Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Credito, Basilea 2 parte a scartamento ridotto
di Isabella Bufacchi
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 2 gennaio 2008

Basilea 2, la nuova disciplina prudenziale con modalità di misurazione innovative del rischio di credito per il calcolo del patrimonio di vigilanza di banche e intermediari, prende il via definitivamente e inderogabilmente nel 2008, dopo la falsa partenza del 2007: ma il decollo sarà comunque lento e graduale senza big bang.
Nessuna grande banca italiana ha già incassato dalla Banca d'Italia l'autorizzazione per poter iniziare a usare i rating interni avanzati sul piano patrimoniale. Le banche italiane, grandi e piccole, inaugurano il 2008 con il metodo "standardizzato" per calcolare l'assorbimento patrimoniale: i rating interni continueranno a essere applicati ai soli fini gestionali. Norme stop-and-go. La direttiva 2006/48/CE entrata in vigore il primo gennaio 2007 prevedeva un periodo transitorio per tutto il 2007 per continuare ad applicare Basilea 1 (come poi è stato fatto in tutta Europa), e stabiliva anche un'eccezione: fissava la partenza al primo gennaio 2008 delle norme comunitarie relative all'adozione del metodo cosiddetto "avanzato" del rating interno per la misurazione dei rischi di credito e operativi. Il rating interno avanzato è il sistema più sofisticato di tutti perché consente alle banche di utilizzare esclusivamente modelli interni in tutti i parametri con cui si determina il rischio di credito (il rating ovvero la probabilità che il debitore diventi insolvente). La Banca d'Italia è alle prese con la documentazione mammoth di Basilea 2 e con una miriade di autorizzazioni da rilasciarsi su vari livelli: solo lo scorso 28 dicembre, per esempio, via Nazionale ha emanato la seconda bozza di una documentazione tecnica utile ad alcune segnalazioni prudenziali Basilea 2 (anche sui derivati) in vigore dal prossimo marzo. Dopo la conclusione delle verifiche informali dei criteri organizzativi e quantitativi, nel corso del 2008 la Banca d'Italia procederà ai riconoscimenti dei metodi avanzati con istanze formali di autorizzazione. Tempi lunghi. Nel 2007 le banche italiane avrebbero potuto iniziare a calcolare il patrimonio di vigilanza con il metodo standardizzato (che usa rating esterni o coefficienti patrimoniali uguali a Basilea 1 per le imprese senza rating) oppure con il metodo di rating interno di primo livello "foundation": hanno preferito usare la carta del rinvio. Adesso nel gennaio 2008 sono pronte ad applicare il metodo standardizzato, ma le grandi banche con una massa critica di impieghi e affidati adeguata non hanno ancora tagliato i nastri dell'autorizzazione per il rating interno avanzato. Secondo fonti autorevoli bene informate vicine a via Nazionale, l'accelerazione del processo di concentrazione e acquisizione nel sistema bancario italiano degli ultimi due anni ha rallentato, e molto, l'applicazione dei nuovi criteri prudenziali per Basilea 2: UniCredit-Capitalia, Intesa-San Paolo, Mps-Antonveneta si sono dovute organizzare per ripianificare un modello unico per Basilea 2.
Chi vince, chi perde. Se il sistema bancario italiano dovesse risultare in ritardo rispetto alla concorrenza estera, nell'uso dei rating interni avanzati di Basilea 2, rischierebbe un netto svantaggio competitivo: il sistema dei rating interni infatti consente alle banche di risparmiare in termini di patrimonio di vigilanza perché, a differenza di Basilea 1, le imprese non finanziarie con rating alti assorbono molto meno capitale rispetto al passato. Chi gestisce bene i rischi e fa una buona selezione e valutazione del debitore-controparte viene premiato da Basilea 2: Basilea 1 assegnava i coefficienti in base al tipo di debitore e non alla sua affidabilità.
Per le imprese Pmi, il fatto che il metodo standardizzato quest'anno sarà dominante tra le controparti bancarie italiane non dovrebbe avere ricadute negativa sul costo del credito. Per le aziende di dimensioni medie e medio-piccole che non hanno rating, il metodo standardizzato prevede un coefficiente di ponderazione al 100% esattamente come avviene adesso per Basilea 1 (Basilea 1 assegnava il 100% alle imprese private non bancarie, il 20% a banche ed enti locali e lo 0% agli Stati). Per le aziende più piccole, nel metodo standardizzato potrebbe esserci addirittura un vantaggio: le Pmi con un fatturato inferiore ai 5 milioni di euro, che rientrano nella definizione di retail, hanno un coefficiente di ponderazione al 75 per cento.
Più del 50% del sistema bancario italiano (rappresentato dai primi cinque gruppi) resta tuttavia intenzionato all'applicazione del sistema avanzato. E lo farà al più presto per risparmiare patrimonio prudenziale. I rating interni elaborati dalle banche esistono già da tempo e vengono usati in maniera diffusa a fini gestionali. Il rating interno avanzato spingerà le banche a una maggiore selezione e a stringere un rapporto più diretto con l'imprenditore. Il multiaffidamento dovrebbe lasciare il posto all'uso delle garanzie e dei confidi. E le imprese? Anche le Pmi dovranno essere adeguatamente capitalizzate, più trasparenti e capaci di dosare con saggezza la leva del debito.

* * *

Il sistema

Che cosa è Basilea 2? Basilea 2 è un accordo vincolante riconosciuto da 100 banche centrali e autorità di vigilanza che stabilisce una nuova disciplina prudenziale per banche e intermediari a partire dal gennaio 2008.
Qual è il principio base? L'effettivo grado di esposizione e gestione dei rischi (di credito, controparte, di mercato e operativi) di banche e intermediari.
Perché il rating è importante? Basilea 2 propone due metodi di misurazione del rischio di credito per l'assorbimento patrimoniale . Il metodo "standard" con rating esterni e il metodo del rating interno di tipo "foundation" o "avanzato".

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Lo stage è sempre retribuito?
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Come creare start up innovative
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Consulenti e revisori insieme
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Più tempo per la formazione
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)