispetto a un'erogazione del credito a imprese e famiglie che avviene ancora in modo stentato. «In realtà - ha aggiunto Draghi - le banche oggi, non hanno difficoltà né di raccolta di fondi né, per la maggior parte, di capitale, però preferiscono investire altrove, in impieghi più remunerativi». In questo caso il riferimento è a quegli intermediari che raccolgono a tassi bassi in occidente e poi impiegano le loro risorse in titoli di stato dei paesi emergenti.
Il governatore ha poi spiegato che fra i sette grandi esiste ampio consenso sulla necessità di ridurre al massimo gli effetti di arbitraggio regolamentare; si tratta di quei varchi normativi dei quali si avvantaggiano gli operatori più spregiudicati. Ma «tutti i paesi sono uniti» in questa battaglia, ha osservato il governatore. A chi osservava che tuttavia in questo momento alcuni paesi sembrano muoversi in ordine sparso, Draghi ha replicato: «Occorre distinguere. Esistono alcuni campi per i quali l'obiettivo da raggiungere è l'armonizzazione massima: è il caso, ad esempio, delle normative sul capitale e sulla liquidità degli intermediari». Per altre regole, invece, il discorso è diverso, come nel caso della normativa destinata a scaturire dalla discussione sul too big to fail cioè le aziende rilevanti a livello sistemico per le quali occorre limitare i rischi di azzardo morale. «In questo caso vale la logica dell'armonizzazione minima: si deve cercare di creare un floor, un pavimento comune e poi chi ritiene opportuno essere più esigente lo fa, che è poi quanto già avviene in molti paesi europei». In ogni caso, ha rimarcato il governatore «l'economia è ancora debole. E le banche, che hanno perdite su crediti e vedono aumentare le sofferenze, devono economizzare sul capitale e stare attente sulle politiche dei dividendi».
Infine, a chi chiedeva se sul terreno delle regole il primato debba spettare alla politica o ai tecnici della finanza, il governatore ha risposto lasciando capire che non esiste alcuna contrapposizione fra le due funzioni: «Tutti partecipano all'elaborazione delle regole, politici e tecnici», ha spiegato. «Sulla regolamentazione centralizzata del trading di derivati ad esempio - ha evidenziato Draghi - ci sono anche proposte legislative in vari paesi. Siamo tutti al lavoro su questo fronte». La sintonia sembra dunque completa anche con il messaggio finale lanciato dal ministro del paese ospite del G-7 di Iqaluit, il canadese Jim Flaherty: «Le istituzioni finanziarie devono condividere i costi della crisi».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quinto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Allerta «licenziamento» per 50mila revisori nelle Srl
Nella srl si può nominare il sindaco senza sottoporre la...
Eurobond o Coronabond: cosa sono e differenze con il MES
Rischio insolvenze per 45 miliardi
Relazione unitaria dei sindaci-revisori con vista sugli effetti...
Adeguatezza degli assetti organizzativi fuori dal rinvio...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Crisi d'impresa al primo test per sindaci e revisori
ReportCalcio 2019 della Figc
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Riforma diritto fallimentare. Istituzione dell'organo di...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Srl, in ordine sparso sui collegi
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Nelle imprese c'è posto per 193mila super-tecnici. Ma uno...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
La rappresentazione in bilancio delle commesse pluriennali
Come investire i risparmi senza rischi
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Una spinta a Pir e venture capital
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Società in house un ibrido mal riuscito
Amore e passione in ufficio per un lavoratore su due
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)