Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Credito più difficile con Basilea 2 ma Draghi bacchetta le banche
di Luigi Dell'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 7 aprile 2008

Trascorso l'anno del rodaggio, dal primo gennaio è entrato a regime l'accordo di Basilea 2 sui criteri di accesso al credito. Un banco di prova decisivo per capire l'impatto che le nuove regole potranno avere sul tessuto imprenditoriale italiano, caratterizzato per il 95% da piccole e medie imprese che potrebbero patire i criteri più restrittivi. A maggior ragione nella situazione attuale di mercato, caratterizzata da una restrizione del credito a livello internazionale e dalla crescita dei tassi.
La normativa internazionale impone alle banche dei paesi aderenti di accantonare quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari crediti concessi e di segmentare la clientela attraverso sofisticate analisi di rating. Quindi, i dati di ciascuna azienda cliente dovranno essere passati al setaccio per redigere una sorta di pagella che ne attesti la solidità patrimoniale, l'affidabilità dimostrata nei precedenti rapporti con il sistema bancario e la solvibilità futura. I tassi applicati diventano proporzionali al giudizio espresso dall'istituto di credito: per quanto riguarda le realtà più grandi, che hanno un rapporto consolidato con le banche, non sono previsti grandi cambiamenti, anzi queste realtà hanno la possibilità di spuntare condizioni migliori rispetto al passato grazie a sistemi di certificazione dei bilanci e alla presenza di professionisti interni chiamati ad approntare la documentazione richiesta allo sportello. Mentre problemi maggiori potrebbero esservi per le realtà più piccole, abituate per decenni a un rapporto fiduciario basato sulla conoscenza diretta più che su analisi oggettive.
«E' ancora presto per fare un primo bilancio, considerato che sono trascorsi solo tre mesi dall'entrata in vigore a pieno regime della normativa, ma non ci attendiamo stravolgimenti, anche perché il mercato del credito in Italia attraversa un buon periodo, con una bassa incidenza delle insolvenze - osserva Gianfranco Torriero, responsabile Centro Studi e Ricerche dell'Abi -. I dati che arrivano dall'Osservatorio permanente sui rapporti tra banche e imprese fanno prevedere un impatto non traumatico sul sistema imprenditoriale, anche se non è escluso che alcune realtà più piccole possano risentire del passaggio da un sistema di valutazione soggettivo a uno più oggettivo».
Dall'inizio dello scorso anno gli istituti di credito si sono mossi soprattutto sul versante della formazione: molti hanno messo a disposizione della clientela questionari per l'autodiagnosi finanziaria, che consentono alle realtà imprenditoriali di valutare il proprio posizionamento in virtù delle nuove normative. Negli ultimi mesi, inoltre, si stanno svolgendo numerosi seminari e incontri di consulenza sui nuovi sistemi di classificazione. Tra i prossimi appuntamenti va segnalato il seminario organizzato dall'Abi per il 23 e 24 aprile all'Hotel Ergife di Roma, dal titolo "Basilea 2 alla prova dei fatti", che servirà a tracciare un primo bilancio dell'applicazione.
Nonostante gli sforzi, però, siamo ancora in ritardo. Il governatore della Banca d'Italia, Mario Draghi, a metà settimana ha bacchettato il sistema creditizio italiano che, secondo l'ultima relazione tecnica messa a punto dal servizio di Vigilanza della banca centrale, non si è ancora adeguato alle best practice dei gruppi internazionali. Un problema, comunque, che riguarda soprattutto le banche più piccole, meno strutturate per mettersi rapidamente al passo.
Sull'impatto di Basilea sarà decisivo l'approccio seguito dai singoli istituti di credito: ad esempio, le Banche di credito cooperativo hanno creato un proprio metodo di classificazione dei rischi che assolve ai principi generali di Basilea 2, ma si adatta alle specificità dei territori e delle varie classi di clientela. «Guardando al medio termine - riprende Torriero - la nuova normativa produrrà conseguenze positive anche per le imprese più piccole, in quanto le abituerà a un sistema di disclosure, per usare una terminologia anglosassone che indica l'apertura totale nei confronti del partner bancario, condizione necessaria per assicurare una collaborazione di lungo periodo».
Nel breve, però, potrebbe verificarsi qualche disagio, secondo Gabor David Friedenthal, della società di consulenza Value Partners. «I rischi maggiori arrivano dal contesto macroeconomico. Da quando la crisi dei subprime Usa si è allargata all'intero settore finanziario, si registra sui mercati una contrazione della liquidità. Le banche sono diventate più diffidenti nel prestarsi denaro a vicenda e, di conseguenza, nel concedere prestiti alla clientela finale - spiega -. Il risultato è che, a parità di condizioni, oggi i finanziamenti sono più costosi rispetto a qualche mese fa». Non solo: la maggiore prudenza sta spingendo gli istituti di credito a selezionare con criteri più restrittivi la clientela.
In condizioni simili, il rischio è che si produca una spirale fatta di deterioramento della sfiducia, meno prestiti e rallentamento economico che si autoalimenta fino a produrre una crisi di sistema. Un'eventualità che, tuttavia, Friedenthal esclude: «Le banche sono consapevoli di non poter scaricare qualsiasi rialzo dell'Euribor sulla clientela finale, altrimenti rischiano di perdere affari. I rischi maggiori riguardano soprattutto le piccole imprese che non hanno un legame consolidato con gli istituti di credito del territorio e non operano all'interno di contesti organizzati, come le filiere o i distretti». Nel medio termine, in ogni caso, l'impatto sul sistema non potrà che rivelarsi positivo anche per il consulente di Value Partners. «Le pmi si stanno riorganizzando per venire incontro alle richieste del sistema bancario, che chiede trasparenza e stabilità patrimoniale e di cassa. Probabilmente questo favorirà una crescita del factoring, con la banca che diventa partner dell'azienda cliente, condividendone il processo di gestione del circolante».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Sedata la crisi d'impresa
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Cassa mutua per i professionisti
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Una società è responsabile?
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
ISA 2018, le modifiche
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)